Omissione contributiva e difficoltà finanziarie dell'azienda


Il sostituto di imposta deve adempiere all’obbligo retributivo e a quello contributivo: in caso di difficoltà finanziarie, il soggetto interessato è tenuto a ripartire le risorse esistenti all’atto dell’erogazione degli emolumenti in modo da potere assolvere al debito verso l’erario e l’istituto previdenziale, anche se ciò comporti la impossibilità di pagare i compensi nel loro intero ammontare.

Il principio richiamato vale sia se a fallire sia soltanto la società, che anche l’imprenditore; nella prima ipotesi, peraltro, ove non dichiarato fallito personalmente colui che era il rappresentante legale della società, lo stesso è tenuto al pagamento delle ritenute con le personali risorse finanziarie: non sono, insomma, le vicende fallimentari della società tenuta al versamento o dell’amministratore a costituire, di per sé stesse, cause di esclusione del dolo del delitto di omissione contributiva, o addirittura di esclusione della punibilità.

Così si è espressa la Suprema Corte con la sentenza 36907/15 emessa dalla terza sezione penale.

16 Settembre 2015 · Lilla De Angelis



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su omissione contributiva e difficoltà finanziarie dell'azienda. Clicca qui.

Stai leggendo Omissione contributiva e difficoltà finanziarie dell'azienda Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 16 Settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria evasione ed elusione fiscale e contributiva - reati tributari ed abuso del diritto Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)