Mantenimento » Ex coniuge ha auto di lusso? Deve versare l'assegno

Niente riduzione dell’assegno di mantenimento al cassintegrato con l’auto di lusso.

Il coniuge in cassa integrazione non ha diritto alla riduzione dell’assegno di mantenimento in favore di ex e figli se possiede un’auto di lusso. Non basta.

Infatti non è necessario per l’avente diritto dimostrare che l’altro è titolare di ricavi in nero. È sempre sufficiente, ricorda il Collegio di legittimità, dimostrare la sproporzione dei redditi fra i due.

Questa, in sintesi, la decisione della Corte di Cassazione espressa con sentenza 2537/14.

No alla riduzione dell’assegno di mantenimento se l’ex coniuge è in cassaintegrazione ma è proprietario di un’auto di lusso

Lui in Cassa integrazione guadagni, lei disoccupata. Ma a fregare l’ex marito è la passione per le automobili: non è trascurabile, difatti, l’acquisto di una vettura di lusso, una Bmw, per la precisione.

Pertanto, il coniuge divorziato in cassa integrazione non ha diritto alla riduzione dell’assegno di mantenimento in favore dell’ex coniuge e dei figli se può permettersi un’automobile molto costosa.

Quadro chiarissimo, dove spicca, senza dubbio, che la vettura di lusso acquistata dall’uomo, è indicativa di una forte «capacità di spesa».

A parere degli Ermellini, inoltre, è rilevantissima la sottolineatura dei problemi che la donna si ritrova ad affrontare nel reperire una nuova occupazione lavorativa, soprattutto tenendo conto della sua età, delle sue non buone condizioni di salute, della notoria condizione del mercato del lavoro e della situazione economica generale.

Tutto ciò conduce a ritenere sia privilegiata la posizione dell’uomo, pur bloccato in Cassa integrazione.

Ecco spiegata la decisione di confermare, come detto, l’assegno di mantenimento a favore della donna.

10 Febbraio 2014 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Separazione personale » Il licenziamento del coniuge obbligato è motivo valido per la riduzione dell'assegno di mantenimento
Separazione personale: il licenziamento del coniuge obbligato al mantenimento è un elemento sufficiente per la revisione dell'assegno. Un rilevante periodo di tempo tra il licenziamento di un coniuge (anche se avvenuto dopo la sottoscrizione dell'accordo di divorzio) e la richiesta di modifica delle condizioni economiche, in cui il patrimonio si è notevolmente ridotto, può giustificare una riduzione degli oneri a suo carico. Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 21670/14. Secondo quanto si evince dalla pronuncia in esame, anche in presenza di un accordo consensuale, per quanto riguarda il compenso dell'assegno di mantenimento da corrispondere verso il coniuge ...

Separazione personale » Stop all'assegno di mantenimento se coniuge obbligato è disoccupato e coniuge beneficiario ha nuovo partner
In tema di separazione personale tra due coniugi, non deve essere corrisposto l'assegno di mantenimento, da parte del coniuge obbligato, se lo stesso è disoccupato e il coniuge beneficiario ha intrapreso una nuova convivenza. Alla moglie non può essere riconosciuto il mantenimento qualora il marito si trovi disoccupato e la donna nel frattempo abbia intrapreso una convivenza more uxorio. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 24832/14. Da quanto si evince dalla pronuncia in esame, come accennato, nell'ambito di una separazione personale, alla moglie non può essere riconosciuto il mantenimento qualora l'ex marito si trovi disoccupato ...

Non può avere operatività retroattiva la decisione giudiziale di riduzione dell'assegno di mantenimento del coniuge separato beneficiario e dei figli a lui affidati
In tema di separazione personale dei coniugi, il carattere sostanzialmente alimentare dell'assegno liquidato a titolo di contributo per il mantenimento del coniuge e dei figli implica che, qualora ne sia stata disposta la riduzione, l'operatività della stessa decorre dal momento della pronuncia giudiziale che ne abbia modificato la misura. Il principio secondo cui la statuizione giudiziale di riduzione opera retroattivamente dalla domanda deve essere infatti contemperato con il principio di irripetibilità, impignorabilità e non compensabilità della prestazione, con la conseguenza che la parte che abbia già ricevuto, per ogni singolo periodo, l'importo originariamente stabilito non può essere costretta a restituirlo, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mantenimento » ex coniuge ha auto di lusso? deve versare l'assegno. Clicca qui.

Stai leggendo Mantenimento » Ex coniuge ha auto di lusso? Deve versare l'assegno Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 10 Febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia separazione e divorzio - assegnazione casa e assegno di mantenimento coniuge separato o divorziato Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)