Accredito disoccupazione – Temo pignoramento del conto corrente

Sto per ricevere un atto di pignoramento sul conto corrente bancario: non ho fondi su tale conto, però mi ci verrà accreditata la disoccupazione che è più o meno di 800 euro mensili. Volevo sapere, quindi, se c’è un modo per prendere questi soldi senza usare il mio conto corrente cioè se sia possibile farmi fare dall’INPS un accredito su conto corrente intestato ad altra persona.

Questi soldi, avendo perso il lavoro, saranno necessari alla mia sussistenza e perciò non voglio che vengano pignorati neanche del quinto.

Naturalmente, non è possibile che l’INPS accrediti le somme dovute a Caio su un conto corrente intestato a Tizio.

Può provare, tramite CAF, a chiedere all’INPS che l’indennità di disoccupazione le sia corrisposta in contanti se si tratta di importi inferiori a mille euro.

Peraltro, in base all’articolo 545 del codice di procedura civile (cosi’ come modificato dal decreto legge 83/15) le somme da chiunque dovute a titolo di stipendio, salario, altre indennita’ relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, non possono essere pignorate nel caso di accredito su conto bancario o postale intestato al debitore, per l’importo eccedente il triplo dell’assegno sociale (circa 1.500 euro) quando l’accredito ha luogo in data anteriore al pignoramento.

22 Ottobre 2015 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti dal blog

Dove mi trovo?