Comunione legale fra coniugi e azione surrogatoria del creditore particolare di uno dei coniugi

La comunione legale è una istituto diverso dalla comunione ordinaria. Nella comunione ordinaria, le quote dei partecipanti alla comunione si presumono eguali, e ciascun partecipante può disporre del suo diritto e cedere ad altri il godimento della cosa comune nei limiti della sua quota. La comunione dei beni fra coniugi, invece, è una comunione senza quote. In essa, i coniugi non sono individualmente titolari di un diritto di quota, bensì solidalmente titolari, in quanto tali, di un diritto avente ad oggetto i beni della comunione.

Conseguentemente il trasferimento di un bene appartenente alla comunione legale fra coniugi dà luogo all'obbligo, a carico del coniuge intestatario del bene, di riconoscere all'altro coniuge il "credito" relativo al valore del bene alienato: inteso tale credito non come una pretesa immediatamente azionabile dall'altro coniuge, ma soltanto come quello di una "posta attiva" da conteggiare nella determinazione finale dei rapporti di dare ed avere in sede di divisione della comunione legale.

Solo in quella sede si può ipotizzare l'esistenza di un credito vantato dal coniuge che fosse risultato aver effettuato prelevamenti inferiori dal patrimonio comune. Inoltre, l'acquisto separato da parte di uno dei coniugi, in epoca successiva allo scioglimento della comunione legale, non fa entrare in comunione il bene acquistato, quand'anche tale acquisto fosse stato effettuato con l'impiego di un bene appartenente alla comunione legale, dal momento che, in sede di scioglimento della comunione legale, come si è già detto, si crea eventualmente l'obbligo per il coniuge che ha alienato il bene appartenente alla comunione, di corrispondere all'altro coniuge la differenza fra il valore del bene di cui si fosse disposto e quello della quota di cui poteva disporsi.

Pertanto, ciascun coniuge ha, in pratica, il potere di disporre dei beni della comunione legale e l'atto di disposizione su un bene appartenente alla comunione legale, compiuto da uno solo dei coniugi non è inefficace, come sarebbe stato se ci si fosse trovati in presenza di una comproprietà del bene, ma soltanto annullabile, ad istanza del coniuge che non ne avesse avuto conoscenza, entro il breve termine di un anno.

Insomma, tutti gli atti di disposizione di beni immobili o beni mobili registrati (e quindi di un diritto reale frazionato su bene immobile) appartenenti alla comunione coniugale, compiuti da uno solo dei coniugi senza il necessario consenso dell'altro sono validi ed efficaci e sottoposti alla sola sanzione dell'annullamento, in forza dell'azione proponibile dal coniuge, il cui consenso era necessario.

In pratica, ipotizzato che i coniugi A e B siano in comunione legale di beni, ed il coniuge B alieni un bene di valore X dalla comunione, il creditore particolare del coniuge A non può esercitare azione surrogatoria per pretendere l'importo X/2 dal coniuge B.

Inoltre, supponiamo che dopo la divisione della comunione legale, il coniuge B acquisti un bene di valore Y con l'impiego di quanto ricavato, a suo tempo, dalla vendita di un bene alienato dalla comunione legale; il creditore particolare del coniuge A non può esercitare azione surrogatoria per pretendere dal coniuge B l'importo Y/2, nella presunzione che il bene acquisito dal coniuge B debba ritenersi comunque ricadente nella comunione e dunque attribuibile per il 50% al coniuge A dopo la divisione della comunione legale.

Così hanno disposto i giudici della Corte di cassazione con la sentenza numero 16273/14.

18 luglio 2014 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Comunione legale » Che succede se il creditore espropria un bene ai coniugi?
In sede di comunione legale, nel caso di esecuzione forzata, come ad esempio un pignoramento, e vendita di uno dei beni divisi tra coniugi, il consorte non debitore ha diritto ad ottenere la metà della somma ricavata dalla vendita. I beni della comunione legale dei coniugi, infatti, possono essere espropriati ...
Azione esecutiva sui beni ricadenti nella comunione legale fra coniugi per debiti personali di uno di essi - Opposizioni esperibili all'esecuzione
Secondo giurisprudenza consolidata è legittima l'aggressione esecutiva di ognuno dei beni in comunione legale fra coniugi, per debiti personali contratti da uno di essi, esclusivamente nella sua interezza e non per una inesistente quota della metà, salvo il diritto del coniuge non debitore a percepire, in sede di distribuzione, la ...
Comunione legale fra coniugi e comunione ordinaria - Differenze
La comunione legale fra coniugi e la comunione ordinaria sono strutture normative molto differenti. Innanzitutto, la comunione ordinaria è una comunione per quote effettive, mentre la comunione legale è una comunione senza quote (o per quote solo virtuali del 50% ciascuna). Nella comunione ordinaria le quote sono oggetto di un ...
Debito personale di uno dei coniugi - Pignoramento ed espropriazione di beni ricadenti nella comunione
Esaminiamo la questione del creditore che voglia soddisfare un credito personale, cioè estraneo ai bisogni della famiglia, su beni appartenenti al coniuge debitore, ma ricadenti nella comunione legale con l'altro coniuge non debitore. La comunione legale tra i coniugi costituisce, nella interpretazione giurisprudenziale assolutamente prevalente una comunione senza quote, nella ...
Comunione dei beni tra coniugi » limiti del pignoramento
In tema di pignoramento di immobili in regime di comunione legale, il coniuge non debitore ha diritto di intervenire nella procedura e chiedere la distribuzione del 50% del ricavato dalla vendita all'asta, ma non può opporsi al pignoramento dell'immobile nella sua interezza Gli immobili intestati ai coniugi in regime di ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su comunione legale fra coniugi e azione surrogatoria del creditore particolare di uno dei coniugi. Clicca qui.

Stai leggendo Comunione legale fra coniugi e azione surrogatoria del creditore particolare di uno dei coniugi Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 18 luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 settembre 2017 Classificato nella categoria comunione e separazione dei beni fra coniugi - beni indivisi Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca