Pignoramento con atto di precetto e blocco conto corrente

Precetto di pignoramento e successivo blocco del conto corrente

La mia ragazza, in seguito ad una pessima assistenza legale, ha ricevuto un precetto di pignoramento e successivamente il blocco del conto corrente bancario per pignoramento presso terzi.

Il debito originario era di 1.900 euro, nel precetto di pignoramento l'importo totale arriva a 3.300 euro. Dalla banca abbiamo saputo ufficiosamente che l'importo totale del pignoramento è di 4.900 euro.

Mi chiedo come sia possibile che alla banca risulti un importo diverso dall'atto ricevuto dalla mia ragazza (e se sia normale che si arrivi a più che raddoppiare il debito originario), poi vorrei sapere come funziona tecnicamente la chiusura della pratica, ovvero come avviene praticamente il pagamento e avere certezza della chiusura della pratica.

Considerate che al momento del pignoramento il saldo in banca era di quasi 3.000 euro.

Quei soldi, insieme al resto in contanti, servono per saldare il debito, ma come svincolarli dal pignoramento per pagare?

Conversione del pignoramento del conto corrente

Deve depositare presso la cancelleria del Tribunale che ha emesso decreto ingiuntivo e precetto una semplice istanza di conversione, ovvero, ai sensi dell'articolo 495 del codice di procedura civile, la richiesta di sostituire ai crediti di pignoramento una somma di denaro pari all'importo dovuto al creditore pignorante e comprensivo del capitale, degli interessi e delle spese (precetto) oltre che delle spese di esecuzione.

Proprio in relazione a queste ultime, si giustifica l'aumento dell'importo da corrispondere (i 4900 euro che risultano alla banca). Si tratta di spese tabellari la cui consistenza non la decide il creditore e si riferiscono ai costi per le attività dell'ufficiale giudiziario per procedere al pignoramento.

Non esistono procedure tali da consentire il prelievo dei 3000 euro che costituivano il saldo prima del pignoramento per pagare il creditore pignorante. Il conto corrente, e quanto depositato in esso, sono beni "in ostaggio", per "liberare" i quali c'è da pagare il "riscatto". Con altre risorse.

Come ultima ipotesi può presentare, se è ancora nei termini (e con il supporto legale per valutarne la fattibilità) ricorso al giudice delle esecuzioni.

14 novembre 2012 · Marzia Ciunfrini


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Conto corrente cointestato » Pignoramento presso terzi e blocco integrale del saldo: è possibile?
E' corretto l'operato della banca che, a seguito della notifica di un atto di pignoramento presso terzi, sottopone al vincolo del pignoramento l'intero saldo del conto corrente, cointestato ed a firma disgiunta? Tra le procedure esecutive, quella del pignoramento presso terzi rappresenta senza dubbio quella più diffusa, dato che consente ...
Pignoramento presso la residenza del debitore – se il valore dei beni pignorati non copre il debito
Se i mobili non coprono l'intero debito il pignoramento mobiliare non va a buon fine? Il creditore, tramite decreto ingiuntivo e precetto, può chiedere all'ufficiale giudiziario di eseguire un pignoramento presso la residenza del debitore. Non rileva che il valore dei mobili non copra l'intero debito. Il ricavato del pignoramento ...
Pignoramento conto corrente condominale » E' possibile?
E' possibile il pignoramento del conto corrente condominiale? Analizziamo la questione nell'articolo seguente. Quando una compagnia che ha eseguito lavori, ad esempio di ristrutturazione, all'interno del condominio non riceve il pagamento della prestazione al termine dei lavori, scatta il principio della solidarietà sussidiaria tra condomini. Ciò vuol dire che i ...
Pignoramento del conto corrente cointestato - quando uno solo dei cointestatari è debitore
Molto spesso la banca, a seguito della notifica di un atto di pignoramento presso terzi, sottopone al vincolo del pignoramento l'intero saldo del conto cointestato al debitore sottoposto ad esecuzione. Ma, il pignoramento sulle somme depositate in un conto corrente bancario cointestato al debitore e ad una persona estranea all'obbligazione, ...
Pignoramento » Il precetto non deve essere rinnovato per più procedure di esecuzione forzata
Qualora fosse in atto più di un pignoramento, il creditore può utilizzare lo stesso precetto fino a che ha ottenuto il risanamento del debito: se non sono scaduti i 90 giorni, infatti, il precetto in rinnovazione è un atto che non ha alcuna utilità. Come chiarito in diversi interventi sul ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento con atto di precetto e blocco conto corrente. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento con atto di precetto e blocco conto corrente Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 14 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 8 marzo 2018 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca