Comunione legale » Se il creditore espropria un bene ai coniugi?

In sede di comunione legale, nel caso di esecuzione forzata, come ad esempio un pignoramento, e vendita di uno dei beni divisi tra coniugi, il consorte non debitore ha diritto ad ottenere la metà della somma ricavata dalla vendita.

I beni della comunione legale dei coniugi, infatti, possono essere espropriati dai creditori anche se il debito è stato contratto ad uno solo dei due per scopi personali e non familiari. Ma, dopo il pignoramento e la vendita all’asta del bene, il coniuge non debitore ha diritto a percepire la metà della somma lorda ricavata dalla suddetta asta.

Ciò è quanto si evince dalla pronuncia 6575/13 della Corte di Cassazione

Esecuzione forzata: in comunione legale il coniuge non debitore ha diritto alla metà della somma del bene venduto

Come accennato, il principio della sentenza è quello che, in regime di comunione legale dei beni, caso di pignoramento e vendita di uno dei beni in comunione tra marito e moglie, il coniuge non debitore ha diritto ad ottenere la metà della somma ricavata dalla vendita.

Per comprendere bene gli aspetti della questione, partiamo da un esempio.

Mario e Sara ed sono sposati in regime di comunione legale dei beni. Mario acquista un televisore da 60 pollici tramite un contratto di finanziamento. La tv di ultima generazione, nonostante sia stata acquistata da Mario, fa comunque parte della comunione legale dei beni. Perciò, appartiene sia a Mario che Sara in divisione del 50%

Se, però, Mario non paga le rate della finanziaria, il creditore potrà espropriare l’elettrodomestico e metterlo in vendita. In questo caso, metà del ricavato della vendita dovrà essere dato alla moglie Sara.

Alcuni chiarimenti

In ogni caso, al coniuge non debitore verrà notificata una copia dell’atto di pignoramento, in modo tale che venga avvisato della procedura di esproprio in corso.

Egli inoltre potrà opporsi all’esecuzione forzata se il bene pignorato non rientra nella comunione, ma è suo personale.

Concludendo, è possibile dire che l’espropriazione di un bene in comunione legale, per debiti personali di uno solo dei coniugi, riguarda il bene nella sua interezza e non la sola metà.

Ciò comporta che, al momento della vendita del bene, si scioglie la comunione solo su di esso e il coniuge non debitore avrà diritto a ricevere metà della somma lorda ricavata dalla vendita del bene stesso.

13 Febbraio 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Comunione legale fra coniugi e azione surrogatoria del creditore particolare di uno dei coniugi
La comunione legale è una istituto diverso dalla comunione ordinaria. Nella comunione ordinaria, le quote dei partecipanti alla comunione si presumono eguali, e ciascun partecipante può disporre del suo diritto e cedere ad altri il godimento della cosa comune nei limiti della sua quota. La comunione dei beni fra coniugi, invece, è una comunione senza quote. In essa, i coniugi non sono individualmente titolari di un diritto di quota, bensì solidalmente titolari, in quanto tali, di un diritto avente ad oggetto i beni della comunione. Conseguentemente il trasferimento di un bene appartenente alla comunione legale fra coniugi dà luogo all'obbligo, ...

Comunione dei beni tra coniugi » limiti del pignoramento
In tema di pignoramento di immobili in regime di comunione legale, il coniuge non debitore ha diritto di intervenire nella procedura e chiedere la distribuzione del 50% del ricavato dalla vendita all'asta, ma non può opporsi al pignoramento dell'immobile nella sua interezza Gli immobili intestati ai coniugi in regime di comunione legale, possono essere oggetto di pignoramento da parte dei creditori (ivi compresa Equitalia), sia che il debito sia stato contratto da uno solo che da entrambi i coniugi. Il problema riguarda invece la quota pignorabile (ossia l'intero o il 50% dell'immobile). Bisogna quindi distinguere i due casi: debito contratto ...

Azione esecutiva sui beni ricadenti nella comunione legale fra coniugi per debiti personali di uno di essi - Opposizioni esperibili all'esecuzione
Secondo giurisprudenza consolidata è legittima l'aggressione esecutiva di ognuno dei beni in comunione legale fra coniugi, per debiti personali contratti da uno di essi, esclusivamente nella sua interezza e non per una inesistente quota della metà, salvo il diritto del coniuge non debitore a percepire, in sede di distribuzione, la metà del ricavato (al lordo delle spese di procedura) della vendita del bene. La configurazione della comunione legale come “senza quote”, rende, infatti, impossibile ricostruire il coniuge non debitore come proprietario esclusivo di una parte, anche solo ideale, del bene da aggredire esecutivamente. Ne discende che il coniuge non debitore, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su comunione legale » se il creditore espropria un bene ai coniugi?. Clicca qui.

Stai leggendo Comunione legale » Se il creditore espropria un bene ai coniugi? Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 13 Febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria comunione e separazione dei beni fra coniugi - beni indivisi Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)