Il codice di deontologia e buona condotta per le Centrali Rischi




» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo



Il 1° gennaio 2005 infatti, è entrato in vigore il codice di deontologia e buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti – pubblicato sulla gazzetta ufficiale numero 300 del 23 dicembre 2004 – che disciplina specificamente l’attività delle Centrali Rischi private e degli enti finanziari che vi accedono.

Sottoscritto dai gestori delle Centrali Rischi private, dai rappresentanti degli enti finanziari, da alcune associazioni dei consumatori e dall’Autorità per la tutela della privacy, il codice prevede una serie di disposizioni chiare e precise a tutela dei dati personali dei soggetti censiti, in perfetta armonia con il dettato legislativo del citato Codice privacy.

Gli aspetti di maggior interesse per il soggetto interessato si possono riassumere in alcuni punti fondamentali:



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


6 Luglio 2013 · Ornella De Bellis




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il codice di deontologia e buona condotta per le centrali rischi. Clicca qui.

Stai leggendo Il codice di deontologia e buona condotta per le Centrali Rischi Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 6 Luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Ottobre 2017 Classificato nella categoria legittimità iscrizione del debitore in centrale rischi - oscuramento della posizione e tempi massimi di visibilità Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)