Azione esecutiva sui beni ricadenti nella comunione legale fra coniugi

Secondo giurisprudenza consolidata è legittima l’aggressione esecutiva di ognuno dei beni in comunione legale fra coniugi, per debiti personali contratti da uno di essi, esclusivamente nella sua interezza e non per una inesistente quota della metà, salvo il diritto del coniuge non debitore a percepire, in sede di distribuzione, la metà del ricavato (al lordo delle spese di procedura) della vendita del bene.

La configurazione della comunione legale come “senza quote”, rende, infatti, impossibile ricostruire il coniuge non debitore come proprietario esclusivo di una parte, anche solo ideale, del bene da aggredire esecutivamente.

Ne discende che il coniuge non debitore, azionando opposizione del terzo, non potrà con essa pretendere di escludere dall’espropriazione una quota del bene in natura, che non gli spetta e di cui fino allo scioglimento della comunione, non e’ titolare.

Ma, ad esempio, potrà fare valere la proprietà esclusiva del bene pignorato, per sua estraneita’ alla comunione; oppure, con opposizione ad esecuzione, far valere la non sussidiarieta’ del bene in comunione, per la presenza di beni personali del coniuge debitore utilmente aggredibili per il soddisfacimento del credito personale verso quest’ultimo; oppure ancora, con opposizione agli atti esecutivi, fare valere le nullita’ di quelli, fra questi, che comportino la violazione o la limitazione del suo diritto alla meta’ del controvalore del bene.

Per quel che riguarda i beni mobili pignorati ricadenti nella comunione legale, il coniuge non debitore puo’ proporre opposizione con ricorso al giudice dell’esecuzione, prima che sia disposta le vendita o l’assegnazione degli stessi. Se in seguito all’opposizione il giudice non sospende la vendita dei beni o se l’opposizione e’ proposta dopo la vendita stessa, i diritti del coniuge non debitore si fanno valere sulla somma ricavata.

Per quel che riguarda i beni immobili pignorati e ricadenti nella comunione legale, il coniuge non debitore ha il diritto di proporre l’opposizione solo prima che il bene sia assegnato o venduto; qualora reagisca solo in epoca successiva, egli ha la possibilita’ di rivalersi o sul prezzo ricavato, ovvero di rivendicare il bene nei confronti dell’aggiudicatario.

In conclusione: per il debito personale di uno dei coniugi in regime di comunione legale è correttamente sottoposto a pignoramento l’intero bene ricadente nella comunione. Non è fondata la pretesa del debitore sottoposto ad esecuzione, e/o del coniuge non debitore, di separare dal bene pignorato parti o quote di esso al fine di condizionare la procedura ad esiti diversi dalla vendita del bene per intero. Al coniuge non debitore va corrisposto, in sede di distribuzione, la meta’ del ricavato della vendita al lordo delle spese di procedura.

Quelli appena esposti sono i principi giuridici, in tema di azione esecutiva sui beni ricadenti nella comunione legale fra coniugi e di opposizioni esperibili all’esecuzione, che emergono dalla lettura della sentenza 6230/16 redatta dai giudici della Suprema Corte di cassazione.

16 Aprile 2016 · Roberto Petrella

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debito personale di uno dei coniugi - Pignoramento ed espropriazione di beni ricadenti nella comunione
Esaminiamo la questione del creditore che voglia soddisfare un credito personale, cioè estraneo ai bisogni della famiglia, su beni appartenenti al coniuge debitore, ma ricadenti nella comunione legale con l'altro coniuge non debitore. La comunione legale tra i coniugi costituisce, nella interpretazione giurisprudenziale assolutamente prevalente una comunione senza quote, nella quale i coniugi sono solidalmente titolari di un diritto avente ad oggetto tutti i beni di essa e rispetto alla quale non è ammessa la partecipazione di estranei trattandosi di comunione finalizzata, a differenza della comunione ordinaria, non già alla tutela della proprietà individuale, ma piuttosto a quella della famiglia. ...

Debito personale di uno dei coniugi ed esecuzione su beni ricadenti nel regime di comunione legale
L'ipotesi in esame riguarda il caso di un creditore del singolo coniuge, che voglia soddisfare un suo credito personale - cioè estraneo ai bisogni della famiglia - su beni appartenenti al coniuge debitore, ma ricadenti nella comunione legale con l'altro coniuge non debitore. Va premesso che non vi è disciplina specifica sull'espropriazione dei beni caduti in regime di comunione legale tra i coniugi. La comunione legale tra i coniugi costituisce, nella interpretazione giurisprudenziale assolutamente prevalente una comunione senza quote, nella quale i coniugi sono solidalmente titolari di un diritto avente ad oggetto tutti i beni di essa e rispetto alla ...

Comunione legale fra coniugi e azione surrogatoria del creditore particolare di uno dei coniugi
La comunione legale è una istituto diverso dalla comunione ordinaria. Nella comunione ordinaria, le quote dei partecipanti alla comunione si presumono eguali, e ciascun partecipante può disporre del suo diritto e cedere ad altri il godimento della cosa comune nei limiti della sua quota. La comunione dei beni fra coniugi, invece, è una comunione senza quote. In essa, i coniugi non sono individualmente titolari di un diritto di quota, bensì solidalmente titolari, in quanto tali, di un diritto avente ad oggetto i beni della comunione. Conseguentemente il trasferimento di un bene appartenente alla comunione legale fra coniugi dà luogo all'obbligo, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su azione esecutiva sui beni ricadenti nella comunione legale fra coniugi. Clicca qui.

Stai leggendo Azione esecutiva sui beni ricadenti nella comunione legale fra coniugi Autore Roberto Petrella Articolo pubblicato il giorno 16 Aprile 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nella categoria azioni esecutive revocatoria pignoramento ed espropriazione » mini guide Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)