Termini di opposizione tardiva a decreto ingiuntivo

Ai fini della legittimità dell’opposizione tardiva a decreto ingiuntivo, non è sufficiente l’accertamento dell’irregolarità della notifica del provvedimento, ma occorre anche la prova (il cui onere incombe sul debitore) che a causa del vizio di notifica egli, nella qualità di ingiunto, non abbia avuto tempestiva conoscenza del decreto ingiuntivo e non sia stato in grado di proporre una tempestiva opposizione.

Tale prova deve considerarsi raggiunta ogni qualvolta sia da ritenere che l’atto non sia pervenuto tempestivamente nella sfera di conoscibilità del destinatario. Ove il creditore procedente intenda contestare la tempestività dell’opposizione tardiva in relazione alla irregolarità della notifica al debitore, su di lui ricade l’onere di provare il fatto relativo all’eventuale conoscenza anteriore del decreto ingiuntivo da parte del debitore che rende inammissibile l’opposizione.

Se, da un lato, è vero che la nullità della notifica del provvedimento non determina la proponibilità dell’opposizione sine die, dall’altro è pur vero che il termine congruo per l’opposizione è quello fissato dal legislatore in quaranta giorni e decorre dal momento in cui l’ingiunto ha avuto comunque conoscenza del decreto ingiuntivo da opporre.

Insomma, in caso di irregolare notifica del decreto ingiuntivo, il termine per proporre opposizione tardiva ai sensi dell’articolo 650 del codice di procedura civile è di quaranta giorni dalla conoscenza dell’ingiunto, comunque avuta, dell’atto da opporre. Tale termine deve essere interamente assicurato, senza alcuna possibilità, per il giudice di merito, di valutare la congruità o comunque la sufficienza del tempo residuo intercorrente fra la conoscenza effettiva e la scadenza del termine per proporre opposizione tempestiva.

Questo il principio di diritto enunciato dai giudici della Corte di cassazione con l’ordinanza 2608/2018.

18 Febbraio 2018 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Decreto ingiuntivo non notificato correttamente? I rimedi: opposizione all'esecuzione ed opposizione tardiva
In caso di esecuzione forzata, iniziata con un decreto ingiuntivo non notificato correttamente, gli unici rimedi per il debitore sono presentare l'opposizione all'esecuzione o l'opposizione tardiva. In tema di esecuzione forzata avviata sulla base di un decreto ingiuntivo, infatti, occorre distinguere tra l'ipotesi di deduzione della inesistenza della relativa notificata a quella in cui se ne deduce, viceversa, la nullità. Nel primo caso è proponibile, fintanto che il procedimento esecutivo non si sia concluso, il rimedio dell'opposizione all'esecuzione a norma dell'articolo 615 codice di procedura civile; nel secondo caso, invece, quello dell'opposizione tardiva ai sensi dell'articolo 650 codice di procedura ...

Notifica del decreto ingiuntivo e del precetto - irreperibilità del debitore e vizi di nullità
La notifica di un decreto ingiuntivo o di un precetto richiede che l'ufficiale giudiziario indichi specificamente le ragioni di difficoltà materiale per cui non ha potuto procedere, descrivendo, in particolare, le infruttuose ricerche del debitore nel luogo di residenza, dimora, o di domicilio, con conseguente illegittimità della notifica qualora la parte che procede non abbia usato l'ordinaria diligenza nell'individuare il luogo di residenza del debitore e manchi la prova che l'atto sia a questi pervenuto. Gli adempimenti previsti a cura dell'ufficiale giudiziario, nel caso in cui il destinatario risulti temporaneamente irreperibile sono, a pena di nullità: deposito della copia dell'atto ...

Prima di procedere con opposizione a decreto ingiuntivo il debitore deve effettuare un tentativo di mediazione
La normativa vigente, attraverso il meccanismo della mediazione obbligatoria, mira a rendere il processo la estrema ratio: cioè l'ultima possibilità dopo che le altre possibilità sono risultate precluse. Quindi l'onere di esperire il tentativo di mediazione deve allocarsi presso la parte che ha interesse al processo e ha il potere di iniziare il processo. Nel procedimento per decreto ingiuntivo il creditore sceglie la linea deflattiva coerente con la logica dell'efficienza processuale e della ragionevole durata del processo. E' il debitore che, opponendosi al decreto ingiuntivo, ha il potere e l'interesse ad introdurre il giudizio di merito, cioè la soluzione più ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su termini di opposizione tardiva a decreto ingiuntivo. Clicca qui.

Stai leggendo Termini di opposizione tardiva a decreto ingiuntivo Autore Giorgio Martini Articolo pubblicato il giorno 18 Febbraio 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Febbraio 2018 Classificato nella categoria decreto ingiuntivo opposizione a decreto ingiuntivo e al precetto opposizione ad esecuzione e agli atti esecutivi Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)