Come il sovraindebitato può ottenere la liberazione dai debiti

Come sappiamo, ai benefici della legge 3/2012 possono accedere i debitori consumatori e i debitori imprenditori non fallibili che versino in stato di sovraindebitamento.

Il debitore imprenditore non fallibile è il soggetto che esercita una attività in relazione alla quale sia in grado di dimostrare il possesso congiunto dei requisiti seguenti (articolo 1 legge fallimentare):

  1. aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di composizione della crisi da sovraindebitamento o dall’inizio dell’attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro trecentomila;
  2. aver realizzato, in qualunque modo risulti, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito dell’istanza di composizione della crisi da sovraindebitamento o dall’inizio dell’attività se di durata inferiore, ricavi lordi per un ammontare complessivo annuo non superiore ad euro duecentomila;
  3. avere un ammontare di debiti anche non scaduti non superiore ad euro cinquecentomila.

Il debitore consumatore viene invece definito come il debitore persona fisica che ha assunto obbligazioni esclusivamente per scopi estranei all’attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta. Il debitore consumatore, quindi, può essere un imprenditore, anche fallibile, o un professionista che intenda sistemare la propria posizione debitoria quando generata da obbligazioni estranee alle attività rispettivamente imprenditoriali o professionali.

Lo stato di sovraindebitamento, infine, viene considerato come la situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte, che determina la rilevante difficoltà di adempiere le proprie obbligazioni, ovvero la definitiva incapacità di adempierle regolarmente. In pratica non viene prospettata esclusivamente l’incapacità, definitiva e non transitoria, del debitore di adempiere regolarmente i propri debiti con i redditi prodotti e percepiti, ma anche la sproporzione tra il complesso dei debiti ed il proprio patrimonio.

Fine ultimo della procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento prevista dalla legge 3/2012 è il beneficio dell’esdebitazione ovvero della liberazione del debitore, nei confronti dei creditori non soddisfatti, dai debiti che dovessero residuare dopo la positiva conclusione della procedura.

Affinché il debitore possa ottenere la liberazione dai debiti residui è necessario, fra l’altro, che egli non abbia beneficiato di altra esdebitazione negli otto anni precedenti l’istanza di composizione della crisi da sovraindebitamento. L’esdebitazione è, inoltre, esclusa quando il sovraindebitamento del debitore sia imputabile ad un ricorso al credito colposo e sproporzionato rispetto alle sue capacità patrimoniali e, comunque, non opera per i debiti derivanti da obblighi di mantenimento e alimentari, per i debiti da risarcimento dei danni, per i debiti tributari riconducibili a risorse proprie dell’Unione Europea (imposta sul valore aggiunto o IVA).

Benissimo, ma come si fa ad accedere alla procedura di composizione delle crisi da sovraindebitamento? Semplice, rivolgendosi ad uno degli organismi istituiti proprio dalla legge 3/2012 e preposti al supporto tecnico giudiziale del debitore sovraindebitato.

Questo link consente di accedere al registro gestito dal Ministero della Giustizia dove è possibile reperire l’elenco degli organismi abilitati alla composizione della crisi da sovraindebitamento, nonché tutti i dati di contatto, per ottenere adeguata assistenza nella presentazione di un’istanza di liberazione dai debiti presso il Tribunale territorialmente competente.

11 Novembre 2017 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sovraindebitamento e legge 3/2012 (salva suicidi) - A chi può rivolgersi il debitore per farsi assistere nella procedura di composizione della crisi debitoria
Come sappiamo, nelle procedure per la composizione delle crisi da sovraindebitamento disciplinate dalla legge 3/2012, e cioè per la presentazione di un'ipotesi di accordo con i creditori (da parte di un professionista non fallibile), di un piano di rientro dal debito del consumatore non professionista o di una proposta di liquidazione del patrimonio, il debitore deve essere assistito da un organismo di composizione delle crisi scelto fra quelli inclusi nell'elenco ufficiale predisposto dal Ministero della giustizia. Tuttavia, l'articolo 15 della legge 3/2012, al comma 9, nella formulazione attualmente vigente, prevede che i compiti e le funzioni attribuiti agli organismi di ...

Composizione della crisi da sovraindebitamento (legge 3/2012 salva suicidi) per debiti di natura tributaria
La legge numero 3/2012, afferente le disposizioni in materia di composizione delle crisi da sovraindebitamento, ha introdotto una specifica normativa applicabile alle situazioni di crisi non assoggettabili alle procedure fallimentari; laddove per sovraindebitamento debba intendersi una situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte, che determina la rilevante difficoltà di adempiere le proprie obbligazioni. In particolare, la legge ha previsto tre possibili procedimenti per i soggetti esclusi dall'ambito di applicazione della legge fallimentare, consistenti nell'accordo di composizione della crisi, nel piano del consumatore e nella procedura alternativa di liquidazione dei beni. Più ...

Il precetto deve far riferimento alla possibilità del debitore di intraprendere le procedure sulla composizione della crisi da sovraindebitamento (legge 3/2012 cosiddetta salva suicidi)
Il decreto legge 83/15 stabilisce che il precetto (evidentemente rivolto ai soggetti non fallibili) deve contenere l'avvertimento che il debitore può, con l'ausilio di un organismo di composizione della crisi o di un professionista nominato dal giudice, porre rimedio alla situazione di sovraindebitamento concludendo con i creditori un accordo di composizione della crisi o proponendo agli stessi un piano del consumatore. In pratica, servendosi delle opzioni concesse al debitore sovraindebitato dalla legge 3/12. L'omissione del riferimento al possibile esercizio di tale facoltà, sarà deducibile dal debitore precettato con il rimedio dell'opposizione agli atti esecutivi ex articolo 617 del codice di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come il sovraindebitato può ottenere la liberazione dai debiti. Clicca qui.

Stai leggendo Come il sovraindebitato può ottenere la liberazione dai debiti Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 11 Novembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Maggio 2021 Classificato nella categoria composizione delle crisi da sovraindebitamento - debiti esdebitazione e fallimento debitore con legge 3/2012 salva suicidi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)