Opposizione a decreto ingiuntivo - Disconoscere copia estratti conto

Talvolta le società cessionarie dei crediti che banche e finanziarie vantavano nei confronti del debitore inadempiente, si avventurano nella richiesta di un decreto ingiuntivo, producendo agli atti una copia degli estratti conto cronologici forniti dal creditore originario, attestanti la presunta evoluzione temporale della posizione debitoria, con il dettaglio delle rate dovute e non versate, comprensive degli interessi corrispettivi e di quelli moratori e giustificando, così, l’ammontare complessivo dell’importo preteso.

Sarebbe opportuno, per il debitore, contestare la conformità all’originale della copia dell’estratto conto depositata in atti dal creditore procedente, disconoscendo il documento in modo formale in sede di opposizione al decreto ingiuntivo e pretendendo l’esibizione dell’originale o, quanto meno, di una copia autenticata. Va considerato, infatti, che il più delle volte, parliamo di documenti consegnati da cedente a cessionario parecchi anni addietro, spesso inseme a tanti altri (i crediti vengono alienati in blocco) e che potrebbero anche non riflettere correttamente la posizione complessiva del debitore sottoposto ad azione esecutiva.

La Corte di cassazione, con l’ordinanza 27233/2017 ha stabilito che nell’ambito di un procedimento a contraddittorio differito (quale quello che si origina da un decreto ingiuntivo) il disconoscimento della conformità della copia dall’originale deve essere formalmente eccepito nell’atto di opposizione al decreto ingiuntivo, atteso che, con tale opposizione, non si dà inizio non ad un autonomo processo, ma ad una fase di quello già iniziato con la notifica del ricorso del creditore e del decreto ingiuntivo stesso, dopo che il debitore è stato messo in condizione di esaminare i documenti depositati in cancelleria e posti a fondamento dell’istanza e del provvedimento monitorio.

27 Novembre 2017 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Opposizione tardiva a decreto ingiuntivo - In caso di notifica viziata del provvedimento, Il debitore ha 40 giorni di tempo decorrenti dalla data in cui dimostra di aver avuto conoscenza effettiva del decreto ingiuntivo
Ai fini della legittimità dell'opposizione tardiva a decreto ingiuntivo, non è sufficiente l'accertamento dell'irregolarità della notifica del provvedimento, ma occorre anche la prova (il cui onere incombe sul debitore) che a causa del vizio di notifica egli, nella qualità di ingiunto, non abbia avuto tempestiva conoscenza del decreto ingiuntivo e non sia stato in grado di proporre una tempestiva opposizione. Tale prova deve considerarsi raggiunta ogni qualvolta sia da ritenere che l'atto non sia pervenuto tempestivamente nella sfera di conoscibilità del destinatario. Ove il creditore procedente intenda contestare la tempestività dell'opposizione tardiva in relazione alla irregolarità della notifica al debitore, ...

Decreto ingiuntivo, opposizione a decreto ingiuntivo e mediazione obbligatoria
Attraverso il meccanismo della mediazione obbligatoria il legislatore si è posto come obiettivo quello di rendere il procedimento giudiziale la extrema ratio: cioè l'ultima possibilità dopo che le altre possibilità sono risultate precluse. Quindi l'onere di esperire il tentativo di mediazione deve allocarsi presso la parte che ha interesse al processo e ha il potere di iniziare il processo. Attraverso il ricorso per decreto ingiuntivo, il creditore sceglie la linea deflattiva coerente con la logica dell'efficienza processuale e della ragionevole durata del processo. E' l'opponente debitore che ha il potere e l'interesse ad introdurre il giudizio di merito, cioè la ...

Contenzioso fra banca e cliente presunto debitore - Efficacia probatoria del'estratto di saldaconto nel decreto ingiuntivo e dell'estratto conto zero nell'opposizione a decreto ingiuntivo
In tema di prova del credito fornita da un istituto bancario, va distinto l'estratto di saldaconto (che consiste in una dichiarazione unilaterale di un funzionario della banca creditrice accompagnata dalla certificazione della sua conformità alle scritture contabili e da un'attestazione di verità e liquidità del credito), dall'ordinario estratto conto, che è funzionale a certificare le movimentazioni debitorie e creditorie intervenute dall'ultimo saldo, con le condizioni attive e passive praticate dalla banca. Mentre il saldaconto riveste efficacia probatoria nel solo procedimento per decreto ingiuntivo eventualmente instaurato dall'istituto, l'estratto conto, trascorso il previsto periodo di tempo dalla sua comunicazione al correntista, assume ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su opposizione a decreto ingiuntivo - disconoscere copia estratti conto. Clicca qui.

Stai leggendo Opposizione a decreto ingiuntivo - Disconoscere copia estratti conto Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 27 Novembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 11 Febbraio 2018 Classificato nella categoria cessione dei crediti Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)