Riabilitazione da protesto di assegno e cambiale

L’articolo 17 della legge 108/1996, prevede che il debitore protestato che abbia adempiuto all’obbligazione per la quale il protesto è stato levato e non abbia subito ulteriore protesto ha diritto ad ottenere, trascorso un anno dal protesto, la riabilitazione.

La riabilitazione è accordata con decreto del presidente del Tribunale, territorialmente competente, su istanza dell’interessato corredata dai documenti giustificativi (liberatoria del beneficiario delle cambiali).

Per effetto della riabilitazione il protesto si considera, a tutti gli effetti, come mai avvenuto. Il debitore protestato e riabilitato ha diritto di ottenere la cancellazione definitiva dei dati relativi al protesto anche dal registro informatico dei protesti.

Un caso particolare – cambiali il cui pagamento tardivo sia avvenuto entro 12 mesi dalla levata del protesto

L’articolo 4 della legge 77/1955 dispone che il debitore che, entro il termine di dodici mesi dalla levata del protesto, esegua il pagamento della cambiale protestata, unitamente agli interessi maturati come dovuti ed alle spese per il protesto, per il precetto e per il processo esecutivo eventualmente promosso, ha diritto di ottenere la cancellazione del proprio nome dal Registro Informatico dei Protesti (RIP).

Dunque solo per la cambiale protestata, qualora essa venga tardivamente pagata entro un anno dalla levata del protesto, non è necessaria la riabilitazione per ottenere il diritto alla cancellazione del proprio nominativo dal Registro Informatico dei Protesti.

17 Febbraio 2018 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Riabilitazione da protesto assegno
Nell'ipotesi di emissione di assegno senza provvista, e conseguente protesto, è possibile ottenere la riabilitazione decorso un anno dalla data di levata del protesto, effettuando entro 60 giorni dalla scadenza dei termini di presentazione al pagamento dell'assegno protestato il cosiddetto pagamento tardivo che comprende, per espressa previsione normativa, oltre al valore nominale del titolo, gli interessi legali, una penale prevista del 10% dell'importo facciale e le eventuali spese per il protesto o constatazione equivalente. Il debitore protestato che abbia così adempiuto all'obbligazione per la quale il protesto è stato levato e non ne abbia subito ulteriori nel corso dell'anno successivo ...

Annotazione protesto cambiali per pagamento oltre i 12 mesi dal protesto
Ai sensi dell'articolo 4 legge 12.02.1955, numero 77 e successive modificazioni, “il debitore che provveda al pagamento oltre il predetto termine (12 mesi dalla levata del protesto) può chiederne l'annotazione sul registro informatico…” È necessario in tal caso presentare domanda di annotazione dell'effettuato pagamento, corredata dal titolo quietanzato (cambiale o tratta accettata) e dall'atto di protesto o dalla dichiarazione di rifiuto del pagamento. Per effettuare la cancellazione vera e propria, occorre attendere il decreto di riabilitazione del Tribunale, seguendo la procedura vista nella sezione precedente e relativa alla "cancellazione per avvenuto pagamento, presentata oltre i 12 mesi dalla levata del ...

Cancellazione protesto cambiali – Istanza per pagamento oltre i 12 mesi dal protesto
Esamineremo ora la procedura relativa alla "cancellazione per avvenuto pagamento, presentata oltre i 12 mesi dalla levata del protesto", altresì indicata come cancellazione per riabilitazione" La legge 18.08.2000, numero 235, che all'articolo 2 trasferisce alle Camere di Commercio la competenza circa la cancellazione dei protesti relativi agli effetti cambiari pagati entro 12 mesi dalla levata del protesto, nulla dice in merito agli effetti cambiari pagati successivamente al predetto termine. Di conseguenza, il procedimento di cancellazione per avvenuto pagamento oltre il termine di 12 mesi dalla levata del protesto è rimasto di competenza del Tribunale. Modulo (facsimile) di istanza di riabilitazione ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su riabilitazione da protesto di assegno e cambiale. Clicca qui.

Stai leggendo Riabilitazione da protesto di assegno e cambiale Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 17 Febbraio 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Febbraio 2018 Classificato nella categoria assegni - cancellazione protesto e riabilitazione Inserito nella sezione protesti e protestati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 8 Febbraio 2019 at 06:53

    Buongiorno, ottenuto il decreto di riabilitazione restano le segnalazioni in CAI per le sanzioni pecuniarie . Come si possono cancellare se il pagamento non è stato fatto? E” possibile richiederne l’annullamento?
    Grazie

    • Ornella De Bellis 8 Febbraio 2019 at 08:51

      Per le sanzioni pecuniarie bisogna attendere il decorso dei tre anni dalla data di iscrizione, dopo i quali le posizioni vengono automaticamente oscurate e non sono più visibili ai terzi: altrimenti, se il tempo residuale necessario all’oscuramento è considerato pregiudizievole, (posto che la sanzione pecuniaria viene irrogata in tempi successivi alla levata del protesto ed alla contestuale revoca di sistema), bisogna tentare un ricorso amministrativo al Prefetto chiedendone l’annullamento, previa esibizione del decreto di riabilitazione. Tuttavia, i tempi di attesa del ricorso rendono, purtroppo, quasi sempre inutile il ricorso.