tutela consumatori - assicurazione rc auto


Problemi con agenzia assicurativa? » ecco come effettuare correttamente un reclamo all’ivass

Andrea Ricciardi - 1 Marzo 2017


In caso di problemi con un'agenzia assicurativa, dopo aver tentato la conciliazione con la stessa, è possibile effettuare un reclamo direttamente all'ivass: in questo intervento vi spieghiamo come. Se si ha un problema con un'impresa di assicurazione, la prima cosa da fare è inviare un reclamo direttamente all'impresa interessata. Fatto ciò, se non si riceve risposta entro 45 giorni oppure non si è soddisfatti della risposta fornita è possibile rivolgersi all'IVASS (istituto per la vigilanza sulle assicurazioni). Ma come si presenta un reclamo? Vi spieghiamo tutto nei paragrafi successivi con un'utile guida. [ ... leggi tutto » ]


Polizza assicurativa in scadenza e sinistro » ecco come non retrocedere nella classe di merito

Gennaro Andele - 16 Gennaio 2017


Mantenere la stessa classe di merito dopo un sinistro, quando sta per scadere la polizza assicurativa, è possibile? Scopriamo qualche trucchetto. In alcuni casi è possibile procedere al cambio della compagnia assicurativa, se il sinistro è avvenuto fuori del periodo di osservazione. Questo è un "trucchetto" che sfrutta un vuoto legislativo e organizzativo delle compagnie. Talvolta funziona, altre no. Se il sinistro avviene fuori del periodo di osservazione (negli ultimi 60 giorni prima della scadenza della polizza), ovvero dopo l'invio dell'attestato di rischio da parte della compagnia, questo non risulterà su tale attestato, bensì su quello dell'anno successivo. Si può [ ... leggi tutto » ]


Dematerializzazione del certificato di assicurazione e controlli online tramite la banca dati delle coperture assicurative – il viminale prende atto del flop

Eleonora Figliolia - 5 Settembre 2016


Come è noto, a decorrere dal 18 ottobre 2015 è cessato l'obbligo di esporre sul veicolo il contrassegno che la compagnia di assicurazione consegnava all'assicurato unitamente al certificato di assicurazione. Sappiamo anche che non sono mancate le difficoltà operative per il controllo on line della copertura assicurativa da parte delle forze dell'ordine: il mancato tempestivo aggiornamento della banca dati ministeriale (gestita dall'IVASS) che attesta la copertura rc auto e l'estensione di validità delle coperture, ha infatti subito evidenziato criticità importanti, causando non pochi problemi agli automobilisti. Ora, il Codice della Strada stabilisce che per poter circolare il conducente di un [ ... leggi tutto » ]


Quando la compagnia di assicurazione non può opporre al terzo danneggiato la falsità del certificato rc auto

Eleonora Figliolia - 23 Aprile 2016


Nel caso di sinistro stradale causato da veicolo in possesso di un certificato assicurativo formalmente valido, ma rilasciato dopo il sinistro e fraudolentemente retrodatato, tale falsità non è opponibile al terzo danneggiato quando essa provenga dall'agente per il tramite del quale è stato stipulato il contratto. In tal caso l'assicuratore, adempiuta la propria obbligazione nei confronti del terzo, avrà diritto di rivalsa nei confronti dell'intermediario infedele e di regresso nei confronti dell'assicurato. Si tratta del principio di diritto enunciato dai giudici della Suprema Corte di cassazione nella sentenza 6974/16. [ ... leggi tutto » ]


Spese legali sostenute dall’assicurato – rimborsabili solo se finalizzate a resistere all’azione del danneggiato

Giovanni Napoletano - 20 Gennaio 2016


In tema di assicurazione per la responsabilità civile, l'obbligazione principale (che può definirsi tale in quanto corrispondente all'essenza del contratto) concerne la rifusione, da parte dell'assicuratore, di tutto quanto l'assicurato debba pagare al terzo danneggiato. L'obbligazione accessoria trova il suo necessario presupposto, nella obbligazione principale, ma ha un oggetto diverso perché riguarda il rimborso, da parte dell'assicuratore (ed entro limiti prestabiliti), delle spese sostenute dall'assicurato per resistere all'azione del danneggiato. La ratio di quest'ultima disposizione va individuata nel perseguimento di un risultato utile ad entrambe le parti, assicuratore ed assicurato, mirando a tutelarne la sfera giuridico patrimoniale dalla domanda risarcitoria [ ... leggi tutto » ]