Dichiarazione dei redditi per il defunto ed accettazione dell'eredità

Il diritto di accettare l’eredità si prescrive in dieci anni e il termine decorre dal giorno dell’apertura della successione. Tuttavia, i chiamati che hanno rinunciato all’eredità possono sempre accettarla, anche tacitamente, se non è già stata acquistata da altri chiamati e senza pregiudizio per i diritti acquisiti da terzi sui beni dell’eredità.

Si ha accettazione tacita dell’eredità quando il chiamato all’eredità compie un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe il diritto di fare se non nella qualità di erede.

Questi i principi richiamati dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 6070/12. Pertanto, secondo l’insegnamento della Corte Suprema, la rinuncia all’eredità non è ostativa ad una successiva accettazione, che può essere anche tacita, allorquando il comportamento del rinunciante sia incompatibile con la volontà di non accettare la vocazione ereditaria.

Si tratta di una precisazione di non poco conto, che può comportare conseguenze anche rilevanti. Ad esempio, presentare, dopo la rinuncia all’eredità, una dichiarazione dei redditi per il soggetto debitore defunto (magari per rivendicare un credito d’imposta spettante al de cuius) presuppone accettazione tacita della qualità di erede, e quindi l’accollo di tutti i debiti del defunto.

24 Novembre 2015 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La riscossione dei canoni di locazione integra accettazione tacita dell'eredità
L'accettazione tacita di eredità, che si ha quando il chiamato all'eredità compie un atto che presuppone la sua volontà di accettare e che non avrebbe diritto di compiere se non nella qualità di erede, può essere desunta anche dal comportamento del chiamato, che abbia posto in essere una serie di atti incompatibili con la volontà di rinunciare o che siano concludenti e significativi della volontà di accettare. In particolare, la riscossione dei canoni di locazione di un bene ereditario, è un atto dispositivo e non meramente conservativo, che integra accettazione tacita dell'eredità. Questo il pensiero dei giudici della Corte di ...

La richiesta di voltura catastale di un immobile del defunto non comporta necessariamente accettazione tacita dell'eredità
Non sempre la voltura dei beni appartenenti al defunto in favore degli eredi comporta accettazione tacita dell'eredità: in particolare, quando l'atto di voltura, pur effettuato nell'interesse di tutti i coeredi, viene in concreto richiesto da uno solo di essi, l'accettazione tacita dell'eredità si produce solo in favore di chi vi provveda. Per gli altri eredi, infatti, è necessario riscontrare se vi sia stata o meno la spendita del nome in occasione della presentazione della denuncia di variazione catastale, ovvero se colui che sottoscrive la richiesta di voltura abbia agito quale mandatario degli altri coeredi. In breve, l'accettazione tacita di eredità ...

Non vi è accettazione tacita dell'eredità se il chiamato adempie ad un obbligo del defunto con denaro proprio e non con quello prelevato dall'asse ereditario
In tema di successioni per causa di morte, il pagamento del debito del defunto ad opera del chiamato all'eredità con danaro prelevato dall'asse ereditario, a differenza di un mero adempimento dallo stesso eseguito con denaro proprio, configura un'accettazione tacita, non potendosi estinguere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Per eccepire l'accettazione tacita dell'eredità, è quindi necessario che sia fornita la prova che il pagamento sia stato effettuato con danaro prelevato dall'asse ereditario, mentre nel caso in cui il chiamato adempia al debito ereditario con denaro proprio, quest’ultimo non può ritenersi per ciò stesso che abbia ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dichiarazione dei redditi per il defunto ed accettazione dell'eredità. Clicca qui.

Stai leggendo Dichiarazione dei redditi per il defunto ed accettazione dell'eredità Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 24 Novembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 9 Febbraio 2019 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 23 Giugno 2020 at 23:05

    Io, mio fratello e mia mamma abbiamo fatto accettazione con beneficio d’inventario. dopo la morte del papà. Possiamo presentare la dichiarazione dei redditi oppure rischiamo di perdere il beneficio?

    • Simone di Saintjust 24 Giugno 2020 at 04:35

      Il contenuto dell’articolo a commento si riferisce al chiamato che non ha ancora accettato espressamente (anche con beneficio di inventario) e presenta la dichiarazione dei redditi per conto del defunto: egli non potrà più rinunciare o accettare con beneficio di inventario.

  • Anonimo 29 Ottobre 2019 at 16:00

    Mio padre e’ morto lasciando come eredi mia mamma (coniuge) e 2 figli: io (ho una figlia minorenne) e mia sorella abbiamo fatto subito rinuncia all’eredità, mia mamma no (visto che era in società con mio padre in un azienda fallita).

    Mio padre durante la sua malattia aveva richiesto tramite CAF all Inps invalidità civile e accompagnamento e non aveva avuto accompagnamento nonostante invalidità riconosciuta, per cui l’avvocato del CAF aveva fatto causa all inps. Dopo che mio padre e’ morto l’avvocato vuole comunque procedere con la firma di mia mamma e il suo Iban, (dice che noi figli abbiamo fatto rinuncia, ma mia mamma può richiedere i soldi).

    Io sono preoccupato per qualsiasi azione che possa far decadere la rinuncia all eredita fatta da noi figli.

    Può questa cosa considerarsi tacita accettazione dell’eredità anche se noi figli non gli abbiamo firmato nulla? Poi mia mamma vorrebbe richiedere i ratei della tredicesima della pensione maturati: può farlo solo per la sua parte?

    • Rosaria Proietti 30 Ottobre 2019 at 08:42

      Nessuna scelta effettuata o azione giudiziale avviata dalla madre, potrà cancellare la rinuncia all’eredità già dichiarata dai figli. L’articolo 525 del codice civile prevede che il chiamato all’eredità possa accettare l’eredità solo mediante esplicita dichiarazione di accettazione, se non è già stata acquistata da altro dei chiamati.