Riaccredito pensione defunto su conto corrente in rosso

Domanda di FLAVIO
22 settembre 2015 at 09:04

Mia madre è morta il 2 aprile 2015: L'INPS telematicamente ha comunicato alla banca il riaccredito della pensione del 16/04/2015. Il 24/04/2015 ho fatto domanda del rateo di pensione come unico erede. Oggi 18 settembre 2015 la banca mi ha comunicato che non intendono restituire la pensione del 16/04/2015 in quanto esiste uno scoperto sul conto di 300 euro.

L'INPS mi ha comunicato che diverse volte (3) ha comunicato alla Banca il riaccredito: l'ultima il 10/08/2015, ma non ha avuto mai nessun riscontro. Io sono andato personalmente in Banca il 01/09/2015 per sollecitarla. Oggi ho avuto la risposta.

Come devo procedere? Leggendo la circolare dell'INPS numero 40 "... anche se il conto è in rosso .... la banca deve restituire la pensione"

Risposta di Annapaola Ferri
22 settembre 2015 at 10:20

Lei, purtroppo, non specifica gli estremi (in particolare l'anno) della circolare INPS a cui fa riferimento e se il conto corrente (in rosso) di cui si discute è il suo oppure quello, mai chiuso, del defunto.

Se si tratta della nota operativa numero 40 del 2007, questa esplicitamente dispone che in caso di decesso del pensionato la sede provinciale o territoriale competente dell'Istituto ne dovrà dare immediata notizia allo sportello bancario che in relazione a tale notifica è tenuto a non dar corso ad ogni operazione successiva di accredito sul relativo conto corrente. Contestualmente, alle Aziende di credito sarà comunicato l'ammontare complessivo delle eventuali rate di cui è stato disposto l'accreditamento dopo la morte del beneficiario ma prima dell'avvenuta comunicazione alla Azienda stessa. Di conseguenza quest’ultima è tenuta a riversare l'importo richiesto, anche parzialmente nei limiti delle giacenze risultanti nel conto corrente, alle sezioni di tesoreria provinciale territorialmente competenti con le modalità previste per gli storni.

Come si legge, questo documento interno (indirizzato alle sedi provinciali e territoriali competenti) dispone proprio che, dopo la morte del pensionato titolare del conto, la banca dovrà bloccare qualsiasi accredito successivo del rateo di pensione ed eventualmente restituire all'INPS i ratei (o quanto ne rimane) che sono stati accreditati nel periodo che intercorre fra il decesso del pensionato e la notifica alla banca di tale evento.

Pertanto, nella cricolare da lei citata, nulla si dice in merito al diritto dell'erede di pretendere dalla banca il rateo versato dall'INPS: proprio perché questo rateo non può essere essere disponibile sul conto corrente del defunto in virtù del blocco operato dalla banca su indicazione dell'INPS oppure è stato restituito all'INPS se il suo trasferimento è intervenuoto prima del blocco.

In questo scenario, è'evidente che le informazioni confuse ed ingannevoli che le fornisce la banca sono esclusivamente finalizzate ad ottenere dall'erede il versamento dello scoperto in conto corrente lasciato dal defunto: una volta ripianato lo scoperto, l'erede non potrebbe comunque ottenere quello che gli spetta.

Se invece lei ha presentato già la domanda per ottenere, in qualità di erede, il rateo maturato dal defunto fino alla data del decesso e le eventuali somme spettanti e non riscosse dal pensionato ed il conto corrente, in rosso, sul quale ha chiesto di accreditare l'importo è il suo, allora la questione è diversa ma ci occorre sapere precisamente a quale circolare dell'INPS lei si riferisce e cosa contesta la banca per motivare il rifiuto ad accreditare l'importo corrisposto dall'INPS.