Gratuito patrocinio - Riepilogo

Indice dei contenuti dell'articolo


Hanno diritto al gratuito patrocinio i titolari di reddito imponibile non superiore a 11.369,24 euro (Decreto del Ministero della Giustizia Pubblicato su Gazz. Uff. numero 169/14).

Ai fini del raggiungimento di questo limite si devono considerare anche i redditi dei familiari, aggiungendo a quello del richiedente i redditi posseduti dai conviventi.

L’istanza va presentata presso le Segreterie delle Commissioni Tributarie dove opera una Commissione per il patrocinio a spese dello Stato e deve contenere gli elementi indicati dagli artt. 78, 79 e 122 del DPR numero 115/2002.

Nei dieci giorni successivi alla presentazione dell’istanza, la Commissione decide, sulla base degli elementi forniti dal richiedente, la concessione del beneficio.

Il richiedente ammesso al patrocinio può scegliere il difensore (artt. 80 e 140, DPR numero 115/2002) tra gli iscritti negli elenchi degli avvocati per il patrocinio a spese dello Stato o nell’ambito degli altri albi ed elenchi indicati all’articolo 12, comma 2, decreto legislativo numero 546/92.

Hanno diritto al gratuito patrocinio i titolari di reddito imponibile non superiore a 11.369,24 euro (Decreto del Ministero della Giustizia Pubblicato su Gazz. Uff. numero 169/14).

Ai fini del raggiungimento di questo limite si devono considerare anche i redditi dei familiari, aggiungendo a quello del richiedente i redditi posseduti dai conviventi.

L’istanza va presentata presso le Segreterie delle Commissioni Tributarie dove opera una Commissione per il patrocinio a spese dello Stato e deve contenere gli elementi indicati dagli artt. 78, 79 e 122 del DPR numero 115/2002.

Nei dieci giorni successivi alla presentazione dell’istanza, la Commissione decide, sulla base degli elementi forniti dal richiedente, la concessione del beneficio.

Il richiedente ammesso al patrocinio può scegliere il difensore (artt. 80 e 140, DPR numero 115/2002) tra gli iscritti negli elenchi degli avvocati per il patrocinio a spese dello Stato o nell’ambito degli altri albi ed elenchi indicati all’articolo 12, comma 2, decreto legislativo numero 546/92.

Altre importanti informazioni sul gratuito patrocinio qui.

2 Agosto 2013 · Carla Benvenuto

Indice dei contenuti dell'articolo




Condividi il post e dona


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su gratuito patrocinio - riepilogo. Clicca qui.

Stai leggendo Gratuito patrocinio - Riepilogo Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 2 Agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Dicembre 2016 Classificato nella categoria difendersi dai creditori con il gratuito patrocinio - assistenza legale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • mario 24 Gennaio 2010 at 14:18

    salve, ho perso il lavoro l’anno scorso ad ottobre e quindi non ho più reddito, posso accedere al gratuito patrocinio

    • cocco bill 24 Gennaio 2010 at 17:12

      Certamente.

    • mario 24 Gennaio 2010 at 20:29

      Scusi, guardavo però i requisiti su un modello di domanda e ti chiedono espressamente i redditi dell’anno precedente, e nelle istruzioni specificano che se hai avuto redditi superiori a tot nell’anno precedente non ne hai diritto, mi sembra una ingiustizia , lei cosa dice? devo fare ugualmente la domanda?
      grazie