Reddito di cittadinanza - validità per sei mesi delle domande presentate prima della conversione in legge del decreto 4/2019

L'articolo 13 del decreto del Rdc recita: sono fatte salve le richieste del Rdc presentate sulla base della disciplina vigente prima della data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. I benefìci riconosciuti sulla base delle predette richieste sono erogati per un periodo non superiore a sei mesi pur in assenza dell'eventuale ulteriore certificazione, documentazione o dichiarazione sul possesso dei requisiti, richiesta in forza delle disposizioni introdotte dalla legge di conversione del presente decreto ai fini dell'accesso al beneficio.

Siccome ho compilato la domanda per il RdC il 6 marzo, volevo capire, sulla base di tale articolo, l'Inps verificherà i requisiti tramite l'isee ordinario o isee minorenni, quest'ultimo da me compilato con il genitore non coniugato e non convivente.

L'articolo 5 del decreto legge 4/2019, al comma 3, precisa che Il Rdc è riconosciuto dall'INPS ove ricorrano le condizioni: ai fini del riconoscimento del beneficio, l'INPS verifica, entro cinque giorni lavorativi dalla data di richiesta, il possesso dei requisiti per l'accesso al Rdc sulla base delle informazioni disponibili nei propri archivi e in quelli delle amministrazioni collegate.

La DSU da cui verrà calcolato l'ISEE da associare alla richiesta di reddito di cittadinanza, per la verifica di sussistenza dei requisiti, sarà quella valida dal 6 all'11 marzo.

29 marzo 2019 · Carla Benvenuto

Altre discussioni simili nel forum

reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca