Separazione personale fra coniugi - Come influisce l'assegno di mantenimento sulla capienza residuale nel pignoramento dello stipendio

Nel caso di separazione consensuale e di versamento di una parte dello stipendio al coniuge, il Giudice decide al momento dell'udienza di separazione se pignorare l'importo e versarlo al coniuge separato?

In questo caso la capienza dello stipendio per eventuali pignoramenti ordinari diminuisce, oppure se il coniuge non chiede un'ingiunzione e il pignoramento dello stipendio non viene presa in considerazione al fine della determinazione della capienza residua per eventuali pignoramenti sia ordinari o da parte di Equitalia?

Il giudice si limita a quantificare l'importo dell'assegno di mantenimento oppure omologa l'accordo consensuale raggiunto dai coniugi.

L'assegno di mantenimento, così determinato, non influisce assolutamente sulla capienza residuale in un eventuale pignoramento dello stipendio; capienza che resta ancorata alla metà della retribuzione mensile al netto di tasse e contributi.

Perchè venga limitata la capienza residuale in successivi pignoramenti dello stipendio è necessario che il coniuge separato beneficiario promuova, a fronte di inadempimento del coniuge separato obbligato, un'azione esecutiva, nei confronti di quest'ultimo.

Solo dopo il pignoramento presso il datore di lavoro, la capienza residuale rispetto a successivi eventuali pignoramenti dello stipendio risulterà pari alla differenza fra la metà della retribuzione netta mensile e l'importo pignorato dal coniuge beneficiario insoddisfatto.

20 agosto 2015 · Tullio Solinas

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Ritenuta, sequestro e pignoramento dello stipendio o della pensione del coniuge obbligato al mantenimento
Il coniuge cui spetta la corresponsione periodica dell'assegno di mantenimento, dopo la costituzione in mora a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento del coniuge obbligato e inadempiente per un periodo di almeno trenta giorni, può notificare il provvedimento in cui è stabilita la misura dell'assegno ai terzi tenuti a corrispondere ...
Pignoramento dello stipendio con cessione e separazione - a volte conviene
Sono un lavoratore dipendente su cui incombono azioni esecutive promosse da Equitalia e da altri creditori. Attualmente percepisco circa 1700 euro netti al mese. Anni fa ho ceduto il quinto dello stipendio per far fronte ad una grave malattia che mi ha colpito all'improvviso (fanno tutte così) e per la ...
Separazione dei coniugi - i presupposti dell'assegno di mantenimento
In caso di separazione, il coniuge che non abbia adeguati redditi propri può chiedere che l'altro coniuge versi un assegno di mantenimento. Per ottenere il mantenimento è necessario che ricorrano le seguenti condizioni: il coniuge richiedente non deve avere redditi adeguati; la separazione non deve essere addebitata al coniuge richiedente; ...
Calcolo della quota effettivamente pignorabile dello stipendio - Esempi pratici
Per comprendere appieno i meccanismi di calcolo della quota effettivamente pignorabile dello stipendio bisogna partire innanzitutto dalla classificazione dei debiti assunti nei confronti del soggetto procedente. Parliamo di debiti ordinari quando il creditore è una banca, un privato o una finanziaria. Siamo quindi nel novero dei prestiti concessi e non ...
Separazione personale » Per la determinazione dell'assegno di mantenimento conta la durata del matrimonio
Nell'ambito di una separazione personale, per la determinazione degli importi da corrispondere nell'assegno di mantenimento incide la durata del matrimonio. La durata breve del matrimonio può incidere sulla determinazione dell'assegno divorzile ben potendo non essere osservati tutti i criteri indicati dall'art. 5, comma 6, l. n. 898/1970 e potendo alcuni ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca