Pignoramento dello stipendio a causa di sovraindebitamento

Sovraindebitata in seguito a perdita del lavoro - I creditori minacciano pignoramento

Sono mamma di tre figli in sovraindebitamento con diverse socetà e con tanti debiti che purtroppo tra la crisi e la perdita del lavoro ora non riesco più a pagare.

Li ho già con il fiato sul collo..continuano a telefonare e a chiedere soldi e dicono che il debito aumenterà e ci faranno il pignoramento, non so più cosa fare e come comportarmi.

Io vorrei solo sapere a cosa andrò in contro e quanto durerà tutto ciò e se c'è un modo per mettersi d'accordo con tutti tipo fare un unico debito e pagare una sola rata... anche se premetto che su un totale di debiti di circa 50000 euro e al momento mio marito è l'unico che lavora guadagna 1100 euro al mese e io ho la mobilità di cira 600 euro al mese ma solo fino a ottobre poi che dio ci aiuti.

Sono in affitto non ci resta proprio niente anzi non sono nemmeno sufficienti.

Non so nemmeno che farò dopo quando scade la mobilità se non trovo lavoro.

La mia preoccupazione maggiore è con il pignoramento dei mobili porteranno via tutto??? e che devo fare per incassare l'assegno di mio marito se mi bloccano il conto??? ho un figlio anche lui abita con noi è maggiorenne posso intestare tutto a lui? ma come? vi prego aiutatemi sono davvero disperata.

Pignoramento stipendio per lavoratrice in mobilità

Signora, si metta tranquilla, per favore: non ce lo riferisce, ma sembra di capire che sia lei la debitrice e che il regime economico patrimoniale dei beni è in comunione con suo marito.

La prima cosa da fare è aprire un conto corrente a suo figlio, il quale accorderà al padre delega dispositiva. Ogni mese, una volta incassato l'assegno del datore di lavoro, suo marito bonificherà l'importo sul conto corrente del figlio. In caso di pignoramento, se proprio andasse malissimo, il creditore potrà pignorare l'ultimo stipendio e non eventuali risparmi accumulati nel tempo (che, si troveranno sul conto corrente di suo figlio). Per riscuotere i successivi stipendi basterà, per esempio, acquisire una carta ricaricabile con IBAN e chiedere al datore di lavoro il pagamento dei corrispettivi tramite bonifico.

Questo solo come misura precauzionale. In effetti, per pignorare il conto corrente di suo marito, gli dovrà essere prima notificato un decreto ingiuntivo. Ecco, può far aprire un conto corrente a suo figlio con delega al marito, solo per evitare che ci sia una notifica per compiuta giacenza, in occasione di una temporanea irreperibilità del destinatario.

Per quanto riguarda il mobilio, è molto, molto raro che un creditore agisca per pignorarlo, se ha la possibilità di poter mettere le mani sul quinto dello stipendio di suo marito.

E, con il pignoramento dello stipendio presso il datore di lavoro, verrebbe esaudita la sua richiesta di avere un unico creditore ed un'unica rata. Alla fine andrà a pagare circa 280 euro al mese e nessuno potrà più importunarla.

Anche per il pignoramento dello stipendio, quando sarà il momento, suo marito dovrà prima ricevere un atto giudiziario, non è che si troverà, dalla sera alla mattina, con lo stipendio decurtato. E, comunque, presentando opposizione e illustrando al giudice la situazione in cui versa il debitore, non è detto che non si riesca a spuntare uno sconto sull'importo della rata (il quinto è solo la misura massima di pignoramento dello stipendio).

Insomma, signora, non mi sembra proprio che la sua sia una situazione così drammatica.

29 ottobre 2012 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento stipendi e pensioni depositati su conto corrente » Equitalia non può farlo su ultimi accrediti
Equitalia non può effettuare il pignoramento dell'ultimo stipendio o pensione » Il decreto del fare L'ultimo emolumento del rapporto di lavoro o di pensione non può essere congelato dall'agente di riscossione dello Stato (equitalia) con il pignoramento presso terzi. Lo stop ai pignoramenti di Equitalia riguarda solo le somme depositate ...
Conto corrente e obbligo di accredito dello stipendio » E' incostituzionale?
A causa dell'articolo 12 del decreto Salva Italia, è previsto l'obbligo di aprire un conto corrente per accreditare lo stipendio e pensione. E' incostituzionale questa norma? Discutiamo, su questo tema, nel prosieguo dell'articolo. L'idea del governo dei tecnici era quella di poter tracciare tutti i movimenti di denaro e dare ...
Pignoramento dello stipendio - gli adempimenti del terzo pignorato, del creditore e del debitore
Quali sono gli adempimenti fiscali in termini di ritenuta d'acconto che devono essere osservati dal terzo pignorato, dal creditore pignoratizio e dal debitore. Esempi pratici riferiti alle situazioni più comuni ed alle casistiche più frequenti. Pignoramento dello stipendio e della pensione - quadro complessivo Il quadro complessivo della questione relativa ...
Pignoramento conto corrente » L'ultimo stipendio non si tocca
Il pignoramento, da parte di Equitalia, non si estende mai all'ultimo stipendio versato sul conto corrente intestato al lavoratore. Dopo 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, in caso di pagamento non effettuato, l'Agente della riscossione (per esempio, Equitalia) può attivare il cosiddetto pignoramento presso terzi, una forma cioè di ...
Pignoramento dello stipendio con cessione e separazione - a volte conviene
Sono un lavoratore dipendente su cui incombono azioni esecutive promosse da Equitalia e da altri creditori. Attualmente percepisco circa 1700 euro netti al mese. Anni fa ho ceduto il quinto dello stipendio per far fronte ad una grave malattia che mi ha colpito all'improvviso (fanno tutte così) e per la ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento dello stipendio a causa di sovraindebitamento. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento dello stipendio a causa di sovraindebitamento Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 29 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 8 marzo 2018 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca