Le bollette telefoniche non pagate dal defunto

Un telefono installato in una abitazione comune non è un bene, ma un servizio.

Non si trasmette in eredità, tanto è vero che l'apparecchio è ormai concesso gratuitamente dalle compagnie telefoniche ed il servizio bisogna comunque pagarlo dopo la morte dell'intestatario.

Voler saldare le bollette del defunto (con cui si conviveva condividendo l'utilizzo del servizio telefonico) significa solo che si vogliono evitare le problematiche che derivano dalla disdetta della linea con l'operatore attuale e l'allaccio con un nuovo gestore. Ragion per cui le consigliavo la voltura.

A questo punto, tuttavia, considerata la sua apprensione in merito alle conseguenze che la voltura può avere sulla sua rinuncia dell'eredità, le consiglio di consultare un notaio.

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

19 settembre 2010 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le bollette telefoniche non pagate dal defunto. Clicca qui.

Stai leggendo Le bollette telefoniche non pagate dal defunto Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 19 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca