Pignoramento del conto corrente condominiale » Approfondimenti

Pignoramento del conto corrente condominiale: scopriamo quali sono i ruoli dell’amministratore, le responsabilità dei condomini e come funziona l’azione esecutiva in caso di morosità.

La riforma del condominio ha imposto la gestione trasparente del conto corrente condominiale obbligando l’amministratore ad aprire ed utilizzare il conto corrente condominiale, e consentendo ai condomini di accedere alle informazioni relative al conto.

I condomini possono accedere alle informazioni inerenti il conto corrente solo grazie all’amministratore, domandandogli copia della documentazione e chiedendogli di attivarsi presso l’istituto bancario per averla, e non direttamente rivolgendosi all’istituto creditizio presso il quale è acceso il conto corrente.

Ma che cosa succede se il fornitore di un condominio reclama un credito e non avendone ottenuto il pagamento utilizza le vie legali?

Una sentenza del Tribunale di Reggio Emilia del 16 maggio 2014 sembra chiarire la questione.

Praticamente, è da ritenersi legittimo il pignoramento presso terzi del conto corrente condominiale effettuato dal creditore del condominio.

A parere del Giudice Emiliano, infatti, benché sia diffusa in giurisprudenza la tesi della sostanziale assenza in capo al condominio di qualunque soggettività e/o autonomia patrimoniale e la ricostruzione di esso in termini di mero ente di gestione, è innegabile che, nelle ipotesi in cui la gestione è effettiva, il condominio si atteggi quale centro autonomo di imputazione di posizioni giuridiche.

Praticamente, per il magistrato, visto che il condominio è un centro d’imputazione distinto dai suoi partecipanti e siccome questo centro d’imputazione ha un proprio organo decisionale (l’assemblea) che è competente a destinare le somme versate dai condomini, ne conviene che una volta effettuato il versamento le somme escono fuori dalla disponibilità dei singoli (che di fatto non possono pretenderne la restituzione).

In questo contesto, dunque, è il condominio a dover essere considerato un debitore e come tale è legittima l’azione esecutiva mossa dal creditore nella forma del pignoramento del conto corrente condominiale.

Ma allora che fine ha fatto l’obbligo di preventiva escussione dei condomini non in regola coi i pagamenti?

Da notare bene, infatti, che i creditori non potrebbero agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l’escussione dei condomini effettivamente morosi.

Invece, sempre secondo il Tribunale emiliano, non è escluso che il creditore, prima di agire contro i morosi, possa provare a soddisfare le proprie pretese creditorie contro il condominio, il quale è soggetto diverso rispetto a condomini diligenti e condomini morosi.

A nostro parere, però, il condominio, giuridicamente parlando, non ha alcuna soggettività giuridica né possiede autonomia patrimoniale rispetto ai condomini. L’amministratore, infatti, rappresenta i condomini e non il condominio.

La compagine, giuridicamente parlando, non esiste, il denaro presente sul conto corrente è denaro dei condomini tanto è vero che nel caso di sottrazione da parte dell’amministratore, persona offesa del reato non è il condominio ma i condomini che sono gli unici legittimati a sporgere querela.

Dunque, aggredire il conto corrente condominiale vuol dire aggredire il patrimonio dei singoli condomini, compresi quelli in regola con i pagamenti.

Il pignoramento, secondo noi, potrebbe essere possibile nella misura in cui sul conto corrente condominiale fossero presenti somme dei condomini morosi e non per importi superiori.

Certo è che anche queste appena espresse sono considerazioni frutto dell’interpretazione di norme le quali, lungi dall’essere chiare, porteranno molta confusione ed incertezza, oltre che seri rischi di stallo della gestione condominiale.

9 Luglio 2014 · Stefano Iambrenghi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento conto corrente condominale » E' possibile?
E' possibile il pignoramento del conto corrente condominiale? Analizziamo la questione nell'articolo seguente. Quando una compagnia che ha eseguito lavori, ad esempio di ristrutturazione, all'interno del condominio non riceve il pagamento della prestazione al termine dei lavori, scatta il principio della solidarietà sussidiaria tra condomini. Ciò vuol dire che i creditori devono agire in esecuzione forzata, in primo luogo nei confronti del condomino moroso, ossia nei confronti di colui che non è in regola con il versamento delle spese condominiali. Pertanto, per i creditori, è necessario dapprima effettuare un tentativo di escussione nei confronti dei condomini non adempienti, prima di ...

Estratto del conto corrente condominiale - Ciascun condomino può richiederlo direttamente alla banca
Prima della recente riforma della disciplina del condominio, era riconosciuto ai singoli condomini il diritto di ottenere copia della documentazione bancaria relativa al conto corrente condominiale, trattandosi di un ente sprovvisto di personalità giuridica ed operando l'amministratore condominiale quale rappresentante dei singoli partecipanti al condominio stesso. A seguito della riforma del condominio il quadro normativo è mutato, essendo stata notevolmente modificata la disciplina del condominio negli edifici e introdotta una serie di misure volte a definire con maggior rigore gli obblighi degli amministratori condominiali. In particolare, per quanto qui maggiormente interessa, adesso l'amministratore è obbligato a far transitare le somme ...

Qualsiasi condomino ha il diritto di ottenere dalla banca un estratto del conto corrente condominiale
L'articolo 1229, settimo comma, del codice civile dispone che L'amministratore è obbligato a far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi, nonché quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, postale o bancario, intestato al condominio; ciascun condomino, per il tramite dell'amministratore, può chiedere di prendere visione ed estrarre copia, a proprie spese, della rendicontazione periodica. Le banche, hanno interpretato la norma del codice civile, sopra menzionata, nel senso che l'amministratore è l'unico soggetto legittimato ad ottenere copia della documentazione relativa al conto corrente condominiale, con conseguente esclusione del ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento del conto corrente condominiale » approfondimenti. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento del conto corrente condominiale » Approfondimenti Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 9 Luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 8 Marzo 2018 Classificato nella categoria il condominio

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)