Licenziamento con contratto lavoro di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.) dopo 5 anni e senza preavviso – C’è qualcosa che potrei fare per essere reintegrato o ricevere un indennizzo?

Argomenti correlati:

Sono stato licenziato da un call center dopo 5 anni di rapporto di lavoro di collaborazione coordinata e continuativa (contratto cococo) che mi scadeva regolarmente ogni 3 mesi ma: negli ultimi 3 mesi mi è stato rinnovato per un solo mese. Il licenziamento è avvenuto anche senza preavviso e tre giorni prima tramite una comunicazione verbale. C’è qualcosa che potrei fare per essere reintegrato o ricevere un indennizzo?

Solo nel caso di accertamento di assenza dei requisiti del rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, e contestuale riconoscimento di un rapporto di lavoro subordinato, il lavoratore può pretendere il diritto a percepire le differenze retributive (quelle contributive dovranno essere versate all’INPS), il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) nonché l’indennità di omesso preavviso di licenziamento (rectius, recesso dal contratto).

Per contestare l’esistenza nell’intervenuto rapporto di lavoro dei requisiti propri di un contratto di collaborazione coordinata e continuativa ed affermare, invece, la sussistenza di un effettivo rapporto di lavoro subordinato, il decreto legislativo 81/2015 (JOBS ACT) prevede che il lavoratore debba rivolgersi, obbligatoriamente, ad apposite commissioni (tentativo di conciliazione) facendosi assistere da un rappresentante sindacale, da un avvocato o da un consulente del lavoro. Solo successivamente potrà adire l’Autorità giudiziaria.

3 Marzo 2018 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Finita la pacchia gratis per chi assume operatori di call center con contratto di collaborazione coordinata e continuativa
I nuovi furbetti del Jobs Act, i lobbisti fans del cantastorie di Rignano, sono avvisati: da oggi potrebbero venire travolti da un immane contenzioso con gli operatori di call center assunti con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, i quali potrebbero vedersi dichiarata, in via giudiziale, la sussistenza di un rapporto di lavoro tipicamente subordinato a tempo indeterminato con il proprio datore di lavoro, con conseguente pagamento delle differenze retributive e dell'indennità risarcitoria in caso di licenziamento illegittimo. I collaboratori coordinati e continuativi (cosiddetti co-co-co) sono anche indicati come lavoratori parasubordinati, perché rappresentano una categoria intermedia fra il lavoro autonomo ...

Emergenza Coronavirus - Indennità di 600 euro per il mese di marzo 2020 ai professionisti con partita IVA e ai lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa
Ai liberi professionisti titolari di partita IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020 e ai lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi alla medesima data, iscritti alla Gestione separata INPS, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, è riconosciuta un'indennità per il mese di marzo 2020 pari a 600 euro. Tale indennità non concorre alla formazione del reddito IRPEF ed è erogata dall'INPS, previa domanda, nel limite di spesa complessivo di 170 milioni di euro per l'anno 2020. L'INPS provvede al monitoraggio del rispetto del limite di spesa e comunica i ...

Ho diritto al risarcimento per mancanza di firma contratto di lavoro determinato?
In data 12 dicembre 2017 contattavo una società di Vigilanza Privata per una eventuale assunzione lavorativa: dopo qualche giorno, e attraverso un colloquio verbale senza firmare nessun contratto e senza ricevere nessuna lettera di assunzione, mi veniva detto che avrei iniziato a lavorare da subito con un contratto a tempo determinato per tre mesi. Uniche firme apposte furono quelle inerenti il ritiro del vestiario, e l'informativa sulla privacy. Agli atti dell'Ufficio del Lavoro risulta solo la comunicazione UNILAV da parte del datore di lavoro. Ho prestato servizio fino al 31 marzo 2018, dopodichè non ho più ricevuto ordini di servizio, ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Licenziamento con contratto lavoro di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.) dopo 5 anni e senza preavviso – C’è qualcosa che potrei fare per essere reintegrato o ricevere un indennizzo?