Accertamenti per DSU/ISEE mendace e Reddito di Cittadinanza (RdC)

Ho 23 anni e vivo per conto mio: mesi fa, tramite il CAF, ho fatto richiesta e ottenuto il reddito di cittadinanza: ad oggi mi è stato sospeso dall’INPS con la seguente motivazione: “Accertamento della non veridicità del nucleo familiare monocomponente”.

Ho scoperto che avendo un’età inferiore a 26 anni, non lavorando, non essendo coniugato e non avendo figli, non posso fare un nucleo familiare “mio” diverso da quello dei miei genitori, e di conseguenza non posso avere nemmeno un mio ISEE e DSU (so che è stato bloccato a tutti gli under 26 monocomponente per questo motivo).

Tutto questo però, non mi era stato detto dal CAF a cui mi sono rivolto, e mi sono affidato a loro per fare tutti i documenti necessari (domanda all’INPS, ISEE, DSU, ecc). Se mi avessero detto che per la mia età non rispettavo i requisiti per avere il reddito di cittadinanza, ovviamente non avrei fatto niente.

Adesso che conseguenze mi devo aspettare? A parte la probabile restituzione di quanto ricevuto, avrò delle sanzioni ulteriori e dei reati penali? Possono essermi notificati anche tra anni?
La revoca e la restituzione che mi verranno applicate, che danno per scontato quindi aver ricevuto indebitamente il reddito di cittadinanza, non ha come conseguenza automatica la segnalazione alle autorità e il reato?

Ho letto che è reato ricevere il reddito di cittadinanza presentando documenti falsi, informazioni non vere o mancanti, ma io non ho presentato né documenti falsi né omesso/falsificato informazioni, ho svolto le pratiche per uscire dal nucleo familiare e ho ovviamente residenza diversa dai miei genitori, ho fatto tutto il necessario (comune, anagrafe ecc), e mi sono solamente affidato al CAF per fare ISEE, DSU e domanda all’INPS, che mi aveva detto essere tutto regolare.
È possibile che il mio ISEE e DSU, facendo riferimento a un nucleo familiare che di fatto per legge non può esistere (a causa di quanto scritto sopra), possano essere considerati come dei documenti falsi/non dichiaranti la realtà?

Cercheremo di essere brevi: quando il CAF trasmette la DSU all’INPS si presume che essa sia stata attentamente esaminata dal richiedente che l’approva e la sottoscrive (nella forma cartacea).

Peraltro, il richiedente deve sottoscrivere i moduli della DSU cartacea che restano al CAF e che riportano in piè di pagina: io sottoscritto, consapevole delle responsabilità che mi assumo, ai sensi dell’articolo 76 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 445/2000, per falsità in atti e dichiarazioni mendaci, dichiaro di aver compilato il presente modulo e che quanto in esso espresso è vero ed è accertabile ai sensi dell’articolo 43 del citato DPR 445/2000, ovvero documentabile su richiesta delle amministrazioni competenti. Luogo, data e firma.

10 Novembre 2022 · Simone di Saintjust



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?