Finita la pacchia gratis per chi assume operatori di call center con contratto di collaborazione coordinata e continuativa

I nuovi furbetti del Jobs Act, i lobbisti fans del cantastorie di Rignano, sono avvisati: da oggi potrebbero venire travolti da un immane contenzioso con gli operatori di call center assunti con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, i quali potrebbero vedersi dichiarata, in via giudiziale, la sussistenza di un rapporto di lavoro tipicamente subordinato a tempo indeterminato con il proprio datore di lavoro, con conseguente pagamento delle differenze retributive e dell'indennità risarcitoria in caso di licenziamento illegittimo.

I collaboratori coordinati e continuativi (cosiddetti co-co-co) sono anche indicati come lavoratori parasubordinati, perché rappresentano una categoria intermedia fra il lavoro autonomo ed il lavoro subordinato. Essi, infatti, erogano la propria prestazione in piena autonomia operativa (il collaboratore decide autonomamente tempi e modalità di esecuzione della commessa, anche se non impiega propri mezzi organizzati, bensì, ove occorra, quelli del committente); è, altresì, escluso ogni vincolo di subordinazione (il coordinamento del committente non può in ogni caso essere tale da pregiudicare l'autonomia operativa e di scelta del collaboratore nell'esecuzione della prestazione).

Ma vediamo cosa è successo: la Corte di cassazione, con l'ordinanza 28190/2017 ha chiaramente stabilito, una volta per tutte, che se il lavoratore (nella fattispecie una operatrice di call center) svolge la propria attività nei locali dell'azienda, con l'utilizzo di strumenti da quest'ultima messi a disposizione (computer, telefono, ecc.), in fasce orarie prestabilite, con l'indicazione di obiettivi minimi da raggiungere e dei criteri di valutazione della prestazione, il rapporto di lavoro va inquadrato come subordinato a tempo indeterminato e non come collaborazione coordinata e continuativa.

Ora, è vero che la flessibilità introdotta dalla normativa fermamente voluta dal PD, a solo vantaggio dei propri facoltosi amici, pseudo capitani "coraggiosi" d'industria e imprenditori nella fornitura di servizi, rende sostanzialmente equivalente il contratto di collaborazione coordinata e continuativa ad un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, considerato che, anche con quest'ultimo, il datore di lavoro può licenziare liberamente, come e quando gli pare; tuttavia, in caso di licenziamento illegittimo, il lavoratore titolare di un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato potrà vedersi riconosciuta un'indennità risarcitoria, seppur minima, e, comunque, non ha obbligo di partecipare al versamento dei contributi previdenziali e assistenziali (che, nel rapporto di collaborazione, gravano per 2/3 a carico del committente e per 1/3 a carico del collaboratore). Non è poco, di questi tempi.

28 novembre 2017 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento dello stipendio - i rapporti di lavoro per i quali è previsto il limite massimo del 20 per cento
Per i rapporti di agenzia, di rappresentanza commerciale ed altri rapporti di collaborazione caratterizzati da prestazione continuativa e coordinata, prevalentemente personale, anche se non a carattere subordinato, il pignoramento della retribuzione non può eccedere il quinto della retribuzione netta. Infatti, i crediti derivanti dai rapporti di lavoro che possono essere ...
L'attività di addetto/a al recupero crediti non può essere inquadrata con un contratto di lavoro a progetto
Lo svolgimento dell'ordinaria attività aziendale, avente per oggetto sociale l'attività di recupero crediti per conto di terzi committenti, e dunque nella ricerca del contatto con il debitore, nel concordare con lo stesso le modalità di pagamento anche dilazionato, nell'invio di solleciti di pagamento, svolta via telefono ed informatica presso la ...
Nullo il secondo patto di prova dopo la scadenza del contratto a termine se il datore di lavoro non documenta l'esigenza di dover rivalutare il lavoratore
Nel lavoro subordinato, il patto di prova tutela l'interesse di entrambe le parti del rapporto a sperimentarne la convenienza, dovendosi ritenere l'illegittimità dei fatto ove la suddetta verifica sia già intervenuta, con esito positivo, per le specifiche mansioni in virtù di prestazione resa dallo stesso lavoratore, per un congruo lasso ...
Call center e contratti co.co.co senza progetto » Via libera del ministero
Il Ministero del Lavoro, con la circolare numero 12693/2013 affronta alcuni aspetti della disciplina prevista nella riforma Fornero e nella legge Biagi in materia di lavoro a progetto per il settore dei call center. Il chiarimento riguarda la deroga ai requisiti per la corretta stipulazione delle collaborazioni da parte dei ...
Prestazione di lavoro in favore del convivente more uxorio - Può essere considerata resa a titolo gratuito solo se effettuata nell'ambito di una famiglia di fatto
Ogni attività oggettivamente configurabile come prestazione di lavoro subordinato si presume effettuata a titolo oneroso, essa può tuttavia essere ricondotta ad un rapporto diverso caratterizzato dalla gratuità della prestazione, ove risulti dimostrata la sussistenza della finalità di solidarietà in luogo di quella lucrativa. E ciò perché l'attività lavorativa e di ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su finita la pacchia gratis per chi assume operatori di call center con contratto di collaborazione coordinata e continuativa. Clicca qui.

Stai leggendo Finita la pacchia gratis per chi assume operatori di call center con contratto di collaborazione coordinata e continuativa Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 28 novembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 28 novembre 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca