Sovraindebitamento - come fare per consolidare i propri debiti?

Sovraindebitamento - vorrei consolidare i miei debiti

Vorrei avere un aiuto per sapere come e da chi rivolgersi in caso di grave sovraindebidamento per poter consolidare i propri debiti.

Sono un dipendente statale e a causa di problemi della vita (separazione, mantenimento, spese di avvocati ecc ecc) mi trovo a dover spendere praticamente tutto il mio stipendio per coprire i debiti.

A fronte di uno stipendio netto di circa 1700 euro ho come spese una cessione del quinto di 450€ una prima delega di 204€ e una seconda delega di 179€ piu un finanziamento bancario di 369€

Attualmente ho sempre pagato regolarmente facendo degli enormi salti mortali ma ormai sono davvero disperato perche gli ultimi soldi se ne stanno andando per pagare le spese di 2 carte revolving (carta Viva) che fino ad ora mi hanno permesso di sopravvivere.

Non so piu a che santo votarmi vorrei sapere se c'e una banca o una finanziaria disposta a consolidare i miei debiti anche se non ho un immobile da dare in garanzia.

L'unica cosa che può essere garantita è la mia busta paga e il mio TFR e ovviamente il corretto pagamento.

Voglio onorare i miei impegni debitori fino all'ultimo centesimo ma vorrei tornare a vivere a sorridere e a dormire soprattutto.

Sovraindebitamento - usufruire della recente legge

Lei, purtroppo, non ha più nulla da offrire in garanzia per la richiesta di un nuovo eventuale prestito di consolidmento; dal momento che busta paga e TFR sono già destinati a salvaguardare le esposizioni debitorie dei creditori cessionari e delegati.

Se crede, può provare a percorrere la strada del concordato con i creditori, in base alla recentissima legge sul sovraindebitamento. Troverà le informazioni nell'omonima sezione.

Fin qui le brutte notizie. Passiamo alle buone.

Ammettiamo che lei dia fondo al credito massimo disponibile concesso per le carte revolving. E supponiamo che, dopo, lei non proceda più a pagare le rate delle revolving, né quelle relative al finanziamento bancario.

Lo scenario più verosimile da ipotizzare è un pignoramento presso terzi promosso da banca e finanziarie erogatrici dei prestiti revolving.

Ma, i creditori procedenti avrebbero un problema, abbastanza rilevante da risolvere.

Lei non ci dice la quota dello stipendio destinata a soddisfare i crediti alimentari dell'ex coniuge.

Ebbene, deve sapere che i creditori procedenti potrebbero pignorare un quinto del suo stipendio solo se c'è capienza e nei limiti della capienza.

Cosa è la capienza? Prenda il suo stipendio netto e lo divida per due. Dall'importo ottenuto (la metà dello stipendio netto) sottragga i crediti alimentari perla sua ex, se stabiliti da accordo omologato o sentenza di separazione. Sottragga ancora la quota ceduta del suo stipendio. E poi sottragga le quote delegate.

Ecco, questa è la capienza. Se il risultato è negativo, i creditori procedenti nel pignoramento del suo stipendio non beccano un cent. Se la capienza è positiva, la quota pignorata non può eccederla.

Insomma, si faccia due conti. Le rate vive delle revolving e del finaniamento bancario (nonchè di eventuali nuovi finanziamenti che lei riuscisse miracolosamente ad ottenere prima del "default") potrebbero essere "consolidate" con questo approccio. Una rata pari alla capienza, se c'è, e con un piano di ammortamento a "babbo morto".

14 febbraio 2012 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fallimento personale del debitore consumatore - Poter dire addio ai debiti con la legge sul sovraindebitamento
Come premessa, va detto che un imprenditore, per poter essere considerato "non fallibile", deve possedere i seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro ...
Sovraindebitamento – debiti ed esdebitazione
Ricordiamo che un imprenditore, per poter essere considerato non fallibile, deve possedere i seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro trecentomila; aver realizzato, ...
Concordato con i creditori - la legge sul sovraindebitamento in aiuto dei debitori
La prima parte del decreto legge - Capo I, articoli da 1 ad 11 - si occupa delle disposizioni in materia di composizione delle crisi da sovraindebitamento, ed è dedicata alle definizioni generali ed, in particolare, all'individuazione della casistica e dei soggetti interessati al provvedimento legislativo, finalizzato a trovare una ...
Il piano di ristrutturazione che il debitore può presentare al giudice per pagare il possibile ed ottenere l'esdebitazione del residuo
Molti debitori, pur avendo la volontà di mettere disposizione dei creditori l'intero patrimonio e le risorse reddituali non strettamente connesse alla sopravvivenza del proprio nucleo familiare, non possono liberarsi dei debiti accumulati nel tempo. Peraltro, le azioni esecutive avviate nei confronti del debitore sovraindebitato risultano, quasi sempre, inefficienti in termini ...
Pignoramento dello stipendio o della pensione come consolidamento debiti
Vorrei illustrarvi la mia attuale situazione debitoria alquanto complessa: praticamente ho una cessione del quinto e un prestito delega sullo stipendio.   Poi in virtù di investimenti sbagliati e bisogni economici impellenti ho stipulato vari rid bancari. Di cui tre particolarmente onerosi. Riesco a pagare facendo i cosidetti salti mortali. ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sovraindebitamento - come fare per consolidare i propri debiti?. Clicca qui.

Stai leggendo Sovraindebitamento - come fare per consolidare i propri debiti? Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 14 febbraio 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 24 maggio 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca