Diritto di abitazione » Morte padre? Madre può cacciare figlia di casa

Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l’ordine di rilascio dell’immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri.

Deve, infatti, ritenersi che il coniuge comproprietario dell’immobile, già in regime di comunione legale dei beni con il de cuius, in ragione della maggior quota e soprattutto nella sua veste di titolare del diritto di abitazione ex articolo 540, secondo comma, e dell’uso dei mobili che l’arredano, possa ottenere ex articolo 702 bis Cpc, che sia condannato all’immediato rilascio del bene uno dei figli, autosufficiente economicamente, fino ad allora convivente nella residenza familiare ma senza mai contribuire alla spese per gli oneri gravanti sull’abitazione, data l’intollerabilità della convivenza.

Questo il verdetto del Tribunale di Taranto, pronunciato con la sentenza 2577/13.

Diritto di abitazione: Le fattispecie e le considerazioni sulla sentenza

A mali estremi, estremi rimedi. La madre fa cacciare la figlia di casa perché la convivenza si è fatta intollerabile.

Morto il padre, con cui il coniuge era in regime di comunione legale, la ragazza diventa autonoma sul piano economico: mai, però, la giovane contribuisce alle spese per la casa, di cui pure è comproprietaria insieme con la mamma, che ha la quota maggiore, e con il fratello.

I rapporti familiari sono ormai rovinati ed ecco che il genitore, anche come titolare del diritto di abitazione, riesce a ottenere dal giudice un provvedimento che dispone il rilascio dell’immobile a carico della figlia.

Questo è ciò che si evince dall’interessante pronuncia, emessa di recente dal Tribunale di Taranto, con cui si stabilisce una regola, forse non a tutti conosciuta, nell’ambito dei rapporti tra familiari.

Partiamo dai fatti: muore un uomo che lascia una moglie e un figlio.

Quest’ultimo guadagna stabilmente ed è economicamente autonomo, ma non partecipa alle spese per la casa.

Così la madre chiede al Tribunale il suo allontanamento. È normale?

Per quanto potrà sembrare innaturale e, sicuramente, poco frequente, tutto ciò è possibile.

Vediamo perché.

Alla morte del marito, sui beni di questi si forma una comunione tra gli eredi che, in tal caso, sono madre e figlio.

Entrambi hanno, quindi, pari proprietà anche sull’abitazione familiare.

Tuttavia, la moglie ha qualcosa in più rispetto al figlio: si chiama diritto di abitazione della casa comune. Questo diritto le spetta per legge e prevale sui diritti degli altri contitolari dell’eredità.

In altre parole, la madre può mandare via di casa il figlio, se entra in contrasto con questi e, ovviamente, a condizione che quest’ultimo sia economicamente autonomo.

Pertanto è possibile dire che il diritto di abitazione, sulla casa familiare, del coniuge superstite, prevale sul diritto di comproprietà degli altri eredi e anche sul compossesso sulla casa medesima.

9 Dicembre 2013 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Al coniuge superstite non può mai essere conferita la qualità di possessore dei beni ereditari in conseguenza dell'esercizio del diritto di abitazione e di uso dei mobili che corredano la casa familiare
La permanenza del coniuge superstite dopo il decesso dell'altro coniuge nell'abitazione familiare appare qualificabile come esercizio del diritto di abitazione e di uso dei mobili che la corredano. Questo vale sia qualora il coniuge superstite sia legatario (successione per testamento) sia nell'ipotesi di successione legittima: pertanto deve escludersi che il fatto di continuare ad abitare, dopo l'apertura della successione, nella casa familiare e ad utilizzare i mobili che la corredano possa conferire al coniuge superstite la qualità di possessore di beni ereditari. Questo il principio giuridico enunciato dai giudici della Corte di cassazione con la sentenza 23406/15. ...

Il coniuge legittimo ha sempre il diritto di abitazione sull'immobile
Dopo il decesso di uno dei due consorti, al coniuge legittimo spetta sempre il diritto di abitazione della casa familiare, anche se concorre con altri eredi. Questo fondamentale concetto è stato sancito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 20703/2013, ha stabilito che: In tema di successione necessaria, secondo cui al coniuge, anche quando concorra con altri chiamati, sono riservati i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano, se di proprietà del defunto o comuni. Tali diritti gravano sulla porzione disponibile e, qualora questa non sia sufficiente, per ...

Diritto di abitazione » Il beneficiario che ha avuto in eredità l'immobile non può cacciare dall'abitazione il convivente del deceduto
Convivenza more uxorio: il beneficiario, il quale ha avuto in eredità l'immobile, non può cacciare dall'abitazione il convivente del deceduto. L'azione di spoglio per riprendere possesso dell'appartamento è legittima, perché con la lunga relazione si crea un interesse che merita tutela. La convivenza more uxorio, quale formazione sociale che dà vita ad un consorzio familiare, determina, sulla casa di abitazione ove si svolge e si attua il programma di vita in comune, un potere di fatto basato su un interesse proprio del convivente e diverso da quello derivante da ragioni di mera ospitalità. Tale interesse assume i connotati tipici di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su diritto di abitazione » morte padre? madre può cacciare figlia di casa. Clicca qui.

Stai leggendo Diritto di abitazione » Morte padre? Madre può cacciare figlia di casa Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 9 Dicembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Agosto 2017 Classificato nella categoria successione eredità e donazioni - nozioni generali collazione riduzione donazioni e disposizioni testamentarie lesive quota legittima Inserito nella sezione successione donazione rinuncia eredità

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)