Verifiche e controlli sulla fruizione della tariffa agevolata di energia elettrica per uso domestico residente

Ho acquistato una casa ove non vorrei portarci la residenza ma in questo caso pagherei la luce per non residenti.

Se io portassi la residenza in questa abitazione e quindi farei fare l'allaccio per residenti e poi successivamente cambierei residenza loro se ne accorgono in qualche modo o lo vengono a sapere solo se la comunicazione viene effettuata da me?

Per i clienti domestici la tipologia di contratto si distingue tra residenti e non residenti, in base alla residenza anagrafica del titolare del contratto di fornitura di energia elettrica. La distinzione è rilevante per l'applicazione della componente di dispacciamento relativa ai Servizi di vendita, delle tariffe di rete e delle imposte e comporta costi di circa il 30% in più per un uso domestico non residente.

Non affrontiamo, naturalmente, l'ipotesi banale in cui l'utente stipuli due contratti di fornitura di energia elettrica con la stessa società per due abitazioni diverse intestate allo stesso soggetto ed entrambe caratterizzate da uso domestico residente. Fin troppo facile intuire che, presto o tardi, l'incongruenza salterebbe fuori.

L'applicazione della tariffa viene determinata sulla base di un'autocertificazione del contraente il quale dichiara di avere residenza anagrafica nell'abitazione in cui è attiva la fornitura. Il contratto sottoscritto prevede poi, fra le varie clausole, l'obbligo di comunicazione di qualsiasi variazione della residenza anagrafica.

Il rischio di una autocertificazione non corrispondente al vero comporta la decadenza dai benefici eventualmente conseguiti (tariffa per uso domestico residente) e la denuncia penale per falso.

L'eventuale inadempienza contrattuale comporta il rischio, in seguito a controlli ispettivi, di dover rimborsare i risparmi fruiti per almeno gli ultimi cinque anni.

Al momento non risulta fattibile la possibilità di effettuare controlli automatici incrociati fra i dati contrattuali disponibili presso le società di fornitura di energia elettrica e quelli anagrafici.

I controlli vengono effettuati a campione dal personale dell'Autorità per l'Energia ed il Gas (AEEG) e dalla Guardia di Finanza presso le società di fornitura di energia elettrica e riguardano, per i clienti che hanno prodotto autocertificazione, la verifica della residenza per il riconoscimento della tariffa relativa ad uso domestico residente.

28 luglio 2015 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore gas acqua luce

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Bolletta per l'energia elettrica » Arrivano i bonus per le famiglie a basso reddito
Nell'articolo che segue, vi illustreremo quali sono requisiti e modalità di accesso al bonus per l'energia elettrica: compensazione del 30% direttamente in bolletta. I clienti domestici economicamente disagiati hanno diritto al cosiddetto bonus elettrico: si tratta di uno sconto annuale sulle bollette dell'energia elettrica, che per il 2017 è stato ...
Viola la normativa sulla privacy il datore di lavoro che effettua verifiche indiscriminate sulla posta elettronica e sulla navigazione web del personale
Viola la normativa sulla privacy (oltre che lo Statuto dei lavoratori) il datore di lavoro che effettua la raccolta e conservazione dei file di log relativi al traffico internet contenenti, tra gli altri, il MAC Address (Media Access Control Address), l'indirizzo IP nonché informazioni relative all'accesso ai servizi internet, all'utilizzo ...
Notifica della cartella esattoriale nelle mani del destinatario - legittima anche se effettuata in luogo diverso dal domicilio o dalla residenza
La notifica nelle mani del destinatario, anche se effettuata in luogo diverso da quello in cui lo stesso destinatario ha la normale residenza o il domicilio, è perfettamente valida, per avere raggiunto lo scopo di portare a conoscenza del soggetto l'atto notificato. Infatti il riferimento ai criteri della residenza, domicilio, ...
Agevolazioni fiscali prima casa - Per fruirne non basta stipulare contratti di fornitura di energia
La fruizione dell'agevolazione fiscale prima casa richiede che l'immobile sia ubicato ove l'acquirente ha, ovvero ove stabilisca la residenza entro un anno dall'acquisto senza che alcuna rilevanza giuridica possa essere riconosciuta né alla realtà fattuale, ove questa contrasti con il dato anagrafico, né all'eventuale ottenimento della residenza oltre il limite ...
Tutela del consumatore - attività antitrust nel settore della fornitura di energia elettrica e gas
Nel settore energetico (fornitura di energia elettrica e gas), le istruttorie chiuse nel 2012 in materia di tutela del consumatore si sono concentrate sul fenomeno delle cosiddette attivazioni di forniture non richieste e su quello delle offerte di tariffe scontate. Sono state concluse due istruttorie nei confronti delle società Eni ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca