La riscossione dei canoni di locazione integra accettazione tacita dell'eredità

L'accettazione tacita di eredità, che si ha quando il chiamato all'eredità compie un atto che presuppone la sua volontà di accettare e che non avrebbe diritto di compiere se non nella qualità di erede, può essere desunta anche dal comportamento del chiamato, che abbia posto in essere una serie di atti incompatibili con la volontà di rinunciare o che siano concludenti e significativi della volontà di accettare.

In particolare, la riscossione dei canoni di locazione di un bene ereditario, è un atto dispositivo e non meramente conservativo, che integra accettazione tacita dell'eredità.

Questo il pensiero dei giudici della Corte di cassazione, messo nero su bianco nella sentenza 11823/15.

7 luglio 2015 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la riscossione dei canoni di locazione integra accettazione tacita dell'eredità. Clicca qui.

Stai leggendo La riscossione dei canoni di locazione integra accettazione tacita dell'eredità Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 7 luglio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria successione eredità e donazioni - nozioni generali Inserito nella sezione giurisprudenza del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca