Multa in corsia preferenziale » Valido accertamento con telecamere ztl

E’ legittima la multa per passaggio di un veicolo, senza autorizzazione, in corsia preferenziale di bus e taxi che è stata accertata tramite le telecamere poste a presidio delle zone ZTL.

È valida la multa per il passaggio nella corsia preferenziale rilevata automaticamente con le telecamere poste a presidio.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 23899/14.

Da ciò che si evince nella pronuncia appena riportata, la contestazione della multa per l’auto che viaggia nella corsia preferenziale può essere accertata anche con la telecamera installata per la Ztl e, quindi, formalmente non autorizzata.

Dunque, a parere degli Ermellini, per far scattare la multa, nei confronti delle auto in transito sulle corsie destinate mezzi pubblici, possono essere usate anche le stesse videocamere montate per i controlli delle zone a traffico limitato.

Inoltre, non serve un’ulteriore apposita autorizzazione per il doppio utilizzo di tali apparecchi elettronici ai fini di due illeciti diversi, poiché la normativa vigente ha esteso alle corsie preferenziali l’uso delle telecamere previste ai varchi delle zone a traffico limitato e ai centri storici cittadini.

In conclusione, la Suprema Corte ci tiene a precisare che per questo tipo di contravvenzioni non è neanche necessaria la contestazione immediata dell’infrazione, dato che il codice della strada stabilisce che la la stessa non è fondamentale quando le telecamere sulle strisce gialle risultano omologate.

In pratica, sono state equiparate le corsie preferenziali alle ztl, rendendo così possibile l’accertamento delle relative infrazioni mediante le stesse porte telematiche, anche se autorizzate dal ministero dei Trasporti prima della riforma Cds.

11 Novembre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Multa per passaggio con semaforo rosso » Come prova basta la fotografia scattata dalla telecamera del photored
In caso di multa per passaggio con semaforo rosso elevata con lo strumento del photored, come prova è sufficiente la fotografia scattata dalla telecamera. Se passi con il rosso basterà la telecamera a dimostrarlo: l'elemento costitutivo della pretesa sanzionatoria, con riferimento alla violazione dell'art. 146, comma 3, c.d.s. per aver proseguito la marcia con semaforo rosso, è la documentazione fotografica dell'infrazione, rilevata con apparecchiatura omologata. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22191/14. Avete preso una multa per passaggio con il semaforo rosso? Se vi ha colto in fragrante la telecamera, il verbale redatto dalla polizia ...

Ricorso al verbale di multa elevato da un ausiliare del traffico per circolazione in corsia riservata ai mezzi pubblici
Gli ausiliari del traffico sono legittimati ad accertare e contestare le violazioni al codice della strada solo se queste ultime concernano le disposizioni in materia di sosta, ma non sono abilitati a rilevare infrazioni inerenti a condotte diverse, come quelle attinenti alla circolazione in corsie riservate ai mezzi pubblici, le quali possono essere contestate, oltre che dalla polizia municipale, anche dal personale ispettivo delle aziende di trasporto pubblico. Ne consegue che, proprio perché la legittimazione degli ausiliari del traffico e quella del personale ispettivo delle aziende di trasporto pubblico è ricondotta al possesso di requisiti specifici fissati dalla legge che ...

Multa per passaggio con semaforo rosso » Valida anche se il giallo dura meno di 4 secondi
Una multa per passaggio con il semaforo rosso viene considerata valida anche se il semaforo giallo dura meno di quattro secondi. La regola che l'automobilista, benché frettoloso, deve seguire, è quella di adeguare la sua velocità allo stato dei luoghi senza contare troppo sulla durata di quattro secondi dell'esposizione della luce gialla perché questa non costituisce un dato inderogabile. Ciò è quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con sentenza 18470/2014. Cambio di rotta sulla multa per passaggio con il semaforo rosso. Nonostante la nota del Ministero dei Trasporti dell'aprile 2014, secondo cui il tempo minimo di durata della luce gialla ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multa in corsia preferenziale » valido accertamento con telecamere ztl. Clicca qui.

Stai leggendo Multa in corsia preferenziale » Valido accertamento con telecamere ztl Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 11 Novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)