Rinegoziazione mutuo prima casa senza spese – Quale la normativa vigente?

Argomenti correlati:

Sarebbe possibile conoscere gli estremi legislativi che sanciscono il divieto di applicazione di spese alle operazioni di rinegoziazione delle condizioni di un mutuo prima casa con la banca erogante? In particolare mi riferisco alla rinegoziazione della durata del mutuo e della data di addebito mensile della rata.

Non ci risulta esista una normativa che sancisca il divieto di applicazione di spese alle operazioni di rinegoziazione delle condizioni di un mutuo prima casa: in particolare, nel nostro ordinamento non esiste un obbligo alla rinegoziazione del mutuo prima casa ed una eventuale revisione del contratto è lasciata alla libera contrattazione fra le parti.

A meno che lei non si riferisca allo specifico protocollo di intesa siglato da ABI e associazioni consumatori, riguardante la possibilità di sospensione del pagamento delle rate mutuo in presenza di ben individuati requisiti.

13 Febbraio 2018 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rinegoziazione del mutuo ipotecario a tasso variabile
In tema di rinegoziazione del mutuo ipotecario a tasso variabile, la legge 106/2011 (approvata il 7 luglio) è intervenuta, con l'articolo 8, comma 6, per disciplinare la rinegoziazione di alcune tipologie di mutui assistiti da garanzia ipotecaria. L'ambito di intervento riguarda in particolare: la rinegoziazione di mutuo ipotecario stipulato, ovvero accollato anche a seguito di frazionamento, prima dell'entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge (12 luglio 2011); la rinegoziazione di mutuo ipotecario avente un importo originario non superiore a 200 mila euro; finalizzato all'acquisto o alla ristrutturazione di unità immobiliari adibite ad abitazione; la rinegoziazione di mutuo avente ...

Mutuo ipotecario cointestato fra coniugi ed assegnazione della casa in sede di separazione - Il giudice poteva imporre la rinegoziazione?
Mi sono separata a giugno 2017 e il Giudice mi ha assegnato la casa familiare (di cui sono proprietaria al 50%) insieme alle mie due figlie (15 e 12 anni). Alla stipula del contratto di mutuo io ero casalinga ma il mutuo è stato cointestato, quindi ora mi ritrovo, per una grave imprecisione da parte del Giudice, che non ha specificato che ero e sono disposta ad accollarmi il pagamento dello stesso ma con l'accettazione da parte della banca della rinegoziazione della rata. Il mutuo era stato stipulato con la banca popolare di Vicenza che è stata acquisita da Intesa ...

La rinegoziazione del mutuo e i suoi vantaggi » Un'ottima opportunità per il debitore
In questo articolo parleremo dei vantaggi offerti dalla pratica della rinegoziazione del mutuo, un'ottima opportunità per cambiare, in corsa, le condizioni contrattuali stipulate con l'istituto di credito. Per rinegoziazione del mutuo si intende la modifica delle condizioni contrattuali del mutuo con la banca che lo ha erogato e con cui si è stipulato il contratto di finanziamento. Rinegoziare il mutuo non è un obbligo per l'operatore bancario, rientra nella sua politica aziendale decidere se accettarla o meno. È, invece, un obbligo dell'istituto di credito, se accetta la rinegoziazione, attuarla con una semplice scrittura privata senza dover passare nuovamente dal notaio. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Rinegoziazione mutuo prima casa senza spese – Quale la normativa vigente?