Fondo di garanzia INPS - Prescrizione del diritto al pagamento del TFR e prescrizione del diritto al pagamento delle ultime tre mensilità

Il fondo di garanzia "TFR e Crediti diversi" è un Fondo gestito dall'Inps che paga il trattamento di fine rapporto (TFR) e le ultime tre mensilità in sostituzione del datore di lavoro insolvente.

Il Fondo corrisponde per intero il TFR dovuto dall'imprenditore insolvente nella misura in cui risulta ammesso nello stato passivo della procedura concorsuale o, più in generale, accertato giudizialmente.

Il Fondo copre anche le retribuzioni maturate negli ultimi 3 mesi del rapporto di lavoro.

Il diritto del lavoratore di ottenere dall'INPS, in caso di insolvenza del datore di lavoro, la corresponsione del TFR a carico dello speciale fondo di garanzia, ha natura di diritto di credito ad una prestazione previdenziale ed è distinto ed autonomo rispetto al diritto del pagamento dei crediti di lavoro non corrisposti, diversi dal TFR.

Ne consegue che la decorrenza della prescrizione per il diritto al trattamento di fine rapporto non coincide con quella riguardante la prescrizione per il diritto alle retribuzioni maturate negli ultimi 3 mesi del rapporto di lavoro.

Per ottenere la prestazione del pagamento del TFR è necessaria una domanda amministrativa, domanda che può essere presentata solo dopo la verifica dell'esistenza e della misura del credito, in sede di ammissione al passivo fallimentare o della liquidazione coatta amministrativa, ovvero, in caso di datore di lavoro non assoggettato a procedure concorsuali, dopo la formazione di un titolo esecutivo e l'esperimento infruttuoso, in tutto o in parte, dell'esecuzione forzata.

Pertanto la prescrizione decennale del diritto alla corresponsione del TFR decorre al verificarsi dei presupposti previsti dalla legge (insolvenza del datore di lavoro, verifica dell'esistenza e misura del credito in sede di ammissione al passivo, ovvero all'esito di procedura esecutiva).

Invece, la prescrizione del diritto al rimborso dei crediti di lavoro non corrisposti (retribuzioni maturate negli ultimi 3 mesi del rapporto di lavoro) è annuale e decorre dalla cessazione del rapporto di lavoro.

Gli atti interruttivi della prescrizione del diritto al rimborso delle retribuzioni maturate negli ultimi 3 mesi del rapporto di lavoro, sono:

  1. la domanda diretta all'apertura della procedura concorsuale, a carico del datore di lavoro, se il lavoratore ha cessato il proprio rapporto prima dell'apertura della procedura stessa;
  2. il deposito in Tribunale del ricorso per la tutela dei crediti di lavoro, nel caso in cui l'intervento del Fondo avvenga a seguito di esecuzione individuale;
  3. il provvedimento di messa in liquidazione, di cessazione dell'esercizio provvisorio, di revoca dell'autorizzazione alla continuazione all'esercizio di impresa, per i lavoratori che dopo l'apertura di una procedura concorsuale abbiano effettivamente continuato a prestare attività lavorativa.

Così si sono espressi i giudici di legittimità nell'ordinanza 12971 del 9 giugno 2014.

25 giugno 2014 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Recupero TFR - Ecco come ottenerlo tramite il Fondo di Garanzia INPS quando l'azienda presso cui lavori presenta domanda di concordato preventivo
E' possibile recuperare il TFR (trattamento di fine rapporto) tramite il fondo di garanzia dell'INPS nel caso in cui la vostra azienda abbia presentato domanda di concordato preventivo. Quando l'azienda presso cui lavorate manifesta dei segnali di rischio potenziale come pagamenti insoluti, è bene cominciare a drizzare le antenne. Dunque, ...
Il TFR del lavoratore ammesso al passivo fallimentare deve essere erogato dal fondo di garanzia INPS
L'INPS non può negare l'esistenza del diritto al TFR e alle ultime tre mensilità se si tratta di crediti ammessi al passivo in sede di procedura concorsuale. Ciò perchè l'INPS subentra ex lege nel debito del datore di lavoro insolvente, previo accertamento del credito del lavoratore e dei relativi accessori ...
Fallimento del datore di lavoro » Se giudice dispone il pagamento del Tfr ai dipendenti dall'Inps quest'ultimo non può contestarlo
In caso di fallimento del datore di lavoro, qualora il giudice delegato del fallimento abbia disposto il pagamento, ai dipendenti, del Tfr da parte dell'Inps, quest'ultimo non può contestare tale decisione. L'esecutività dello stato passivo che abbia accertato in sede fallimentare l'esistenza e l'ammontare di un credito per TFR in ...
Contratti a termine » La prescrizione del credito retributivo del lavoratore
Quando interviene la prescrizione dei crediti retributivi del lavoratore nei contratti a termine? Nel caso in cui, tra le stesse parti intervengono più contratti a termine, il termine di prescrizione dei crediti retributivi inizia a decorrere, per i crediti che sorgono nel corso del rapporto lavorativo dal giorno della loro ...
Prescrizione per i contributi INPS dovuti e non versati
La prescrizione è un evento estintivo del diritto di versare/recuperare i contributi, legato al decorso di un periodo di tempo determinato dalla legge. Entro il termine di prescrizione i contributi non versati possono essere validamente: pagati con regolarizzazione da parte del datore di lavoro (lavoro dipendente), o del lavoratore stesso ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su fondo di garanzia inps - prescrizione del diritto al pagamento del tfr e prescrizione del diritto al pagamento delle ultime tre mensilità. Clicca qui.

Stai leggendo Fondo di garanzia INPS - Prescrizione del diritto al pagamento del TFR e prescrizione del diritto al pagamento delle ultime tre mensilità Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 25 giugno 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca