Pignoramento usufrutto vitalizio - indebitati.it

L’articolo 555 codice di procedura civile, che disciplina la forma del pignoramento, fa espressamente riferimento, non solo ai beni immobili, ma anche ai diritti immobiliari; prescrive, infatti, che l’atto di pignoramento deve indicare esattamente i beni ed i diritti immobiliari che si intendono sottoporre ad esecuzione.

All’esecuzione immobiliare risultano, pertanto, assoggettati, per espressa previsione normativa, non solo il diritto di proprietà del debitore su determinati beni immobili, ma anche il diritto di usufrutto.

Come stabilito dall’articolo 979 del codice civile la durata dell’usufrutto non può eccedere la vita dell’usufruttuario.

Il valore dell’usufrutto vitalizio dipende dalle probabilità di sopravvivenza dell’usufruttuario, e quindi non è influenzato dalla variazione del tasso legale. L’usufrutto vitalizio, infatti, vale tanto più quanto l’usufruttuario è giovane, e il suo valore si calcola sulla base di tabelle statistiche sulla durata media della vita. L’usufrutto a tempo determinato, invece, viene determinato proprio in base all’interesse legale. Si tratta infatti di stabilire il valore di un capitale che rende un interesse per un determinato numero di anni. Dal confronto tra le rispettive tabelle si può stabilire quando è più conveniente costituire un usufrutto vitalizio o un usufrutto a tempo determinato.

Tra le facoltà concesse all’usufruttuario, peraltro, meritano di essere menzionate quella di locare il bene, di concedere ipoteca su di esso (ma non anche di costituire servitù a carico del fondo), nonché di cedere il proprio diritto per un tempo determinato o perfino sine die (sempre fermo restando il limite della vita dell’originario usufruttuario, essendo vietata la disposizione dell’usufrutto “mortis causa”).

Per quanto concerne la sorte dei diritti personali di godimento che l’usufruttuario abbia eventualmente fatto nascere sul bene, in linea di massima essi vengono meno contestualmente all’estinzione dell’usufrutto. Una eccezione degna di nota, tuttavia, è rappresentata dal contratto di locazione: per tutelare le legittime aspettative ed esigenze del locatario, l’articolo 999 del codice civile prevede che i rapporti in corso di esecuzione alla cessazione dell’usufrutto, a patto che risultino da atto pubblico o scrittura privata avente data certa anteriore, continuano per la durata stabilita dal contratto di locazione, fino a un termine massimo di cinque anni (sul punto, si veda, tra le altre, Cass. Civ., sentenza numero 3457/1969).

La durata dell’usufrutto vitalizio, sarà ancorata non già alla vita dell’usufruttuario assegnatario ma alla vita del debitore sottoposto ad esecuzione, consolidandosi il diritto di proprietà in capo al nudo proprietario dopo il decesso del debitore sottoposto ad esecuzione.

27 Settembre 2012 · Loredana Pavolini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento nuda proprietà e usufrutto - quando il debitore è nudo proprietario e quando il debitore è usufruttuario
Nel caso di pignoramento del diritto di proprietà ove risulti che il debitore è nudo proprietario si procede ugualmente alla vendita forzata del diritto di proprietà, il quale risulterà gravato del diritto reale di godimento. Oggetto della vendita forzata è, cioè, il medesimo diritto pignorato, con la particolarità che il diritto non sarà esercitatile in tutto il suo normale contenuto per la presenza del diritto di usufrutto fatto valere dal terzo sul bene (a meno che non si tratti di diritto di usufrutto costituito su cosa ipotecata, nel qual caso il diritto si estingue con l'espropriazione del bene ai sensi ...

Usufrutto e pignoramento
L'usufrutto è un diritto, quantificabile in valore e come tale pignorabile in caso di insolvenza debitoria. Il calcolo avviene sulla base del valore catastale dell'immobile e su tabelle attuariali. Se parliamo di usufrutto vitalizio, il suo valore si calcola applicando un determinato coefficiente (relativo all'età dell'usufruttuario) - che tiene anche conto del saggio legale d'interesse - al valore catastale aggiornato della piena proprietà del bene. Ad esempio dato 200.000 Euro il valore della piena proprietà e in 51 gli anni dell'usufruttuario, si ha che: - l'usufrutto vale: 200.000 x 23% = 46.000 Euro - la nuda proprietà vale (specularmente): 154.000 ...

Azione esecutiva e pignoramento – quando il creditore aggredisce il patrimonio del debitore
Si definisce “azione esecutiva” il procedimento attraverso il quale il creditore che sia in possesso di un “titolo esecutivo” (cambiale, assegno, sentenza definitiva, ecc.) può aggredire il patrimonio del debitore. Le azioni esecutive sono svolte da uno o più creditori, siano essi privilegiati o chirografari, anche sullo stesso bene, mobile, immobile, mobile registrato o credito vantato da debitore, sono cumulabili in quanto il creditore può agire con i possibili mezzi di espropriazione forzata previsti dalla legge, ovvero il pignoramento mobiliare, il pignoramento immobiliare o il pignoramento presso terzi. Il debitore può però chiedere al giudice di limitare il mezzo utilizzabile ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento usufrutto vitalizio - indebitati.it. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento usufrutto vitalizio - indebitati.it Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 27 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nella categoria nozioni generali sul pignoramento Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • beppe666 16 Febbraio 2013 at 14:34

    Buon giorno a tutti mi e’ stato inviato un atto di precetto in cui mi si intima di pagare entro 10 giorni 88000 da parte di unicredit altrimenti si passera’ all’ esecuzione forzata mi e’ stata gia pignorata la casa venduta all’asta per 25000,sono in affitto ho un contratto di lavoro precario di un mese mia mglie non lavora in casa ho pochi mobili un armadio la cucina di 10 anni, un tavolo 6 sedie 2 tv un pc, una macchina di 9 anni cosa possono pignorarmi?Io vorrei tanto pagare ma le mie condizioni sono davvero difficili a malapena riusciamo a pagare l’affitto e le bollette per lavorare devo fare 50km al giorno ho necessita’ della macchina .Cosa mi consigliate di fare ? grazie

    • Annapaola Ferri 16 Febbraio 2013 at 15:09

      Quello che possiamo consigliare è l’acquisto di uova fresche e mezza bottiglia di Marsala. Uno zabaglione è l’ideale per rimettersi in forze dopo l’eventuale visita dell’ufficiale giudiziario a cui voi tutti, mamma, papà e bambini compresi, offrirete una mezzolitratta di sangue appena prelevato per endovena. Se siete fortunati (vale a dire se il vostro gruppo sanguigno è fra quelli più rari) può darsi che Unicredit si accontenterà di 250 cl a testa. Altrimenti vorrà dire che dovrete sottoporvi ad un successivo pignoramento …

      Suggerisco inoltre il cambio di cognome a moglie e figli. Di questi tempi, pare che pignorino pure i familiari.

      Certo lei non è molto fortunato. Se avesse stipulato il mutuo con Monte Paschi di Siena adesso avrebbe buone possibilità di non pagare nulla, visto che se le cose andranno come spero, i dirigenti di quella “banca” saranno tutti richiusi fra San Vittore, Poggioreale e Sollicciano.