Crisi e famiglia » Quanto costa oggi crescere un figlio?

Quanto costa crescere un figlio in tempo di crisi? Quanti figli è possibile mantenere, in base alle possibilità economiche presenti e future? A queste, ed altre, domande, rispondiamo nel prosieguo dell'articolo.

Partiamo da uno studio europeo: ad esempio, il costo medio che i genitori britannici devono sostenere per crescere i propri figli, si aggira attorno ai 9.500 euro annui per bambino.

Una cifra in cui sono compresi la scuola, solo pubblica, non privata, le vacanze, gli oggetti di uso quotidiano, il cibo, i vestiti, la paghetta, il necessario per la cura personale.

Una fetta importante della spesa è legata alla scuola, alle baby-sitter, agli impegni extrascolastici, ed è stata calcolata già a partire dall'asilo nido.

Sorprendentemente una grossa parte dei costi è costituita dalla spesa per il cibo, che ha visto un aumento dei costi del 14% negli anni considerati e conseguentemente ha portato a un incremento dell'11% del costo totale annuo per bambino.

Anche il prezzo delle vacanze è aumentato in maniera notevole, del 16% secondo lo studio.

La crisi economica ha fatto invece diminuire del 15% le spese per l'abbigliamento.

Conseguentemente, il costo per crescere un bambino al di sotto degli 11 anni è aumentato del 15 % negli ultimi cinque anni.

Questi costi si sono aggiunti alla già considerevole pressione sulle finanze delle famiglie durante l'attuale crisi economica. La spesa che più allarma è quella impiegata per baby-sitter e formazione, che incide per la metà del costo totale annuo delle spese di un bambino.

Una somma considerevole per la maggior parte delle famiglie.

Il problema in Italia

E nel Belpaese? Dalle annuali rilevazioni dell'Osservatorio Nazionale Federconsumatori (ONF) emerge un dato molto vicino a quello della realtà britannica: mantenere bene i figli costa, sempre di più.

La spesa, secondo il più recente degli studi dell'ONF, varia naturalmente in base al reddito familiare: considerando per esempio un reddito ipotetico di 34.000 euro annui, crescere un figlio fino ai 18 anni costa mediamente 171 mila euro, con variazioni legate alle zone di residenza che evidenziano costi minori nel Sud e nelle Isole e costi maggiori concentrati nelle zone del Nord-Est.

Le spese principali riguardano l'alimentazione (come nel Regno Unito), i trasporti e l'abitazione.

Globalmente i costi diretti di mantenimento e crescita di un figlio fino alla maggiore età, riporta Federconsumatori, comportano una maggiorazione tra il 25 il 35% delle spese per il nucleo familiare rispetto ad una coppia senza figli.

Il lato psicologico della crisi

Il prezzo dei figli non è solo un dato economico, ma deve essere calcolato anche in termini di costo psicologico e peso emotivo.

Un dato che gli studi recenti, focalizzati su un periodo storico di forte recessione, non possono non considerare: le situazioni di affanno finanziario e l'impoverimento di una parte della popolazione grava sulle famiglie da un punto di vista pratico ma anche e soprattutto mentale ed emotivo.

Educare, tranquillizzare, sostenere i ragazzi, vivere insieme i cambiamenti reali e far fronte assieme a loro a nuove necessità, è senz'altro più oneroso, più difficile, impegnativo e faticoso per un genitore.

Di fronte a più cambiamenti, talvolta improvvisi o imprevisti, ci si può sentire impreparato o disorientato. Cercare sempre e comunque di instaurare una comunicazione su quanto sta accadendo o è accaduto, sui mutamenti e le necessità attuali, sulle difficoltà e le prospettive, ripaga abbondantemente degli sforzi e dei costi sostenuti poiché fa crescere il rapporto con i figli, lo rinsalda, lo rivitalizza.

Il segreto di un nucleo familiare felice sta forse nel recuperare un valore proprio della cultura contadina, oggi perso: benché le ricerche inducano a considerare i figli un costo, inteso come depauperamento della famiglia, è importante considerare il valore altro che sono capaci di generare, e considerarli la vera ricchezza della vita.

24 gennaio 2014 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Irpef - detrarre le spese per asilo nido
Sono detraibili al 19% le spese sostenute dai genitori per il pagamento delle rette relative alla frequenza di asili nido da parte dei figli di età compresa tra i tre mesi e i tre anni. Il limite di spesa sul quale calcolare la detrazione è di 632 euro; pertanto, lo ...
Separazione dei coniugi - genitore non affidatario e spese straordinarie dei figli
In tema di separazione e divorzio, il genitore non affidatario non decide sulle spese straordinarie dei figli, anche se è tenuto a pagarle. Con la recentissima sentenza numero 8676 del 12 aprile 2010 la Corte di Cassazione ha stabilito che il genitore non affidatario, tenuto al mantenimento, non può contestare ...
Separazione fittizia per pagare meno tasse » La crisi e i suoi rimedi
Più che il cuore, conta il poter tirare avanti e il fenomeno, ormai dilagante, delle coppie che optano per la separazione (solo sulla carta) per pagare meno tasse è più diffuso di quello che si possa pensare. Così come la scelta di non sposarsi per non perdere vantaggi fiscali o ...
Assegno per il nucleo familiare – sussiste anche per la famiglia di fatto
Il genitore di figli naturali riconosciuti ha diritto all'assegno familiare. In tal senso si è espressa la Corte di Cassazione, con la sentenza del 18 giugno 2010, numero 14783. Nel caso di specie, il ricorrente era coniugato con una persona, ma conviveva da anni con altra persona. Dalla convivente aveva ...
La prescrizione per il diritto al mantenimento del figlio decorre dal riconoscimento o dalla dichiarazione di genitorialetà
Il codice civile dispone che il figlio ha diritto di essere mantenuto, educato, istruito e assistito moralmente dai genitori, nel rispetto delle sue capacità, delle sue inclinazioni naturali e delle sue aspirazioni. Il figlio ha, altresì, diritto di crescere in famiglia e di mantenere rapporti significativi con i parenti. L'obbligo ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su crisi e famiglia » quanto costa oggi crescere un figlio?. Clicca qui.

Stai leggendo Crisi e famiglia » Quanto costa oggi crescere un figlio? Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 24 gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia - affidamento e mantenimento dei figli Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca