RID - Diniego alla portabilità e mancata esecuzione dei pagamenti

Con la procedura RID (rapporto interbancario diretto) il cliente autorizza la banca a eseguire ordini di addebito impartiti da un terzo, sulla base di un rapporto di fornitura (si pensi alla domiciliazione bancaria delle utenze domestiche) o di finanziamento (rimborso di prestiti personali, restituzione di somme utilizzate attraverso carte di credito, rimborso di rate di mutuo, ecc.). Nel caso in cui l’intermediario proceda ad addebiti in mancanza dell’autorizzazione da parte del cliente, quest’ultimo ha diritto a chiedere il rimborso nei 13 mesi successivi.

Il diniego opposto dalla banca al trasferimento del RID presso altra banca (portabilità), ove non sorretto da adeguata giustificazione, viola il principio di buona fede e correttezza. Incombe sul ricorrente l’onere di provare di aver inoltrato alla banca la richiesta di trasferimento della domiciliazione.

Infine, spetta alla banca dimostrare l’eventuale impossibilità di procedere ai pagamenti attraverso la modalità concordata. Il pagamento mediante RID integra infatti una delega concessa dal cliente alla banca a eseguire addebiti automatici sul proprio conto corrente. Nel momento in cui la banca accetta tale delega, si assume la responsabilità di effettuare tempestivamente i medesimi pagamenti.

Quelli appena riportati sono gli orientamenti che emergono da numerose decisioni dell’Arbitro Bancario Finanziario.

26 Settembre 2014 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Norme sul trasferimento (portabilità) dei servizi di pagamento connessi ad un rapporto di conto corrente
Per trasferimento dei servizi di pagamento connessi ad un rapporto di conto corrente si intende il trasferimento, su richiesta del consumatore, dell'eventuale saldo positivo e/o delle informazioni relative a ordini permanenti di bonifico, addebiti diretti e bonifici in entrata ricorrenti da un conto corrente di origine intrattenuto presso un istituto di credito (trasferente) ad un conto corrente di destinazione (ricevente) intrattenuto presso un diverso istituto di credito, con o senza la chiusura del conto corrente di origine. Il servizio di trasferimento dell'eventuale saldo attivo, degli ordini permanenti di bonifico, degli addebiti diretti e dei bonifici in entrata ricorrenti è avviato ...

Conto corrente bancario: la portabilità è gratuita » Abbattuti anche i tempi per la definizione della pratica
A partire dal 2015, è stata introdotta, nel nostro ordinamento giuridico, la portabilità gratuita, ed in tempi decisamente più ristretti, del conto corrente bancario personale. Per chi ancora non ne fosse a conoscenza, Il decreto legge 24 gennaio 2015 numero 3, il quale ha recepito la direttiva europea sui conti correnti 92/14 del 23 luglio 2014, stabilisce un termine massimo di 13 giorni, entro il quale le banche devono provvedere al passaggio di un conto corrente, su richiesta del cliente. Da un po' di tempo a questa parte, dunque, cambiare è più facile e, in più, non ci sono spese ...

Legittima la segnalazione in Centrale Rischi se dopo il pagamento in ritardo delle rate pregresse il debitore rifiuta di regolare l'adempimento delle rate in scadenza tramite Rapporto Interbancario Diretto
L'appostazione a sofferenza di una posizione debitoria implica una valutazione da parte della banca inerente la complessiva situazione finanziaria del cliente e non può scaturire automaticamente da un mero ritardo di quest’ultimo nel pagamento del debito. Tanto premesso, ai fini della segnalazione alla centrale dei rischi, la nozione di insolvenza non si identifica con quella propria fallimentare, ma si concretizza in una valutazione negativa della situazione patrimoniale, apprezzabile come deficitaria, ovvero come di grave difficoltà economica, senza, quindi, alcun riferimento al concetto di incapienza o irrecuperabilità del credito o a quello dell'insolvenza fallimentare. Il cosiddetto modulo RID ovvero Rapporto Interbancario ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rid - diniego alla portabilità e mancata esecuzione dei pagamenti. Clicca qui.

Stai leggendo RID - Diniego alla portabilità e mancata esecuzione dei pagamenti Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 26 Settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 14 Gennaio 2017 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)