Pignoramento dello stipendio con cessione e separazione legale

Sono un lavoratore dipendente su cui incombono azioni esecutive promosse da Equitalia e da altri creditori. Attualmente percepisco circa 1700 euro netti al mese.

Anni fa ho ceduto il quinto dello stipendio per far fronte ad una grave malattia che mi ha colpito all’improvviso (fanno tutte così) e per la quale era necessario sottoporsi a cure costose ed urgenti; cure non prestate, nella mia regione, dal Sistema Sanitario Nazionale e altrove disponibili ma, con liste di attesa incompatibili con i tempi di evoluzione della malattia. In conseguenza della cessione del quinto, attualmente, mi viene operata una trattenuta di 350 euro mensili.

Sono separato ed in forza alla sentenza di separazione e ad una successiva azione di pignoramento dello stipendio per crediti alimentari, promossa dalla mia ex moglie,  mi vengono prelevate alla fonte  500 euro, ogni mese. Più 200 euro per il mantenimento della mia piccola stella, che corrispondo volontariamente.  Si chiama Alessia e ha due grandi occhioni azzurri. Almeno così mi sembra di ricordare. E’ da tanto che non la vedo perché vive con la mamma in un’altra città ed io non posso permettermi di viaggiare spesso e pagarmi un albergo durante il soggiorno.

Non ho casa di proprietà, ma pago un affitto, in nero, di 400 euro al mese. Mi restano praticamente 250 euro per mangiare, comprare qualcosa ogni tanto con cui coprirmi, pagare il condominio (il riscaldamento è centralizzato) e l’abbonamento della metro per recarmi al lavoro. Non ho ovviamente la macchina, cosa che reputo uno dei pochi vantaggi legati alla mia condizione: muoversi a piedi fa bene alla salute, dicono.

Altro aspetto decisamente positivo della situazione in cui verso è rappresentata dal fatto che ho dovuto smettere di fumare: non posso permettermi il lusso delle sigarette. Di tanto in tanto però, lo confesso, punto qualcuno che fuma per strada e mi metto a seguirlo come un’ombra. Se il vento non mi è sfavorevole, riesco a ricordare il piacere di qualche boccata.

Ed anche a trigliceridi e colesterolo penso di essere sistemato abbastanza bene: non metto insieme il pranzo con la cena, mangio una volta al dì, rigorosamente pasta in bianco con un filino d’olio. La domenica una fettina con insalata, ma tutto dipende se nella settimana precedente non mi si sia guastata la lavatrice, il frigo o qualche rubinetto non abbiano cominciato a fare i capricci e se non mi si sia trovato le suole delle scarpe bucate. Quando capita un contrattempo così, si cena (o pranza) col zuppone di latte.

Negli ultimi tempi ho messo da parte qualcosina rinunciando a comprare l’abbonamento della metro; si tratta di circa 30 euro al mese. In pratica mi accodo a chi è in possesso del titolo di viaggio e con un’incollatura (l’esperienza si acquisisce solo con la pratica) riesco a superare il tornello prima che si chiuda e senza finire addosso a chi mi precede. Devo dire che ormai sono abbastanza bravo e colgo l’occasione che qui mi fornite per salutare e ringraziare Tom e Jerry, due senegalesi da cui ho appreso, osservandoli in azione, come muovermi.

Nonostante i salti mortali, però, non riesco sempre a far quadrare il bilancio. Le medicine, affinchè il mio stato di salute mi consenta comunque di recarmi al lavoro, devo comprarle e non ho l’esenzione dal ticket. La mia ex moglie mi chiede spesso di contribuire a pagare la retta per l’asilo nido di mia figlia e la mensa scolastica, così come stabilito dal giudice nella sentenza di separazione. Anche a lei, a dire tutta la verità, non gira troppo bene, ed ormai i Comuni tirano la cinghia elevando sempre più la soglia di reddito sotto la quale si ha diritto a qualche beneficio o contributo.

Insomma, per non portarla troppo per le lunghe, per pagare le spese non prevedibili e non rinviabili cinque anni fa ebbi la malaugurata idea di chiedere un primo prestito personale in banca. Mi fu accordato, devo dire, senza troppi problemi con una rata di circa 250 euro mensili da pagare per dieci anni. Non avendo capienza nel reddito da lavoro dipendente che percepisco, per le ragioni che vi ho appena descritto, ho utilizzato buona parte dei danari ricevuti per pagare il debito.

Poi anche quelli son finiti ed allora, per non diventare un cattivo pagatore e per onorare il primo debito, ho acceso un altro prestito presso una finanziaria. Questo due anni e mezzo fa, più o meno. Trecento euro al mese, sempre per dieci anni. Anche in questa occasione i soldi mi sono serviti più che altro per far fronte al pagamento del primo e del secondo prestito. Beh, confesso che qualcosa l’ho utilizzata anche per andare a trovare mia figlia e farle un pò di regalini.

Ora sono arrivato alla bancarotta. Devo pagare ogni mese 550 euro a banca e finanziaria. Soldi che non ho. In più c’è Equitalia che mi chiede la TARSU per gli ultimi sei anni (non l’ho mai pagata) ed il rimborso delle detrazioni (più sanzioni ed interessi) per prestazioni specialistiche che l’Agenzia delle Entrate ha ritenuto non dovute. Si viaggia intorno ai 5 mila euro di debito.

Mi hanno detto che anche Equitalia, la banca e la finanziaria possono procedere al pignoramento dello stipendio. Ed allora la domanda è: mi consigliate un treno del metrò, il primo TIR sulla strada statale o un cocktail di sedativi? Per quest’ultima opzione abbiate la cortesia di indicarmi almeno prodotti che  “passi la mutua”. Grazie

Ad essere sincera, e dando forse l’impressione di voler apparire provocatoria, io non la vedo poi così tragica, la sua situazione. Cerchiamo di analizzarne il motivo.

La metà di 1700 è 850. Primo, non possono pignorarle più di 850 euro.

Secondo, poichè la cessione del quinto (350 euro) è precedente agli eventuali pignoramenti, la capienza per questa tipologia di azioni esecutive si riduce a 500 euro.

Terzo, anche l’importo di 500 euro, pignorato alla fonte dalla sua ex, deve avere capienza nella metà dello stipendio del lavoratore dipendente debitore.

Conclusioni: 350 + 500 fanno 850 euro.  Praticamente il massimo pignorabile  che dello stipendio netto percepito dal lavoratore dipendente può essere assorbito da cessioni (ottenute prima dell’azione esecutiva), pignoramento per crediti alimentari (mantenimento per il coniuge separato e i figli),  per  crediti speciali (quelli vantati dalla Pubblica Amministrazione attraverso Equitalia, nel suo caso TARSU e rimborsi IRPEF per detrazioni non dovute) e per crediti ordinari (prestiti da banche e finanziarie).

Se Equitalia, la Banca, o la Finanziaria promuovessero un’azione di pignoramento dello stipendio presso il suo datore di lavoro dovranno attendere, con un pò di pazienza, che lei concluda il piano di ammortamento definito in occasione della cessione del quinto, o, in alternativa, dovranno sperare che la sua ex moglie “tiri le cuoia” quanto prima.

Può dunque tranquillamente smettere di pagare banche e finanziarie per i prestiti che le hanno erogato (avrebbe potuto farlo anche prima) continuare, per ora, a fruire gratuitamente del servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani (anche in considerazione del fatto che lei di spazzatura ne produce davvero poca) e a rimandare il saldo per il rimborso delle detrazioni IRPEF indebitamente fruite per cure mediche (come afferma l’Agenzia delle Entrate).

Queste le buone notizie. Quella cattiva è che dovrà comunque chiedere il supporto di un avvocato. Infatti la procedura esattoriale – quella di cui si avvale Equitalia per il pignoramento dello stipendio – non passa al vaglio del Giudice per la quantificazione dell’importo pignorabile. Per cattiva abitudine ad Equitalia poco importa di eccedere i limiti di pignorabilità per stipendi e pensioni previsti dalla legge. Ne consegue che lei sarà costretto a ricorrere al Giudice per le Esecuzioni qualora Equitalia decidesse di pignorarle lo stipendio. Nonostante, per ora, non vi sia capienza.

Una riflessione si impone. In alcune circostanze una cessione del quinto ed una separazione legale con assegno di mantenimento al coniuge e successivo pignoramento, rendono di fatto, intoccabile lo stipendio. Almeno per il tempo in cui i due obblighi permangono.

20 Novembre 2011 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento dello stipendio - Le nuove norme per crediti di natura esattoriale
La conversione in legge del decreto per la semplificazione degli adempimenti fiscali, contiene importanti novità in tema di pignorabilità di stipendi e pensioni. Il decreto introduce un limite di pignorabilità presso terzi per stipendi, salari o altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego parzialmente derogando, per la riscossione a mezzo ruolo, alle previsioni del codice di procedura civile in materia. Segnatamente, mutuando il sistema operante in Francia, con le norme in esame, sono state fissate, per importi fino a cinquemila euro, limiti di pignorabilità più bassi di quelli previsti dal codice civile. Così il pignoramento dello stipendio, ...

Coesistenza fra pignoramento stipendio e cessione del quinto - calcolo delle quote pignorabili e cedibili
Cosa succede quando pignoramento dello stipendio e cessione del quinto si cumulano. Come si calcola la quota pignorabile quando il pignoramento dello stipendio è successivo ad una cessione del quinto. Le regole per determinare la quota cedibile che si applicano nel caso in cui, invece, la cessione del quinto dello stipendio segue un pignoramento già subito. La cessione del quinto dello stipendio è una particolare forma di prestito personale, il cui rimborso avviene attraverso l'addebito della rata sulla busta paga o pensione. Dal 1° gennaio 2005 per i dipendenti è possibile contrarre prestiti da estinguersi con cessioni di quote dello ...

Guida al pignoramento di stipendio pensione e crediti alimentari - di quanti quinti sarà il quantum
E' sempre più frequente il ricorso del creditore a quelle norme, previste e disciplinate dagli articoli 543 e seguenti del codice di procedura civile, finalizzate ad aggredire i crediti vantati dai debitori a titolo di retribuzioni, pensioni e crediti alimentari. Ciò è stato reso possibile da una serie di interventi della Corte Costituzionale che hanno di fatto eliminato i vincoli di assoluta impignorabilità degli emolumenti, soprattutto per i dipendenti pubblici. In questa guida si cerca di chiarire al debitore dipendente o pensionato le conseguenze di un'azione di pignoramento presso terzi promossa dal creditore. Nella speranza che ciò possa almeno servire ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento dello stipendio con cessione e separazione legale. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento dello stipendio con cessione e separazione legale Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 20 Novembre 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 15 Ottobre 2017 Classificato nella categoria comunione e separazione dei beni fra coniugi - beni indivisi Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)