Licenziamento con contratto lavoro di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.) dopo 5 anni e senza preavviso - C'è qualcosa che potrei fare per essere reintegrato o ricevere un indennizzo?

Sono stato licenziato da un call center dopo 5 anni di rapporto di lavoro di collaborazione coordinata e continuativa (contratto cococo) che mi scadeva regolarmente ogni 3 mesi ma: negli ultimi 3 mesi mi è stato rinnovato per un solo mese. Il licenziamento è avvenuto anche senza preavviso e tre giorni prima tramite una comunicazione verbale. C'è qualcosa che potrei fare per essere reintegrato o ricevere un indennizzo?

Solo nel caso di accertamento di assenza dei requisiti del rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, e contestuale riconoscimento di un rapporto di lavoro subordinato, il lavoratore può pretendere il diritto a percepire le differenze retributive (quelle contributive dovranno essere versate all'INPS), il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) nonché l'indennità di omesso preavviso di licenziamento (rectius, recesso dal contratto).

Per contestare l'esistenza nell'intervenuto rapporto di lavoro dei requisiti propri di un contratto di collaborazione coordinata e continuativa ed affermare, invece, la sussistenza di un effettivo rapporto di lavoro subordinato, il decreto legislativo 81/2015 (JOBS ACT) prevede che il lavoratore debba rivolgersi, obbligatoriamente, ad apposite commissioni (tentativo di conciliazione) facendosi assistere da un rappresentante sindacale, da un avvocato o da un consulente del lavoro. Solo successivamente potrà adire l'Autorità giudiziaria.

3 marzo 2018 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

lavoro e diritti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Finita la pacchia gratis per chi assume operatori di call center con contratto di collaborazione coordinata e continuativa
I nuovi furbetti del Jobs Act, i lobbisti fans del cantastorie di Rignano, sono avvisati: da oggi potrebbero venire travolti da un immane contenzioso con gli operatori di call center assunti con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, i quali potrebbero vedersi dichiarata, in via giudiziale, la sussistenza di un ...
Pubblico impiego - In caso di assenza per malattia non è sufficiente l'eventuale referto medico della visita di controllo fiscale per evitare il licenziamento senza preavviso
La normativa vigente (articolo 55-septies del decreto legislativo 165/2001) dispone che, nell'ipotesi di assenza per malattia protratta per un periodo superiore a dieci giorni, e, in ogni caso, dopo il secondo evento di malattia nell'anno solare, l'assenza del dipendente pubblico dal posto di lavoro venga giustificata esclusivamente mediante certificazione medica ...
Il divieto di licenziamento discriminatorio si estende al licenziamento per ritorsione
Il licenziamento per ritorsione, diretta o indiretta, assimilabile a quello discriminatorio, costituisce l'ingiusta e arbitraria reazione ad un comportamento legittimo del lavoratore colpito o di altra persona ad esso legata e pertanto accomunata nella reazione, con conseguente nullità del licenziamento, quando il motivo ritorsivo sia stato l'unico determinante e sempre ...
Impugnazione del licenziamento - Doppio termine di decadenza
Il licenziamento deve essere impugnato a pena di decadenza entro sessanta giorni dalla ricezione della sua comunicazione in forma scritta, con qualsiasi atto, anche extragiudiziale, idoneo a rendere nota la volontà del lavoratore anche attraverso l'intervento dell'organizzazione sindacale diretto ad impugnare il licenziamento stesso. L'impugnazione è inefficace se non è ...
Inammissibile la prova testimoniale se il lavoratore contesta l'esistenza della lettera di licenziamento in forma scritta
La legge prevede la comunicazione di licenziamento in forma scritta a pena di inefficacia. Il licenziamento produce i propri effetti quando sia giunto a conoscenza del destinatario, ovvero quando l'atto sia pervenuto al suo indirizzo o gli sia stato materialmente consegnato a mani proprie, circostanza, quest’ultima, che può essere dimostrata, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca