Ricorso contro cartella esattoriale

Vorrei fare ricorso contro una cartella esattoriale per farla dichiarare nulla in quanto il calcolo degli interessi da parte della Gerit è fatto in modo non analitico. E giusto il motivo per fare ricorso?

La Corte di cassazione, nella sentenza numero 16200/14 ritiene fondato il ricorso quando nella cartella di pagamento non appare la ricostruzione esatta degli importi pretesi il cui onere spetta all'ufficio.

Ancora i giudici di piazza Cavour, nella sentenza numero 4516/12 si sono espressi per la nullità dell'atto se nella cartella viene riportata solo la cifra globale degli interessi dovuti, senza l'indicazione di come si è arrivati a tale calcolo, non specificando le singole aliquote prese a base delle varie annualità.

Tuttavia, c'è anche da rilevare che, per giurisprudenza consolidata nel caso di mera liquidazione dell'imposta sulla base dei dati forniti dal contribuente medesimo nella propria dichiarazione, nonché qualora vengano richiesti interessi e sovrattasse per ritardato od omesso pagamento, il contribuente si trova già nella condizione di conoscere i presupposti di fatto e le ragioni giuridiche della pretesa fiscale, con l'effetto che l'onere di motivazione può considerarsi assolto dall'Ufficio mediante mero richiamo alla dichiarazione medesima (Ex multis ordinanza numero 5329/12).

E, dunque, posto che in giurisprudenza non esiste una linea netta di discrimine fra motivazioni giuste o ingiuste per l'impugnazione di una cartella di pagamento del tipo, per intenderci, bianco o nero, ma che sussistono ampie aree di grigio, il suggerimento è quello di affidarsi ad esperti del settore (sempre che l'importo iscritto a ruolo sia tale da giustificare le spese di consulenza) che possano valutare, anche approfondendo la documentazione prodromica alla notifica della cartella esattoriale, se ricorrano gli estremi per una impugnazione che presenti accettabili margini di successo.

19 settembre 2014 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

mediazione e ricorso cartella esattoriale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cartella esattoriale - sempre impugnabile anche se emessa in base alla dichiarazione dei redditi
Il contribuente può contestare una pretesa tributaria anche in sede di impugnazione della cartella emessa sulla base delle sue dichiarazioni: purché ovviamente tale cartella costituisca il primo atto con cui la pretesa viene portata a conoscenza dei contribuente. E non è affatto necessario che il contribuente versi quanto chiesto in ...
La cartella esattoriale è nulla se l'accertamento è stato omesso o è stato notificato in modo irregolare
E' nulla la cartella esattoriale di Equitalia se la riscossione pretesa con le cartella esattoriale o con gli avvisi di mora non è stata preceduta da un accertamento o quest’ultimo è stato notificato in modo errato. Il fisco perde i soldi chiesti con la cartella esattoriale o con gli avvisi ...
Ricorso – dove e quando se viene notificata una cartella pazza
Iscrizione a ruolo del debito e del debitore Quando lo Stato o un qualsiasi ente pubblico deve recuperare un credito derivante da sanzione amministrativa o da imposte, tasse, contributi, canoni non pagati, multe, ecc. vi provvede attraverso la cartella esattoriale. Accertato il debito, l'ente creditore (detto anche "ente impositore") lo ...
Cartella esattoriale e criteri addebito interessi - basta il riferimento alle norme applicate
Dalla Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Calabria (sentenza numero 406/7/14) alcune importanti precisazioni circa il vizio di nullità della cartella esattoriale derivante dalla presunta mancata, esaustiva indicazione della base del calcolo degli interessi moratori addebitati. Equitalia deve indicare i criteri utilizzati per l'addebito degli interessi moratori e per il proprio ...
Interessi moratori su cartella esattoriale - necessità di indicare il criterio di calcolo
Sono nulli gli atti dell'Agente della riscossione se non indicano il criterio di calcolo degli interessi moratori. Secondo una recentissima sentenza della Cassazione, gli atti dell'Agente della riscossione devono contenere l'indicazione della base di calcolo degli interessi, a pena di nullità (Cassazione, sezione tributaria, sentenza del 21 marzo 2012, numero ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca