Furto di energia elettrica dal proprio condominio – Che cosa rischio?

Argomenti correlati:

Dopo anni di stenti e problemi economici di grave entità, mi è stata definitivamente staccata l’utenza elettrica, proprio l’anno scorso.

Purtroppo sono padre di due bambini ancora minorenni e, non sapendo più cosa fare, sono riuscito ad allacciarmi abusivamente al contatore del condominio dove vivo (il quale alimenta le scale).

Fin ora non se n’è mai accorto nessuno ma vorrei sapere, in caso venissi scoperto, cosa rischio?

E’ grave come se mi allacciassi abusivamente ad un privato?

Quando dovrò pagare di multa? La questione è anche penale?

Il furto di energia elettrica è una problematica che colpisce da sempre il mercato energetico: un’azione, secondo la legge italiana, inequivocabilmente abusiva.

Se si ruba la corrente da una struttura pubblica o direttamente da un privato (pensiamo all’allacciamento prima del contatore, sottraendo così l’energia direttamente alla società erogatrice o nel secondo caso direttamente presso un’altra abitazione) la questione va sicuramente configurata in ambito penale, dato che si tratta di furto aggravato.

In tali ipotesi si può procedere anche senza querela.

La questione che lei ci pone, però, è diversa: ci sta chiedendo cosa accade se si sottrae energia elettrica direttamente dal contatore del proprio condominio, dove tutti, anche lei insomma, pagano la propria quota in millesimali.

Ebbene, il reato non è diverso da quelli prima citati.

Infatti, secondo la Corte di Cassazione, principio enunciato con sentenza 4939/18, configura reato di furto aggravato anche l’allaccio abusivo al contatore elettrico condominiale: è del tutto ininfluente, ai fini della sussistenza dell’aggravante in questione, la circostanza nella quale l’allacciamento abusivo sia avvenuto a valle o a monte del contatore condominiale, trattandosi comunque di energia elettrica, bene oggettivamente destinato ad un’utilità collettiva.

Dunque, l’allaccio abusivo al contatore elettrico condominiale è reato aggravato, punibile con la reclusione fino a quattro mesi.

Anzi, in questo caso, c’è un’ulteriore aggravante: l’aver rubato un bene destinato al pubblico servizio.

2 Febbraio 2018 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Guidare sprovvisto di assicurazione rc auto - Che cosa rischio concretamente?
Da qualche giorno mi è scaduta l'assicurazione alla macchina: non posso rinnovarla a causa di problemi economici molto gravi e non so cosa fare. Devo andare obbligatoriamente a lavorare e ho bisogno dell'auto per prendere mio figlio a scuola. Ora vorrei sapere, nel caso decidessi, per un periodo, di non rinnovarla, a cosa andrei incontro se venissi fermato o in qualsiasi spiacevole inconveniente? ...

Furto di energia elettrica - L'eventuale situazione di indigenza non è idonea ad integrare lo stato di necessità
Non è giustificabile la condotta del capofamiglia che decide di usufruire gratis nel proprio appartamento della fornitura di energia elettrica (Corte di Cassazione, sezione penale, sentenza 121/2019). La giurisprudenza penale ha più volte chiarito che la situazione di indigenza non è di per sé idonea ad integrare la scriminante dello stato di necessità, per difetto degli elementi dell'attualità e dell'inevitabilità del pericolo, atteso che alle esigenze delle persone che versano in tale stato è possibile provvedere per mezzo degli istituti di assistenza sociale. Il principio è stato successivamente ribadito, rilevandosi che l'esimente dello stato di necessità postula il pericolo attuale ...

Furto o indebita fruizione di energia elettrica?
In seguito ad una procedura di separazione, che porterà ad un successivo divorzio, ho deciso di trasferirmi dalla casa del mio quasi ex marito. Recentemente, mi sono accorta però che l'allaccio effettuato da lui alla corrente elettrica è abusivo. In verità non mi ero mai interessata del pagamento delle bollette per il semplice fatto che la casa in questione è stata comprata da lui prima del matrimonio e che dunque è esclusivamente di sua proprietà. In questo caso potrebbero esserci ripercussioni anche per me? E in caso di che tipo? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Furto di energia elettrica dal proprio condominio – Che cosa rischio?