Come presentare il ricorso alla cartella esattoriale

Occorre eseguire la notifica del ricorso in originale, redatto su carta da bollo (per atti giudiziari), nella misura di € 14,62 ogni quattro facciate. La notifica va fatta all'ente impositore, in uno dei seguenti modi:

a) tramite l'ufficiale giudiziario, secondo le norme degli articoli 137 e seguenti del codice di procedura civile, salvo quanto disposto dall'articolo 17 del D. Lgs. numero 546 del 1992;

b) tramite spedizione a mezzo del servizio postale, in plico raccomandato, senza busta, con avviso di ricevimento. In tal caso il ricorso si intende proposto al momento della spedizione nella forma sopra indicate;

c) direttamente mediante consegna nelle mani dell'impiegato addetto al protocollo della Regione, che ne rilascia ricevuta sulla copia conforme all'originale.

A pena d'inammissibilità, entro trenta giorni dalla notifica del ricorso, il ricorrente deposita nella segreteria della Commissione Tributaria adita (personalmente o a mezzo posta, in plico raccomandato senza busta e con avviso di ricevimento):

  • l'originale del ricorso notificato tramite l'ufficiale giudiziario o la copia del ricorso consegnato o spedito per posta;
  • la fotocopia della ricevuta di deposito del ricorso o della ricevuta della spedizione per raccomandata a mezzo del servizio postale.

Unitamente al ricorso ed ai documenti sopracitati, il ricorrente deve depositare il proprio fascicolo, con l'originale o la fotocopia dell'atto impugnato ed i documenti che produce, in originale o fotocopia (articolo 22 del D. Lgs. numero 546 del 1992: costituzione in giudizio del ricorrente).

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca