La famiglia e il patrimonio » Focus sui rapporti patrimoniali tra coniugi: dalla separazione dei beni alla costituzione di fondi patrimoniali

Breve viaggio nel mondo del regime patrimoniale della famiglia: tutto su comunione dei beni, separazione, fondo patrimoniale e altro ancora.

Prima di cominciare a esaminare la situazione nel dettaglio, un po' di storia.

Prima della riforma del diritto di famiglia, del 1975, spettava al marito somministrare alla moglie tutto ciò che era necessario ai bisogni della vita, in proporzione alle sue sostanze.

La moglie doveva a sua volta contribuire al mantenimento del marito, solo se quest'ultimo non possedeva mezzi sufficienti.

L'introduzione dell'eguaglianza giuridica tra i coniugi ha imposto l'obbligo per entrambi di contribuire ai bisogni della famiglia in proporzione delle rispettive sostanze e capacità di lavoro professionale o casalingo. Gli sposi regolano i propri rapporti patrimoniali scegliendo un regime patrimoniale.

La riforma ha innovato profondamente anche questo settore.

Infatti, prima del 1975, il regime consisteva nella separazione dei beni ed era ammissibile la comunione solo mediante la stipulazione di convenzioni matrimoniali.

Oggi, invece, la legge disciplina i seguenti regimi patrimoniali:

  • comunione dei beni cc 159: è il regime legale ordinario, che opera sempre, qualora le parti non abbiano stabilito diversamente; è dunque derogabile e riguarda esclusivamente i beni acquistati durante il matrimonio;
  • separazione dei beni: può essere scelta dai coniugi tramite dichiarazione nell'atto di celebrazione del matrimonio, o attraverso una convenzione; con la separazione ogni parte conserva la proprietà di tutti i beni e l'esclusiva amministrazione di essi;
  • fondo patrimoniale cc da 167 a 171: viene attuato tramite una convenzione matrimoniale o per testamento, e consiste nel vincolare un patrimonio separato ai bisogni della famiglia;
  • comunione convenzionale: viene attuata per mezzo di una convenzione e consente di modificare determinati aspetti della comunione legale dei beni.

Nell'articolo che segue, dunque, tenteremo di analizzare le varie forme di regime patrimoniale familiare una per una.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la famiglia e il patrimonio » focus sui rapporti patrimoniali tra coniugi: dalla separazione dei beni alla costituzione di fondi patrimoniali. Clicca qui.

Stai leggendo La famiglia e il patrimonio » Focus sui rapporti patrimoniali tra coniugi: dalla separazione dei beni alla costituzione di fondi patrimoniali Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 20 aprile 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria comunione e separazione dei beni fra coniugi - beni indivisi Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 8 novembre 2018 at 20:44

    Salve, vorrei sapere se, in costanza di matrimonio, con regime di separazione, i coniugi siano titolati a conoscere la situazione patrimoniale (beni immobili e titoli di credito) uno dell’altro.

    • Simone di Saintjust 9 novembre 2018 at 09:30

      Il diritto di accesso regolato dalla legge 241 del 1990 è riconosciuto al coniuge, anche in pendenza del giudizio di separazione o divorzio, per accedere alla documentazione fiscale, reddituale e patrimoniale dell’altro coniuge, al fine di difendere il proprio interesse giuridico, attuale e concreto, la cui necessità di tutela è reale ed effettiva e non semplicemente ipotizzata. In particolare, costituiscono oggetto dell’accesso (nella forma della sola visione) anche le “comunicazioni” relative ai rapporti finanziari: gli atti in questione rientrano nell’ampia nozione di documento amministrativo di cui all’articolo 22 della legge 7 agosto 1990, nr. 241, trattandosi di atti utilizzabili dall’Amministrazione finanziaria per l’esercizio delle proprie funzioni istituzionali, ancorché non formati da questa. La tutela degli interessi economici e della serenità dell’assetto familiare, soprattutto nei riguardi dei figli minori delle parti in causa, prevale o quantomeno deve essere contemperata con il diritto alla riservatezza previsto dalla normativa vigente in materia di accesso a tali documenti sensibili del coniuge (TAR Puglia sentenza 94/2017).



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca