Lo stupidario del voto - Ecco perchè il PD ha perso le elezioni

Indagini sui flussi di voto, ricerche demoskopiche, analisi sociologiche e psicologiche, studi statistici ....

Ieri sera ad "Otto e mezzo", su La7, è andata in onda una trasmissione dove era ospite (si fa per dire) anche sua nullità, l'on. Marianna Madia.

Presa sistematicamente in giro da Lanfranco Pace e Pierluigi Diaco; politicamente surclassata, oltre che umiliata, da Beatrice Lorenzin giovane esponente di FI, e "new entry" in Parlamento.

Uno spettacolo avvilente. Una scena quasi muta, intermezzata da banalità, sorrisini da ebete e stupidaggini.

Assistervi è stato utile per comprendere come le ragioni della la sconfitta del PD, senza abbandonarsi a masturbazioni mentali, possano essere semplicemente individuate e ricondotte anche al personaggio di "sua nullità" Marianna Madia.

Essì che di Madie, in queste elezioni gli inquilini del loft ne hanno inserite tante.

Oltre al video relativo alla registrazione della puntata andata in onda ieri sera, dal titolo "Onorevoli ragazze", ve ne propongo altri tre.

Credo che bastino ed avanzino .... per farvi un'idea.

Poi, questo è un aggiornamento, gustatevi pure la video intervista all'on. Daniela cardinale:

Vi è chiaro adesso il perchè?

20 aprile 2008 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Link a ritroso

Stai leggendo Lo stupidario del voto - Ecco perchè il PD ha perso le elezioni Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 20 aprile 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • […] per riportare un Pappone di Stato a guidare la città di Roma. Una città dove grazie a Walter Veltroni tutti ci siamo sentiti Stranieri in […]

  • nevevalenti 23 aprile 2008 at 17:22

    Chissà se servirà per fare un po’ di autocritica. Ma non la faranno, come non l’hanno fatta finora e come non hanno fatto TANTE altre cose che andavano fatte (conflitto di interessi, Gasparri, ecc. ecc.).
    Per non parlare del fatto che per loro è MOLTO meglio che ci sia il Cavaliere a governare, in un periodo scuro come questo, il che è una assicurazione per andare al Governo la prossima volta. L’alternanza è segno di democrazia, dice qualcuno. Per me è figlia dell’inciucio. :/ :/
    :/

  • karalis 23 aprile 2008 at 08:11

    … Cosa credeva, il PD, che nessuno se ne sarebbe accorto?

    Probabilmente, ed è questo il dramma, sono così lontani dalla realtà, così immersi e circondati dall’autoreferenza, così corrotti dal potere, da sacrificare ad esso ogni logica ed ogni barlume di razionalità del pensiero politico.

    Sì, io credo, purtroppo, che davvero pensassero di dare un segno di discontinuità candidando le Madie e le Cardinale.

    Nella TOP 100 di WordPress c’è un blog di un onorevole che qualche giorno fa scrisse: “Abbiamo perso, ma ho vinto”. Anche lui, secondo me, crede davvero di aver vinto…..

    Per dire che neanche questo “onorevole” signore si rende conto, sicuramente in buona fede, che la differenza fra essere UNO SCELTO ed essere UNO PRESCELTO è solo in un PRE. Ma non si tratta, ahimè, di un dettaglio trascurabile.

  • wildgreta 22 aprile 2008 at 22:09

    Giusta analisi, giustissimo post. Manca solo la ragione di questa debacle cultural-elettorale: perchè proprio lei? La risposta potrebbe essere molto più semplice di tutto quello che possiamo immaginare, ma poi il risultato è che al governo c’è andato Berlusconi, grazie anche a queste scelte disgraziate. E allora, a monte, dobbiamo domandarci se è lecito che le sorti di un paese debbano dipendere anche dalle simpatie personali di un leader politico. Perchè la politica non è una partita a canasta, dove si sceglie il partner per giocare in coppia e, mentre si candidava La Madia, si mandava a quel paese Lumia. Non so, Veltroni ha pensato che “tanto i cognomi erano simili”? Cosa credeva, il PD, che nessuno se ne sarebbe accorto?

  • cymbalus 22 aprile 2008 at 20:41

    Aridatece Nilde Jotti e Tina Anselmi……………….

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca