Telefonate dal recupero crediti e reato di molestia alle persone

Chiunque, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, ovvero col mezzo del telefono, per petulanza o per altro biasimevole motivo, reca a taluno molestia o disturbo è punito con l’arresto fino a sei mesi o con l’ammenda fino a cinquecentosedici euro (articolo 660 del codice penale).

La norma punisce il recare molestia o disturbo alle persone: la condotta può manifestarsi in qualsiasi luogo, pubblico o privato, ed anche per mezzo del telefono, e consiste nell’oggettiva idoneità a molestare terze persone, interferendo nell’altrui vita privata e nell’altrui vita di relazione. Per petulanza si intende ogni contegno di arrogante invadenza e di intromissione continua ed inopportuna nell’altrui sfera di libertà.

Il procedimento nell’ambito del quale è stata emessa la sentenza 29292/2019 della Corte di cassazione, sezione penale, è scaturito proprio dalla querela presentata da un debitore il quale ha riferito che, a seguito dell’interruzione del contratto di fornitura di energia elettrica aveva ricevuto, per un periodo di quasi due mesi, un numero esorbitante — nell’ordine quotidiano di 8-10 — di chiamate telefoniche, distribuite lungo l’intero arco della giornata, provenienti da diversi incaricati e finalizzate ad ottenere il saldo delle fatture rimaste inevase all’atto della cessazione del rapporto di fornitura.

Il Tribunale, ritenuta l’attitudine dei contatti, per la loro frequenza e collocazione oraria, ad integrare la petulanza richiesta dall’articolo 660 del codice penale, aveva individuato nell’amministratore della società incaricata del recupero crediti per conto della società fornitrice di energia elettrica, il responsabile, quantomeno a titolo di colpa, dell’illecito, commesso in ossequio a precisa strategia aziendale e non in forza di autonome iniziative dei singoli addetti al cali center.

L’amministratore della società di recupero crediti è stato condannato alla pena di 300 euro di ammenda, oltre che al pagamento delle spese processuali, perché responsabile del reato di molestia o disturbo alle persone. Contestualmente, egli è stato anche condannato al risarcimento dei danni, da liquidarsi in separata sede, arrecati alla costituita parte civile ed alla rifusione delle spese legali in favore della medesima parte civile.

La vicenda si è poi trasferita in Corte di cassazione, dove l’amministratore della società di recupero crediti ha dedotto di essere stato ingiustamente accusato quale autore delle telefonate in realtà effettuate dagli addetti incaricati della società da lui amministrata.

I giudici di Piazza Cavour hanno eccepito che, contestandosi all’amministratore della società di recupero crediti di avere, « recato disturbo o molestia al debitore inviando numerose telefonate alla di lui utenza telefonica, è stata descritta una condotta che, tenuto conto del ruolo assunto dall’imputato in seno all’azienda, era senz’altro riferita alla promozione di politiche di impresa suscettibili di ledere il bene protetto dalla norma penale ovvero all’inadempimento dei prescritti doveri di vigilanza.

I giudici hanno poi aggiunto che l’illiceità dell’azione posta in essere con il decisivo concorso dell’amministratore della società è derivata dalla scelta, presumibilmente compiuta dalla governance aziendale, di ricorrere ad insistite e pressanti iniziative finalizzate al recupero del credito, così anteponendo gli obiettivi di profitto al rispetto dell’altrui diritto al riposo ed a non essere disturbati, ciò che integra il biasimevole motivo richiesto dalla norma incriminatrice (articolo 660 del codice penale): peraltro, l’elevata frequenza delle telefonate quotidiane risponde alla nozione di petulanza richiesta dalla disposizione applicata.

L’amministratore della società di recupero crediti, spiegano ancora i giudici, era sicuramente a conoscenza delle violazioni dei codici interni di comportamento, ciò che vale a qualificare il suo contegno in termini quantomeno colposi.

Per non portarla per le lunghe, concludiamo riferendo che il ricorso è stato respinto e l’amministratore della società di recupero crediti è stato alla fine anche condannato al pagamento delle spese processuali e della somma di euro tremila in favore della Cassa delle ammende.

16 Agosto 2019 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Le telefonate e gli SMS degli addetti al recupero crediti possono integrare il reato di molestia o disturbo al debitore
Abbiamo spesso invitato i debitori a rivolgersi all'Autorità giudiziaria con un esposto denuncia a fronte delle insistenti telefonate effettuate dagli addetti al recupero crediti che si reiterano nel tempo, anche dopo la chiara diffida verbale del debitore ad astenersene. Il diritto del debitore a non essere molestato via telefono, o attraverso SMS, poggia sull'articolo 660 del Codice penale che configura il reato di molestia o disturbo alle persone. Chiunque, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, ovvero col mezzo del telefono, per petulanza o per altro biasimevole motivo, reca a taluno molestia o disturbo è punito con l'arresto fino ...

Per configurare il reato di molestia basta anche una sola telefonata dell'addetto al recupero crediti già avvertito che la sua condotta non è gradita
Se per petulanza, ai fini della configurabilità del reato di molestie di cui all'articolo 660 del codice penale, si intende un atteggiamento di insistenza eccessiva e perciò fastidiosa, di arrogante invadenza e di intromissione continua e inopportuna nell'altrui sfera privata, non può, tuttavia, escludersi che l'effettuazione di due sole telefonate mute possa costituire espressione di petulanza nel senso anzidetto. Infatti, ai fini della sussistenza del reato di molestia deve considerarsi petulante l'atteggiamento di chi insiste nell'interferire nella altrui sfera di libertà anche dopo essersi accorto che la sua condotta non è gradita. Ne consegue che il reato di molestia o ...

Violenza e minacce al debitore da parte di un addetto al recupero crediti - Quando è configurabile l'esercizio arbitrario delle proprie ragioni e quando, invece, si tratta di vera e propria estorsione
Il delitto di esercizio arbitrario delle proprie ragioni e quello di estorsione, si distinguono non per la materialità del fatto, che può essere identica, ma per l'elemento intenzionale che, qualunque sia stata l'intensità e la gravità della violenza o della minaccia, integra la fattispecie estorsiva soltanto quando abbia di mira l'attuazione di una pretesa non tutelabile davanti all'autorità giudiziaria. In pratica, si tratta di estorsione se, ad esempio, la pretesa è fondata su di un credito ormai prescritto, oppure quando l'iniziativa nei confronti del debitore viene assunta da un soggetto che non è in alcun modo titolare del diritto derivante ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su telefonate dal recupero crediti e reato di molestia alle persone. Clicca qui.

Stai leggendo Telefonate dal recupero crediti e reato di molestia alle persone Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 16 Agosto 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Agosto 2019 Classificato nella categoria attività di recupero crediti Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)