Esecuzione su beni donati o assoggettati a vincolo di indisponibilità

Il creditore che sia pregiudicato da un atto del debitore, di costituzione di vincolo di indisponibilità (fondo patrimoniale) o di alienazione (donazione, trasferimento immobiliare in sede di separazione o divorzio, concessione di ipoteca volontaria) che ha per oggetto beni immobili o mobili iscritti in pubblici registri, compiuto a titolo gratuito successivamente al sorgere del credito, può procedere, munito di titolo esecutivo, a esecuzione forzata, ancorché non abbia preventivamente ottenuto sentenza dichiarativa di inefficacia, se trascrive il pignoramento nel termine di un anno dalla data in cui l’atto è stato trascritto.

Tale disposizione si applica anche quando l’atto a titolo gratuito abbia per oggetto beni immobili o mobili iscritti in pubblici registri, compiuto successivamente al sorgere del credito, purché il creditore, entro un anno dalla trascrizione dell’atto pregiudizievole, intervenga nell’esecuzione da altri promossa. Quando il bene, per effetto o in conseguenza dell’atto, è stato trasferito a un terzo, il creditore promuove l’azione esecutiva nelle forme dell’espropriazione contro il terzo proprietario ed è preferito ai creditori personali di costui nella distribuzione del ricavato.

Se con l’atto è stato riservato o costituito diritto di ipoteca, abitazione, uso o usufrutto, il creditore pignora il bene come libero nei confronti del proprietario. Tali diritti si estinguono con la vendita del bene e i terzi titolari sono ammessi a far valere le loro ragioni sul ricavato, con preferenza rispetto ai creditori cui i diritti sono opponibili.

Il debitore, il terzo assoggettato a espropriazione e ogni altro interessato alla conservazione del vincolo possono proporre le opposizioni all’esecuzione previste dal Codice di procedura civile quando contestano che l’atto abbia arrecato pregiudizio alle ragioni del creditore o che il debitore abbia avuto conoscenza del pregiudizio arrecato.

L’azione esecutiva non può esercitarsi in pregiudizio dei diritti acquistati a titolo oneroso, nel caso di due alienazioni consecutive del medesimo immobile, dal secondo acquirente, fatti salvi gli effetti della trascrizione del pignoramento.

In pratica, in favore del creditore viene meno la condizione richiesta dall’articolo 2902 del codice civile, consistente nel preventivo ottenimento della sentenza dichiarativa di inefficacia dell’atto compiuto dal debitore (azione revocatoria).

E’ quanto prevede l’articolo 2929 bis del codice civile.

7 Ottobre 2018 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il creditore può pignorare il bene donato o reso indisponibile dal debitore (trust, fondo patrimoniale, vincolo di destinazione) senza procedere alla revocatoria dell'atto
Il creditore che sia pregiudicato da un atto del debitore, di costituzione di vincolo di indisponibilità o di alienazione, che ha per oggetto beni immobili o mobili iscritti in pubblici registri, compiuto a titolo gratuito successivamente al sorgere del credito, può procedere, munito di titolo esecutivo, a esecuzione forzata, ancorchè non abbia preventivamente ottenuto sentenza dichiarativa di inefficacia, se trascrive il pignoramento nel termine di un anno dalla data in cui l'atto è stato trascritto. La disposizione di cui al presente comma si applica anche al creditore anteriore che, entro un anno dalla trascrizione dell'atto pregiudizievole, interviene nell'esecuzione da altri ...

Per donazioni e fondo patrimoniale la legge 83/2015 facilita l'azione esecutiva del creditore
La linea di tendenza volta a rafforzare la tutela del creditore trova riscontro in alcuni recenti provvedimenti governativi, come le modifiche apportate dal decreto legge 83/2015 all'articolo 492 bis del codice di procedura civile (ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare al debitore); oppure l'integrazione dell'articolo 2929 del codice civile con una specifica sezione (sezione I bis) che regola l'espropriazione di beni del debitore oggetto di vincoli di indisponibilità o di alienazioni a titolo gratuito (donazioni e conferimento di immobili al fondo patrimoniale). Per quel che attiene la ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare al debitore, l'articolo ...

Pignoramento: nuove disposizioni » Ora più semplice anche in presenza di donazioni trust o fondi patrimoniali: non è più fondamentale un'azione revocatoria
Con l'entrata in vigore della legge 83/15, il pignoramento è diventato più facile per il creditore, che ha via libera di procedere anche in presenza di donazioni, trust o fondi patrimoniali. Come noto, il fondo Patrimoniale è stato da sempre lo strumento utilizzato per tutelare la casa familiare dai rischi derivanti dai debiti futuri. Oggi, però, il fondo Patrimoniale ha perso completamente le garanzie offerte in precedenza. Infatti, con le nuove disposizioni di legge, ovvero il decreto legge 83 del 27/06/2015, il creditore che veda pregiudicate le proprie ragioni da un atto di cessione dei propri beni posto in essere ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su esecuzione su beni donati o assoggettati a vincolo di indisponibilità. Clicca qui.

Stai leggendo Esecuzione su beni donati o assoggettati a vincolo di indisponibilità Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 7 Ottobre 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 9 Febbraio 2019 Classificato nella categoria azione revocatoria e declaratoria di inefficacia degli atti del debitore come donazioni e vendite simulate e fittizie Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 26 Febbraio 2019 at 21:19

    salve,
    il mio quesito è il seguente:
    Ho donato nel 2012 a mio figlio e al mio nipotino un’abitazione come prima casa ove abitiamo tutti insieme.
    Tale donazione è stata fatta in forma indiretta, quindi senza notaio.
    Ad oggi nè mio figlio nè io abbiamo registrato tale atto.
    Ai fini della validità e della decorrenza dell’atto, è obbligatoria la registrazione? senza registrazione l’atto ha comunque validità anche ai fini delle tasse, visto che mi sono riservato l’usufrutto?
    La registrazione fatta dopo 7 anni annulla la decorrenza di quando è sto sottoscritto l’atto?
    Grazie

    • Ornella De Bellis 27 Febbraio 2019 at 06:17

      Fino a quando l’atto di donazione non sarà stato registrato ha solo valenza interna. Ricordo che si indica come donazione indiretta, senza notaio, un trasferimento di denaro da donante a donatario con cui quest’ultimo acquisisce la proprietà (registrata) di un bene.