Furto o indebita fruizione di energia elettrica?

In seguito ad una procedura di separazione, che porterà ad un successivo divorzio, ho deciso di trasferirmi dalla casa del mio quasi ex marito. Recentemente, mi sono accorta però che l'allaccio effettuato da lui alla corrente elettrica è abusivo. In verità non mi ero mai interessata del pagamento delle bollette per il semplice fatto che la casa in questione è stata comprata da lui prima del matrimonio e che dunque è esclusivamente di sua proprietà.

In questo caso potrebbero esserci ripercussioni anche per me? E in caso di che tipo?

Nella fattispecie qui riferita, non è detto che lei debba essere consapevole dell'allaccio abusivo alla rete di distribuzione di corrente elettrica. Mi spiego meglio: lei potrebbe alloggiare in un immobile precedentemente affittato ad una Pubblica Amministrazione che, cessato il contratto di locazione non abbia effettuato il recesso dal contratto di fornitura di corrente (non si tratta di un caso infrequente): cosicché solo il suo coniuge, ormai separato, potrebbe essere conscio dell'indebita fruizione di energia elettrica dal momento che, continuando ad essere contabilizzati alla Pubblica Amministrazione, i consumi non generano pagamenti in bolletta e nemmeno tramite addebito permanente sul suo conto corrente.

Se, invece, c'è stata una evidente manomissione al contatore dei consumi, oppure il prelievo viene effettuato attraverso l'inserimento abusivo nella rete di distribuzione, impianto anch'esso rilevabile icto oculi, lei è inevitabilmente complice di un furto di energia elettrica con tutte le aggravanti del caso (articolo 624 del codice penale - un anno di reclusione e 200 euro di multa, in media).

Il suggerimento è allora quello di informare il coniuge separato che lei non intende perpetrare un reato rischiando di essere censita al casellario giudiziale. Delle due l'una: o l'impianto abusivo di prelievo di energia elettrica viene rimosso, almeno durante la sua permanenza in quella casa, oppure le converrà trovare, al più presto, altra sistemazione.

14 ottobre 2018 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore gas acqua luce - situazioni particolari

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fatture energia elettrica e gas: arrivano i cacciatori di bollette » Eni, Enel, Edison e Sorgenia si affidano a società di recupero crediti
Le società erogatrici di energia non riescono più a riscuotere le somme delle fatture inviate ai consumatori, così, entrano in scena i cacciatori di bollette: scopriamo chi sono. Dall'inizio della crisi, ormai circa 10 anni fa, molte famiglie e aziende italiane sono in difficoltà. Chi ha perso il proprio lavoro, ...
Contatore di energia elettrica » Manca il sigillo? Il reato di furto non sussiste
Non vi è furto di energia elettrica se l'erogazione del servizio non viene interrotta: in caso manchi materialmente l'interruzione del servizio, che si manifesta con l'apposizione del sigillo, consentire all'utente la possibilità di prelevare ancora energia non fa scattare il reato. Il delitto di furto è caratterizzato dal punto di ...
Morosità per forniture di energia elettrica » Informazioni utili
In questo articolo parleremo di tutti i problemi cui si va incontro in caso di morosità per la fornitura di energia elettrica, ovvero, quando non si paga o si paga in ritardo una bolletta della luce. Forniremo, inoltre, alcune dritte e informazioni su come potersi tutelare in caso di distacco ...
Distacco della fornitura di energia elettrica senza preavviso? » Scatta il risarcimento danni
Il distacco, da parte del fornitore, dell'erogazione di energia elettrica senza preavviso, e senza la prova documentale di un contratto, determina una responsabilità extracontrattuale del gestore. In questo caso, il consumatore ha diritto al risarcimento danni non patrimoniale. Ciò è quanto si evince dalla sentenza 334/2014, emessa dal giudice di ...
Bollette per la fornitura di energia elettrica, gas e acqua - Prescrizione ridotta a due anni
La Legge 205/2017, articolo 1, commi 4-10 (Legge di bilancio 2018), ha previsto la riduzione del termine di prescrizione da cinque a due anni per il pagamento delle bollette relative alla fornitura di energia elettrica, gas e acqua (articolo 1, comma 4 Nei contratti di fornitura di energia elettrica e ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca