Portabilità del mutuo

Con l'entrata in vigore della Legge n° 40 del 2 aprile 2007 (cosiddetta Legge Bersani) il mutuatario può trasferire il suo debito ad un'altra banca che gli propone condizioni migliori, riducendo al minimo costi e formalità. La nuova banca subentra nella garanzia ipotecaria già iscritta dal creditore originario. A seguito dell'atto di surrogazione ciò risulterà da un'annotazione a margine dell'ipoteca.

Mentra la sostituzione del mutuo implica la cancellazione della vecchia ipoteca e l'iscrizione di una nuova, la portabilità può essere condotta mediante un unico atto di surrogazione, con conseguente risparmio sui costi notarili e di imposta, il cui pagamento non andrà così ripetuto.

Infatti, la Legge 244 del 24 dicembre 2007 (legge finanziaria 2008) stabilisce che con la surrogazione deve essere garantita al cliente “l'esclusione di penali o altri oneri di qualsiasi natura”. Quindi tutta l'operazione può essere condotta senza sopportare spese di sorta.

A seguito della sua sottoscrizione la banca subentrante provvederà a saldare il vecchio debito residuo, sostituendosi al creditore originario nella relazione con il mutuatario. Il debitore si troverà così a rimborsare la nuova banca, alle condizioni concordate con quest'ultima.

In termini fiscali verranno conservati tutti i benefici goduti sul mutuo sostituito. Per contro la portabilità del mutuo esclude, per il mutuatario, la possibilità di accedere ad un finanziamento aggiuntivo e quidi di poter disporre di ulteriore liquidità.

Per porre una domanda su sostituzione o cambio del mutuo, su rinegoziazione o ricontrattazione del mutuo, su portabilità o surroga o surrogazione del mutuo, sulla rinegoziazione Tremonti, sul contratto di mutuo in generale, sulle tipologie di mutuo e sulle normative vigenti in tema di mutuo, clicca qui.

2 giugno 2008 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • maria matte laporta 2 marzo 2010 at 14:24

    oggi ho formalizzato la richiesta di surroga.
    la nuova banca mi ha anticipato che le spese di periia e di istruttoria saranno a mio carico.
    a me non sembra così?
    che mi dite?
    maria mattea

    • cocco bill 2 marzo 2010 at 14:43

      Abuso allo stato puro. Inosservanza di una legge di Stato, la “Bersani”.

      L’articolo 3 bis del decreto legge Bersani, così come integrato dalla legge finanziaria, stabilisce che: ”La surrogazione di cui al comma 1 comporta il trasferimento del contratto di mutuo esistente, alle condizioni stipulate tra il cliente e la banca subentrante, con l’esclusione di penali o di altri oneri di qualsiasi natura. Non possono essere imposte al cliente spese o commissioni per la concessione del nuovo mutuo, per l’istruttoria e per gli accertamenti catastali, che si svolgono secondo procedure di collaborazione interbancaria improntate a criteri di massima riduzione dei tempi, degli adempimenti e dei costi connessi”.

      Segnali immediatamente il caso all’ANTITRUST, chiamando il numero verde 800.166.661 – dedicato alla tutela del consumatore – per denunciare la pratica scorretta messa in atto dalla banca e l’ostacolo alla portabilità del mutuo..

      Riceverà poi dai funzionari dell’Autorità le indicazioni necessarie per formalizzare, in forma scritta, la denuncia.

  • lella 21 giugno 2009 at 18:47

    la surroga di un mutuo dove essere fatta per forza per gli anni rimanenti da pagare o deve avere un minimo di 10 anni per essere surrogata?

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca