Pagare assegni protestati

Il caso riguarda 3 assegni protestati (persona fisica) per difetto di provvista con data di levata Luglio e Settembre 2009.

Da quanto appreso dalle preziose informazioni disponibili su questo sito, corrisposto il pagamento degli assegni, è possibile richiedere la riabilitazione al Tribunale e successivamente la cancellazione dagli archivi.

Dunque, è ancora possibile pagare il debito? Qual è l'iter da seguire per il pagamento degli assegni?

E' sufficiente rivolgersi all'istituto bancario? Quali documenti è necessario possedere?

Devo rivolgermi alla Prefettura per il pagamento della sanzione amministrativa? Chi calcola gli interessi?

La sanzione amministrativa non sempre è irrorata. Se lo è stata, avrete ricevuto contestualmente tutta la documentazione e le istruzioni per effettuare il pagamento (in mancanza del quale a quest'ora potrebbe essere stata emessa una cartella esattoriale).

Ormai è troppo tardi per evitare l'iscrizione in CAI, pertanto non dovete più pagare la penale del 10%.

Per la riabilitazione faccio un copia e incolla:

Le condizioni per ottenere la riabilitazione sono le seguenti:

1. che il titolo protestato (assegno o cambiale) sia stato pagato.

2. che si possegga il titolo e la quietanza di pagamento

3. che sia trascorso più di un anno dalla data di levata del protesto.

A chi bisogna rivolgersi.

La miglior cosa è farsi assistere da un professionista (commercialista o avvocato), ma si può anche procedere autonomamente.

In tal caso bisogna rivolgersi

Al Tribunale della propria zona, sezione Volontaria Giurisdizione e alla Camera di Commercio.

I documenti da produrre:

1. Istanza al Presidente del Tribunale (in bollo)

2. Certificato dei protesti rilasciato dalla Camera di Commercio

3. Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui si dichiara che a partire dalla data del certificato protesti fino a quella di presentazione non ha subito altri protesti.

4. Istanza al Presidente della CCIAA

5. titoli protestati con relative quietanze liberatorie

25 marzo 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cancellazione protesto assegni per riabilitazione
Per la cancellazione di protesti, levati su assegni sia bancari che postali, occorre essere in possesso della riabilitazione accordata dal Tribunale con decreto (L. 18.08.2000, numero 235, articolo 2 e legge 7.03.1996, numero 108 articolo17). Modulo (facsimile) di istanza di riabilitazione del protestato da presentare al Tribunale L'istanza di cancellazione ...
Cancellazione protesto cambiali – Istanza per pagamento oltre i 12 mesi dal protesto
Esamineremo ora la procedura relativa alla "cancellazione per avvenuto pagamento, presentata oltre i 12 mesi dalla levata del protesto", altresì indicata come cancellazione per riabilitazione" La legge 18.08.2000, numero 235, che all'articolo 2 trasferisce alle Camere di Commercio la competenza circa la cancellazione dei protesti relativi agli effetti cambiari pagati ...
Riabilitazione da protesto assegno
Nell'ipotesi di emissione di assegno senza provvista, e conseguente protesto, è possibile ottenere la riabilitazione decorso un anno dalla data di levata del protesto, effettuando entro 60 giorni dalla scadenza dei termini di presentazione al pagamento dell'assegno protestato il cosiddetto pagamento tardivo che comprende, per espressa previsione normativa, oltre al ...
Pubblicazione del protesto - tempi e costi di cancellazione
Il titolo di credito, che prevede il pagamento di una somma a favore di un creditore ad una scadenza certa, viene consegnato, se non coperto (cioè se non è pagato o non ci sono risorse per il pagamento presso la banca alla data indicata), dal creditore (privato o banca emittente) ...
Cancellazione protesto cambiali per pagamento entro 12 mesi dal protesto in assenza di originali
Esaminiamo il caso di cancellazione per avvenuto pagamento, entro 12 mesi dalla levata del protesto, in assenza degli effetti originali. Qualora il debitore non fosse in possesso del titolo, della cambiale o tratta accettata, perché, per esempio, ancora in fase di lavorazione nel circuito bancario, egli può presentare la domanda ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pagare assegni protestati. Clicca qui.

Stai leggendo Pagare assegni protestati Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 25 marzo 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca