Anche l’usufrutto può essere suscettibile di successione ereditaria

La durata dell’usufrutto non può eccedere la vita dell’usufruttuario, il quale, peraltro, può cedere il suo diritto per un certo tempo o per tutta la sua durata. La temporaneità del diritto certo esclude che esso possa formare oggetto di disposizione testamentaria o ricadere nell’ambito di una successione mortis causa.

Tuttavia, una volta che l’usufrutto sia stato ceduto, esso, fino alla morte dell’originario e primo usufruttuario, diviene suscettibile di successione mortis causa ove l’originario cessionario deceda prima del cedente, e, se il cessionario in questione non ne abbia disposto per atto di ultima volontà, esso si trasmette per legge agli eredi dello stesso (essendo suscettibile di successive trasmissioni mortis causa), non venendo ad estinguersi e continuando a far parte del patrimonio relitto fino alla sua cessazione per morte del primo usufruttuario.

La regola trova applicazione anche nell’ipotesi di cessione pro quota del diritto di usufrutto vitalizio: il diritto di usufrutto concesso a più soggetti, infatti, si estingue, per ciascuna quota, alla morte del titolare di questa. In presenza di una cessione di quota dell’usufrutto, dunque, il diritto limitato di godimento sulla quota del cessionario, o dei suoi eredi, perdura fino a quando rimanga in vita l’usufruttuario cedente.

Questi i principi giuridici trasposti, nero su bianco, nella sentenza 8911/2016 della Suprema Corte di cassazione.

13 Ottobre 2017 · Genny Manfredi

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: ,

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su anche l’usufrutto può essere suscettibile di successione ereditaria. Clicca qui.

Stai leggendo Anche l’usufrutto può essere suscettibile di successione ereditaria Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 13 Ottobre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 9 Febbraio 2019 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di eredità successione e donazioni Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 2 Marzo 2020 at 03:57

    Mia madre dopo 22 anni di convivenza nella stessa residenza e sul suo stato di famiglia, ma nn sposata civilmente con un uomo scapolo, alla morte di quest’ultimo nel testamento ha solo avuto in usufrutto vitale durante la casa. Oltre alla beffa, si è trovata a pagare la successione di circa mille euro. Ci chiediamo gli eredi non diretti perché era scapolo, dovrebbero pagare la successione?

    • Ludmilla Karadzic 2 Marzo 2020 at 04:07

      La tassa di successione deve essere pagata da chi succede e beneficia dell’eredità in modo proporzionale a quanto abbia ricevuto: per evitare di pagare la successione è sufficiente che sua madre rinunci all’usufrutto.