Reddito di cittadinanza per single dopo la conversione in legge del decreto 4/2019

Ho presentato la domanda del reddito di cittadinanza il 6 marzo, inserendo il genitore non coniugato e non convivente nell’isee minorenni.

Adesso che è stata approvata la cosiddetta stretta sui single, siccome che ho presentato la domanda prima di tale approvazione, posso anche io usufruire del RDC per 6 mesi, nonostante il fatto che calcolando anche l’altro genitore non rientro nei requisiti?

Sono fatte salve le richieste del Reddito di Cittadinanza presentate sulla base della disciplina vigente prima della data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto 4/2019. I benefìci riconosciuti sulla base delle predette richieste sono erogati per un periodo non superiore a sei mesi pur in assenza dell’eventuale ulteriore certificazione, documentazione o dichiarazione sul possesso dei requisiti, richiesta in forza delle disposizioni introdotte dalla legge di conversione del presente decreto ai fini dell’accesso al beneficio.

E’ quanto dispone l’articolo 13 del decreto legge 4/2019 modificato in sede di conversione in legge.

29 Marzo 2019 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ultimi chiarimenti su reddito di cittadinanza - Data di entrata in vigore della legge 26/2019 di conversione del decreto 4/2019
Ho letto tutte le delucidazioni che avete dato in merito alla questione genitori single: la domanda l'ho presentata il 29 marzo e la legge è stata pubblicata in gazzetta ufficiale il 29/3, ma da quel che mi ricordo la data in vigore è da considerarsi il 30 marzo. Siccome con il genitori naturale non convivente con isee farei 14000 anziché 9000, potrei comunque beneficiare dell'articolo 13 del decreto legge 4/2019 a cui è aggiunto il comma 1 bis e quindi usufruire di sei mesi di Rdc? ...

Reddito di cittadinanza - validità per sei mesi delle domande presentate prima della conversione in legge del decreto 4/2019
L'articolo 13 del decreto del Rdc recita: sono fatte salve le richieste del Rdc presentate sulla base della disciplina vigente prima della data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. I benefìci riconosciuti sulla base delle predette richieste sono erogati per un periodo non superiore a sei mesi pur in assenza dell'eventuale ulteriore certificazione, documentazione o dichiarazione sul possesso dei requisiti, richiesta in forza delle disposizioni introdotte dalla legge di conversione del presente decreto ai fini dell'accesso al beneficio. Siccome ho compilato la domanda per il RdC il 6 marzo, volevo capire, sulla base di tale ...

Reddito di cittadinanza - Modifiche apportate in sede di conversione in legge del decreto 4/2019 per genitori single e coppie separate giudizialmente dopo il primo settembre 2018
Separati e divorziati dopo il primi settembre 2018 Qualora la separazione sia avvenuta dopo il 1° settembre 2018, i coniugi separati che facciano domanda saranno esclusi dal beneficio senza appositi verbali certificati dalla polizia locale sul cambio di residenza. Infatti, l'articolo 2, comma 5, lettera (a) numero 1 del decreto legge 4/2019 diventa: a) i coniugi permangono nel medesimo nucleo anche a seguito di separazione o divorzio, qualora continuino a risiedere nella stessa abitazione; se la separazione o il divorzio sono avvenuti successivamente alla data del 1° settembre 2018, il cambio di residenza deve essere certificato da apposito verbale della ...

Dove mi trovo?