Gli addetti al recupero crediti hanno mandato un telegramma al mio vecchio indirizzo - Come porre fine a queste persecuzioni?

Una società di recupero crediti, che lavora per una nota catena di distribuzione alimentare, mi ha chiamato anche se non ho risposto su due numeri di telefono che non ho mai fornito. Oggi hanno fatto di più: hanno mandato un telegramma a casa di mia madre e sono 20 anni che non vivo più lì. Il postino però ha consegnato il telegramma ad un mio amico che ha il mio stesso nome che mi ha chiamato dicendomi che mi cercava questa società. L'indirizzo di mia mamma non l'ho mai fornito ad alcuno. Possono comportarsi così? Ci sono gli estremi per un reclamo?

Per porre fine alla persecuzione sarà sufficiente scrivere alla sede amministrativa della società di recupero crediti con raccomandata AR, descrivendo l'accaduto e diffidando dal continuare a porre in atto comportamenti lesivi della dignità e della privacy del debitore, minacciando, qualora l'istanza non dovesse avere seguito, segnalazione all'Autorità Garante della protezione dei dati personali e denuncia all'Autorità giudiziaria perché vengano adottati i provvedimenti sanzionatori conseguenti.

E' preminente interesse della dirigenza evitare qualsiasi controllo da parte delle competenti Autorità: si tratterebbe, infatti, un po' come aprire il vaso di Pandora.

20 febbraio 2017 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

recupero crediti
violazione della privacy e della dignità del debitore

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Validità delle notifiche al vecchio indirizzo in caso di cambio di residenza
Nel caso di cambio di residenza, per verificare la validità della notifica degli atti effettuata al vecchio indirizzo, occorre fare riferimento alle seguenti regole. ...
Beneficio di escussione per socio di società di persone - Il creditore deve prima aggredire il capitale sociale anche se ciò comporterà solo il recupero parziale del credito
E' pur vero che, per giurisprudenza consolidata, la preventiva escussione del patrimonio sociale, affinché il creditore di una società in nome collettivo possa pretendere il pagamento dei singoli soci illimitatamente responsabili, non comporta la necessità per il creditore di sperimentare in ogni caso l'azione esecutiva sul patrimonio della società, tale ...
Recupero crediti e stalking » I suggerimenti dei legali
Anche le società di recupero crediti accusano le recente la crisi economica: le tasche dei cittadini, infatti, sono sempre più vuote, fatto che ha reso la riscossione molto complicata. Così, molto spesso, gli agenti recuperatori ricorrono a mezzi sempre meno ortodossi. Non si fanno scrupoli, ad alzare la voce, a ...
Debito contratto da un'associazione - Ne rispondono i soggetti che hanno agito in nome e per conto di essa
Nell'associazione non riconosciuta (nella specie un club) la responsabilità personale grava esclusivamente sui soggetti che hanno agito in nome e per conto dell'associazione. Va salvaguardata, cio, l'esigenza di tutela dei terzi che, nell'instaurazione del rapporto negoziale, abbiano fatto affidamento sulla solvibilità e sul patrimonio dei detti soggetti che hanno agito ...
Recupero crediti e violazione della privacy » Via libera al risarcimento danni
Via libera al risarcimento da pratiche aggressive nel recupero crediti. Deve essere riconosciuto il danno non patrimoniale al debitore braccato dalla società incaricata dalla banca affinché saldi il suo debito relativo a un prestito ottenuto dall'istituto. Lo ha stabilito il Tribunale di Chieti, il quale, con la pronuncia 883/12, ha ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca