Accettazione tacita dell'eredità e costi di trascrizione

L’accettazione è tacita quando il chiamato all’eredità compie un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe il diritto di fare se non nella qualità di erede.

L’accettazione tacita presuppone, quindi, l’esplicazione di un’attività personale del chiamato, con la quale venga posto in essere un atto incompatibile con la volontà di rinunciare e non altrimenti giustificabile se non nella qualità di erede, configurandosi, in tal modo, un comportamento che implica necessariamente la volontà di acquistare l’eredità.

Ad esempio, comportano accettazione tacita dell’eredità gli atti di disposizione di singoli beni ereditari (l’ipotesi ricorrente è quella della vendita di un bene immobile della massa ereditaria), o anche comportamenti concludenti del chiamato, che abbia posto in essere un atto o una serie di atti significativi della volontà di accettare (è stata riconosciuta tale volontà in correlazione ad azioni tese a rivendicare la proprietà di beni ereditari o al risarcimento per la loro mancata disponibilità).

Per converso, la presentazione della denunzia di successione presso l’Agenzia delle entrate non determina mai accettazione (tacita od espressa) dell’eredità comportando esclusivamente un adempimento di obblighi fiscali (pagamento delle imposte di successione).

L’accettazione tacita dell’eredità, proprio perché non è operata sulla base di una espressa dichiarazione di volontà in tal senso, né risulta necessariamente correlata ad un atto di per sé trascrivibile, non rientra nel novero degli atti soggetti a trascrizione obbligatoria. Tuttavia, se il chiamato ha compiuto uno degli atti che importano accettazione tacita dell’eredità, si può richiederne la trascrizione, qualora esso risulti da sentenza, da atto pubblico o da scrittura privata con sottoscrizione autenticata o accertata giudizialmente.

In pratica, se il chiamato all’eredità trasferisce a terzi la proprietà di un bene immobile che fa parte della massa ereditaria, accettando tacitamente l’eredità, la vendita potrà essere trascritta prima come atto che comporta accettazione dell’eredità, e, successivamente come atto di trasferimento della proprietà.

Paradossalmente, il costo per imposte e spese, risulterà in tal caso inferiore a quello che l’erede avrebbe dovuto comunque sopportare attraverso un atto di accettazione espressa dell’eredità (davanti a notaio o tribunale), registrato e trascritto.

26 Ottobre 2015 · Stefano Iambrenghi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La riscossione dei canoni di locazione integra accettazione tacita dell'eredità
L'accettazione tacita di eredità, che si ha quando il chiamato all'eredità compie un atto che presuppone la sua volontà di accettare e che non avrebbe diritto di compiere se non nella qualità di erede, può essere desunta anche dal comportamento del chiamato, che abbia posto in essere una serie di atti incompatibili con la volontà di rinunciare o che siano concludenti e significativi della volontà di accettare. In particolare, la riscossione dei canoni di locazione di un bene ereditario, è un atto dispositivo e non meramente conservativo, che integra accettazione tacita dell'eredità. Questo il pensiero dei giudici della Corte di ...

Come il creditore può dimostrare accettazione tacita dell'eredità da parte del debitore
Se il chiamato all'eredità è un debitore, il suo creditore ha spesso interesse alla trascrizione dell'accettazione dell'eredità per poter portare a termine l'azione esecutiva. Per quanto riguarda l'accettazione esplicita, o espressa, dell'eredità, essa opera in base alla dichiarazione del chiamato contenuta in un atto pubblico ovvero in una scrittura privata con sottoscrizione autenticata o accertata giudizialmente. L'accettazione tacita dell'eredità consiste, invece, nel compimento di atti che presuppongono necessariamente la volontà di accettare e che il chiamato non avrebbe diritto di compiere se non nella qualità di erede. In via generale, gli atti che, secondo la legge o secondo la giurisprudenza, ...

Non vi è accettazione tacita dell'eredità se il chiamato adempie ad un obbligo del defunto con denaro proprio e non con quello prelevato dall'asse ereditario
In tema di successioni per causa di morte, il pagamento del debito del defunto ad opera del chiamato all'eredità con danaro prelevato dall'asse ereditario, a differenza di un mero adempimento dallo stesso eseguito con denaro proprio, configura un'accettazione tacita, non potendosi estinguere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Per eccepire l'accettazione tacita dell'eredità, è quindi necessario che sia fornita la prova che il pagamento sia stato effettuato con danaro prelevato dall'asse ereditario, mentre nel caso in cui il chiamato adempia al debito ereditario con denaro proprio, quest’ultimo non può ritenersi per ciò stesso che abbia ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accettazione tacita dell'eredità e costi di trascrizione. Clicca qui.

Stai leggendo Accettazione tacita dell'eredità e costi di trascrizione Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 26 Ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 26 Ottobre 2015 Classificato nella categoria accettazione e rinuncia eredità - accettazione con beneficio di inventario Inserito nella sezione successione donazione rinuncia eredità

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Antonio1 2 Ottobre 2016 at 15:51

    Mia madre e’ intestataria di metà della casa di famiglia, l’altra meta é intestata a noi tre fratelli.

    Io sono indebitato di una grossa cifra con Equitalia: come possiamo gestire la situazione? Ho letto che si può rinunciare all’eredità.

    A quali rischi andiamo incontro? Premetto che e’ una casa molto vecchia del valore all’incirca di 40.000 euro.

    • Simone di Saintjust 2 Ottobre 2016 at 18:24

      I creditori dei chiamati all’eredità che abbiano rinunciato possono farsi autorizzare, entro 5 anni dalla rinuncia, ad accettare l’eredità in nome e luogo del rinunciante debitore, al solo scopo di soddisfarsi sui beni del debitore e fino a concorrenza dei crediti vantati.

      Il chiamato debitore non acquisisce la qualità di erede perché questa non può essere attribuita contro la volontà di costui, ma cionondimeno, i creditori potranno soddisfarsi sui beni del debitore visto che saranno costoro ad accettare l’eredità in sostituzione del debitore chiamato.

      La soluzione radicale del problema consiste nella vendita della proprietà prima della morte di su madre, anche se bisogna aggiungere che l’espropriazione di un bene immobile solo cointestato al debitore non è proprio una passeggiata per il creditore.