Whatsapp e novità - Sull'app di messaggistica istantanea arriva la pubblicità?

Mio fratello mi stava dicendo che a breve su Whatsapp arriverà la pubblicità: spero vivamente che non sia vero, poiché è rimasto l'ultimo posto dove non essere importunati dagli annunci.

Voi sapete qualcosa in merito?

Dopo la conquista di Facebook e Instagram, gli inserzionisti di tutto il mondo si stanno preparando ad invadere, con il nullaosta di Zuckerberg, l'ultimo baluardo rimasto senza pubblicità: naturalmente stiamo parlando della famosissima app di messaggistica, Whatsapp.

In realtà, parliamoci chiaro, la pubblicità su WhatsApp non è neanche una grande novità.

Certo è che da quando è nata, l'app di messaggistica di Brian Acton e Jan Koum, poi acquistata dal padre fondatore di Facebook, qualcosa deve essere cambiato profondamente, ma forse quello che è cambiato è semplicemente il mercato.

Agli albori dell'app i due vantavano il motto No ads, no games, no gimmicks.

Attualmente, però, quello della messaggistica è un mercato ben più profondo e radicato nell'immaginario collettivo delle masse.

Ed è, principalmente, un'ottima occasione per fare business.

Dunque, c'è poco da fare: WhatsApp introdurrà le sue pubblicità a partire dal terzo trimestre del 2019, forse anche dal prossimo mese di gennaio.

La compagnia tiene a sottolineare, però, che le pubblicità esposte non saranno invasive e non aggrediranno le conversazioni degli utenti.

Le pubblicità arriveranno sulle Stories, o nel caso di Whatsapp gli "Stati", come del resto già successo su Instagram.

Sembra si eviteranno fenomeni di spamming e di intrusione, anche se tuttavia pare che verranno date possibilità alle aziende di contattare gli utenti finali.

Bisogna dire che applicazioni business inserite su WhatsApp potrebbero risultare molto utili: ad esempio è il caso degli sms bancari, inviati dagli istituti di credito per informare gli utenti di eventuali operazioni bancarie effettuate o ricevute dal cliente.

Le aziende potrebbero quindi utilizzare sistemi automatizzati di contatto dei propri clienti e quest'ultimi potrebbero accedere ad informazioni utili tramite la nota applicazione.

Certo sarà importante, per l'applicazione dall'icona verde, incrementare e migliorare la protezione dei dati personali e della privacy degli utenti, considerando che la crittografia end-to-end, una volta promossa la pubblicità potrebbe non garantire la totale affidabilità da questo punto di vista.

Di certo, il noto sistema di messaggistica istantanea sta assumendo sempre di più un forte ruolo anche dal punto di vista commerciale per le aziende.

9 ottobre 2018 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet social e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La piastrina magnetica non protegge dalle radiazioni » Antitrust sanziona Auracell per pubblicità ingannevole
L'Antitrust (Agcm) ha sanzionato la società che produce il noto marchio Auracell per pubblicità ingannevole: in realtà il prodotto non protegge dalle radiazioni del telefonino. Come ci si può difendere dalle radiazioni elettromagnetiche emesse da cellulari e cordless? Come tutelarsi dal rischio di contrarre gravi malattie con l'uso prolungato dei ...
Pubblicità ingannevole comparativa » Multata la società che produce Dixan
L'Autorità Garante della Concorrenza ed il Mercato (Agcm) ha inflitto una pesante multa alla Henkel, società produttrice del noto marchio Dixan, per pubblicità ingannevole comparativa. A parere dell'antitrust, infatti, Dixan non lava meglio di Dash. Prima di descrivere i dettagli della vicenda, è bene definire cosa significa pubblicità ingannevole e ...
Cattivi pagatori e schedatura nei SIC – Informazioni da Tribunali e Uffici di Pubblicità Immobiliare
Si tratta di informazioni pubbliche, ossia messe a disposizione di tutti i soggetti interessati dalle fonti stesse da cui provengono (Tribunali e Uffici di Pubblicità Immobiliare - le ex Conservatorie), che riguardano il valore patrimoniale degli immobili posseduti da persone fisiche e giuridiche e permettono di valutare eventuali situazioni di ...
Prestiti on line - pubblicità ingannevole, pratiche scorrette e comportamenti aggressivi nel recupero crediti
Bankitalia, in quanto competente in materia di credito ai consumatori ha recentemente effettuato, congiuntamente con l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust), competente nel settore delle pratiche commerciali scorrette - attività di monitoraggio sui siti internet di 15 intermediari nazionali rappresentativi del comparto del credito al consumo. L'indagine ha ...
Pubblicità comparativa » Prodotti non omogenei? E' concorrenza sleale
In tema di pubblicità comparativa, vi è concorrenza sleale se il video dello spot, anche pubblicato sul web, mette a confronto due prodotti non omogenei tra loro in quanto appartenenti a categorie differenti. Parola del Tribunale di Milano. Pubblicità comparativa: Prodotti non omogenei? E' concorrenza sleale » Di cosa si ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca